magazine

tutti gli articoli

Cerco casa: consigli utili per scegliere una agenzia immobiliare

Cerco casa: come fare a districarsi nel mondo delle agenzie immobiliari, scegliendo quella che più fa al caso proprio? Ecco una guida interessante ed esaustiva per chi ha intenzione di comprare o affittare casa!

Scegliere l'agenzia immobiliare giusta, quella che possa realmente prendersi a cuore il nostro caso e che ci guidi passo per passo in ogni tappa di quel lungo processo che è la vendita o l'acquisto della propria casa, è meno semplice di quanto possa apparire, ma anche di fondamentale importanza. Potersi affidare a un'agenzia immobiliare competente e affidabile consente infatti di risparmiare tempo, facendo al contempo scelte oculate e ed evitando i passi falsi tipici di chi non ha dimestichezza con la materia. A volte, quando si deve vendere o anche acquistare casa, si preferisce fare da soli anche per risparmiare la famosa percentuale che andrebbe versata all'agenzia, ma così facendo si rischia non solo di perdere tempo, ma anche più denaro del previsto a causa di intoppi burocratici e cavilli tecnici che solo chi è del settore riesce a sbrogliare in maniera agevole. Fermo restando dunque che l'agenzia immobiliare rappresenta l'intermediario perfetto tra venditore e acquirente, come scegliere quella giusta? Tanto per cominciare, è importante affidarsi a dei professionisti del settore.
Ciò vuol dire che l'agenzia immobiliare in questione deve essere iscritta nell’apposita sezione della Camera di Commercio, requisito fondamentale per svolgere la professione con competenza e affidabilità; non solo, perché l'agente deve obbligatoriamente usare esclusivamente i moduli depositati in Camera di Commercio, così come prevede la legge in vigore. Quando poi l'acquirente/venditore dell'immobile andrà a sottoscrivere il contratto di incarico oppure la proposta immobiliare, ogni accordo da essi escluso andrà anch'esso messo per iscritto, prestando attenzione alle eventuali penali e alle clausole di rinnovo automatico che spesso legano il cliente all'agenzia più a lungo di quanto questa vorrebbe. Un buon agente immobiliare è quello che spiega correttamente e in maniera esaustiva al proprio cliente tutto l'iter da seguire e quali obblighi ha nei confronti dell'agenzia immobiliare e del cliente, ma anche di quali diritti gode. Un'altra tappa fondamentale per scegliere l'agenzia immobiliare migliore è rappresentata dalla valutazione dell'immobile, ovvero dalla stima del valore della casa.

In questo caso è bene diffidare di chi fa valutazioni eccessive, perché talvolta queste servono solo a sedurre il cliente che ovviamente dalla vendita spera di ricavare il più possibile. L'agenzia immobiliare più affidabile è quella che ti offre la valutazione più congrua e sincera sulla base del posizionamento e delle condizioni interne dell'immobile, oltre che della metratura. A tal proposito è bene informarsi prima in maniera autonoma, cercando di capire che costo al metro quadro hanno le case dei dintorni (e soprattutto a quel prezzo si vendono poi realmente). L'agente che spara prezzi altissimi spesso è colui che desidera accaparrarsi più mandati di vendita, il che vuol dire che non ha già un buon portafoglio clienti. Non è detto che gli agenti migliori facciano parte delle agenzie immobiliari più grosse e conosciute. Un grande nome, infatti, non necessariamente è sinonimo di professionalità, dal momento che per utilizzare un marchio, un agente non deve superare alcun esame: deve solo pagare le royalty.
Per questo motivo è importate creare fin da subito un rapporto di fiducia con il proprio agente, il quale deve mostrarsi comprensivo ma anche fermo quando fate richieste irrealistiche o eccessive, deve informarsi e informare ma anche mostrare curiosità e interesse. La curiosità, soprattutto, è una caratteristica fondamentale. Si può valutare la bravura e la competenza di un'agenzia immobiliare dalle domande che pone l'agente quando viene a visitare l'abitazione o dalle informazioni che dà quando la mostra: un buon agente va subito al punto, fa domande essenziali, mirate e importanti. Per valutare un immobile e definirne la richiesta potenziale, per esempio, bisogna che l’agente immobiliare chieda informazioni sulla regolarità urbanistica della casa, sulle ipoteche, sulla titolarità del possesso, sulla situazione del condominio (se ci sono lavori in programma o in corso, se da poco è stata rifatta la facciata o se è in programma l'inserimento dell'ascensore esterno). Una volta ottenute tutte queste informazioni e fatta la valutazione della casa, però, il lavoro dell'agente immobiliare non è certo finito. Anzi, è proprio ora che comincia la parte più difficile, perché un'agenzia immobiliare leader nel settore è quella che assicura ai propri clienti una buona dose di pubblicità e visibilità. Bisogna partire dal presupposto che ogni casa ha il suo acquirente ideale: tutto sta nel trovarlo, ma riuscirci è impossibile se non si hanno gli strumenti per mettere in contatto domanda e offerta, facendo in modo di proporre l'immobile ai clienti giusti, quelli che cercano proprio una casa del genere. A tal proposito, molto utili sono le reti di agenzie e i portali comuni che consentono lo scambio di informazioni e, perché no, anche di clienti!

Potrebbe interessarti anche