magazine

tutti gli articoli

L'importanza dell'amministrazione condominiale

Requisiti morali e professionali degli amministratori di condominio

La legge stabilisce che nei condomini debba essere presente un amministratore condominiale, affidarsi ad un professionista del settore, oltre ad essere un obbligo nei condomini con più di 8 condomini, è una sicurezza in quanto permette di gestire in modo professionale e nel pieno rispetto di tutte le normative le incombenze e i contratti di cui il condominio stesso è titolare. L'amministratore di condominio può essere un singolo o una società, in ogni caso è necessario che abbia dei requisiti morali e dei requisiti professionali per poter esercitare tale professione. I requisiti morali sono essenziali in quanto l'amministratore nel corso della sua attività deve maneggiare denaro appartenente ad altri soggetti e quindi si richiedono gli stessi requisiti di chi ha maneggio di denaro pubblico, ad esempio il godimento di diritti civili e l'assenza di condanne penali. I requisiti professionali, invece, richiedono il possesso di un diploma di scuola superiore di secondo grado e l'aver seguito un corso di formazione specifico. Nel caso in cui l'incarico sia conferito ad una società i requisiti visti devono essere posseduti dai soci illimitatamente responsabili dagli amministratori e dai dipendenti incaricati di eseguire le funzioni di amministratore.


L'amministratore di condominio ha un ruolo essenziale, infatti, suo compito è gestire in nome e per conto dei condomini le parti comuni. Per fare questo si avvale anche del regolamento di condominio che è suo ruolo applicare e far rispettare. Ha l'obbligo di convocare l'assemblea di condominio annualmente e di eseguire le delibere. Incassa le rate condominiali e paga i fornitori, il tutto attraverso il conto corrente del condominio sul quale può operare. In questo modo è possibile sempre controllare entrate ed uscite. Non può in alcun modo erogare somme in contanti. Nel caso in cui siano presenti condomini morosi è obbligato ad agire anche per vie legali contro gli stessi. Molto importanti sono anche gli adempimenti fiscali, infatti, l'amministratore di condominio deve presentare la certificazione unica dei redditi e il modello 770 relativo ai redditi dei sostituti d'imposta. Dal punto di vista fiscale deve eseguire anche tutti gli adempimenti relativi ai dipendenti dello stabile, ad esempio il portiere per il quale deve versare contributi ed agisce quale sostituto d'imposta. Nel caso in cui vi siano delle anomalie rilevate dall'Agenzia delle Entrate, la sanzione viene applicata al condominio che può però rivalersi nei confronti dell'amministratore di condominio.







Martorelli Carlo si occupa di amministrazione di condomini e proprietà immobiliari. Affidarsi ad un professionista serio vuol dire avere la certezza di non dover sopportare in seguito problemi con l'Agenzia dell'Entrate, oppure le conseguenze di una cattiva gestione amministrativa. Dal momento del ricevimento dell'incarico sarà suo compito eseguire tutte le pratiche necessarie ad una corretta amministrazione e gestione delle parti comuni. La perfetta conoscenza di tutti gli obblighi ricadenti nella sfera del condominio permette una gestione efficiente, senza ritardi, omissioni o altri errori che possano in futuro gravare sui singoli proprietari delle unità abitative. In caso di necessità di eseguire lavori sarà compito dell'amministratore Martorelli cercare la soluzione economicamente più vantaggiosa e allo stesso tempo verificare la corretta esecuzione di tutti i lavori. La divisione delle spese sarà eseguita nel pieno rispetto delle quote condominiali grazie anche alla ripartizione millesimale che assicura la totale rispondenza tra quanto pagato e quanto sia realmente di competenza del singolo condomino. Carlo Martorelli si occupa anche della corretta gestione dei registri, come il registro anagrafico, di contabilità, il registro dei verbali e di nomina e revoca degli amministratori.


Potrebbe interessarti anche