Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

MAGAZINE

chiedi preventivo

8 regole d'oro per valorizzare oggetti di antiquariato in casa

L'antiquariato nell'arredamento è uno stile che viene spesso mixato con elementi d'arredo più moderni, se non addirittura contemporanei: ecco le regole per farlo senza sbagliare

Oggetti antiquariato
Chiedi un preventivo per ARREDAMENTO richiedi un preventivo gratis

L’antiquariato sta conquistando negli ultimi anni sempre più persone, con molti fan anche tra chi ama lo stile moderno e contemporaneo.

Sulle riviste di design si notano spesso accostamenti all’apparenza audaci, che in realtà sono estremamente affascinanti, tra mobili antichi e moderni.

Si tratta di una moda molto in voga, che riesce a rendere unico e originale anche l’ambiente più anonimo, donando carattere a qualsiasi casa, grande o piccola che sia. Il più delle volte non è necessario che l’alternanza sia eccessivamente marcata, infatti bastano pochi tocchi per personalizzare la camera da letto, il soggiorno, la cucina o persino l’ingresso.

Tuttavia l’accostamento di mobili antichi e moderni è qualcosa che richiede non solo una certa competenza in fatto di design, una capacità che può essere acquisita nel tempo anche da semplici appassionati, ma anche un notevole gusto. Quest’ultimo è indispensabile per capire quando e dove osare, soprattutto per non esagerare, correndo il rischio di ricreare un’atmosfera quasi caricaturale o peggio ancora pacchiana e di pessimo gusto.

Come abbinare mobili antichi e moderni

È importante che chi desidera accostare mobili d’antiquariato e moderni segua un vademecum di regole, linee guida che aiutano a non sbagliare. Il primo aspetto fondamentale è appunto evitare le esagerazioni.

Il contrasto tra complementi d’arredo moderni e contemporanei con dei mobili antichi è sicuramente di grande effetto, ad esempio accostando una poltroncina vintage pelle a una lampada da terra di design.

Oppure basta comprare un vecchio mappamondo in un mercatino d’antiquariato per sistemarlo in un salotto contemporaneo, magari su una consolle o sul tavolino del salotto.

Tuttavia è fondamentale che gli elementi vintage, siano essi suppellettili o veri e propri complementi d’arredo, vengano messi in risalto nell’ambiente circostante.

Se non fosse così, infatti, si correrebbe il rischio di fare un errore, ostentando una combinazione senza senso di mobili antichi e moderni messi un po’ a casaccio. Un’altra regola fondamentale, da tenere sempre bene a mente, è quella di avere rispetto per ogni ambiente.

Estetica e stile per combinare i mobili d’antiquariato

Le stanze delle propria abitazione si caratterizzano per dei canoni estetici precisi, che non vanno stravolti ma bensì esaltati anche attraverso la combinazione tra mobili d’antiquariato e complementi d’arredo moderni.

Inserire un comò in stile barocco in camera da letto non troppo spaziosa, per esempio, è sconsigliabile non solo perché non sarebbe funzionale, occupando inutilmente uno spazio che magari potrebbe essere sfruttato ma perché risulterebbe ridondante, ingombrante e non lo verrebbe valorizzato come meriterebbe.

Lo stesso mobile farebbe una gran figura invece in soggiorno o in sala da pranzo, dove risalterebbe quale pezzo forte dell’ambiente e verrebbe ammirato da tutti gli ospiti.

Il rispetto è un po’ la parola chiave quando si parla di design e d’antiquariato, infatti la terza regola prevede che dopo il rispetto degli spazi viene anche quello per lo stile. Q

uesta indicazione vuole che i complementi d’arredo dalle forme massicce vadano accompagnarti con mobili dalle linee essenziali e pulite, mentre un elemento particolarmente carico nello stile risalta meglio se viene affiancato da oggetti dalle linee delicate.

Equilibrio e creatività per un design perfetto

Un’altra importante considerazione da fare riguarda gli spazi, che devono essere sempre ben equilibrati, anche quando si ha a che fare con mobili d’antiquariato.

È preferibile lasciare sempre un po’ di spazio libero tra i singoli elementi, senza osare sequenze che rischino di apparire disordinate e caotiche, rimpicciolendo l’ambiente e coprendo le pareti.

Del resto, come sa bene chi si occupa di design a livello professionale, l’arredamento riuscito è quello che riesce a trovare un equilibrio perfetto in qualsiasi ambiente, creando armonia tra la luce, gli oggetti e lo spazio.

L’ultimo consiglio è quello di seguire la fantasia e l’ispirazione del momento, perché spesso le idee più belle e riuscite vengono proprio quando meno lo si aspetta.

Sono frutto della felice intuizione di un attimo fugace, dell’idea improvvisa secondo cui alcuni colori, forme e stili possono essere accostati anche se all’apparenza non c’entrano nulla uno con l’altro.

Ecco che abbinamenti impensabili e teoricamente anche sconsigliati si trasformano in mix riuscitissimi, che nella loro improbabilità sembrano calzare a pennello l’uno affianco all’altro.

Del resto anche l’abbinamento di mobili antichi comprati in qualche mercatino d’antiquariato con dei mobili moderni è un modo di osare, un qualcosa che teoricamente non andava fatto, almeno fino a quando qualcuno non lo fa per la prima volta scoprendo che non si trattava di un’idea poi così folle!

Volete un consiglio professionale? Contattate un esperto e fatevi suggerire come valorizzare i vostri pezzi o mobili di antiquariato.

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a ARREDAMENTO

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA
  • mobili antichi
  • mercatino antiquariato
  • mobili antiquariato