MAGAZINE
Logo Magazine

Consigli per realizzare una casa in stile shabby

Non occorrono grosse spese per ricreare in casa lo stile shabby chic. Di seguito troverai degli utili consigli per trasformare i tuoi arredi in stile shabby

Chiedi un preventivo per
arredamento
richiedi un preventivo gratis

Tra le tendenze più forti del settore arredo vi è lo stile shabby. Tuttavia, sebbene il termine shabby chic sia utilizzato in diversi contesti (dal mondo casa agli allestimenti per matrimoni ed eventi), non a tutti è chiaro il suo significato. Del resto, “shabby” significa “invecchiato”, “logoro”, ed ecco che comprenderlo – se non si è un architetto, un interior designer o comunque un conoscitore del settore – può non essere semplicissimo.

Avere un casa shabby significa arredare le sue stanze con mobili perfetti per il fai da te. Mobili antichi preferibilmente ricchi d’intarsi: sono infatti questi i modelli più indicati, perché su di essi la vernice attecchisce alla perfezione andando a creare l’effetto “polveroso” tipico di questo stile. Bugne, fregi, intarsi: più sono lavorati, e dunque anche un po’ kitsch nella loro condizione originale, più i colori dello stile shabby sapranno rendere chic i nostri arredi.

Casa shabby: consigli per il fai da te

Sebbene per il proprio arredamento shabby ci si possa rivolgere ad un arredatore specializzato proprio in questo stile, o acquistare mobili pronti per essere installati, le soddisfazioni più grandi le regala il fai da te. Del resto, è sufficiente dotarsi di una vernice a gesso per regalare a vecchi mobili un aspetto shabby.

Una volta scovati i pezzi giusti (tavoli, sedie, credenze, comò), meglio se nei mercatini dell’usato e possibilmente dall’aspetto vissuto, basterà dipingerli perché diventino i protagonisti della vostra casa shabby. Le pareti andranno dipinte di bianco, mentre i pavimenti perfetti sono in legno chiaro. Se avete dei quadri, assicuratevi che le loro cornici siano candide; se vi piacciono i tappeti, sceglieteli avorio oppure grigio perla.

Come trasformare i propri arredi dando loro un gusto shabby

Non serve investire grossi capitali per ricreare in casa lo stile shabby chic. Ad esempio, non è necessario cambiare i divani: basta ricoprirli con teli di lino o di cotone grezzo, bianchi oppure beige, e decorarli con cuscini in tinta. Mentre, sedie e tavolini, basterà dipingerli d’avorio o magari con una tinta verde pallido.

Tra gli oggetti shabby non possono mancare lampade e lampadari: al bando i modelli decorati, via libera ai paralumi candidi. E poi le tende, che dovranno essere in tinta unita (rigorosamente chiara) o avere disegni di cuori, fiori o pois. Sempre ricordando che, i colori perfetti, sono il bianco in tutte le sue sfumature, il tortora e le tinte pastello dall’aspetto polveroso.

È coi colori chiari, infatti, che i mobili andranno dipinti. Per poi essere decorati ad effetto usurato e invecchiato, per ricreare quell’aspetto di cornice scrostata e la patina di polvere tipici di una casa shabby. E chiari dovranno essere anche i tessuti: il lino, il cotone, i tessuti antichi accostati al pizzo, i copriletti ricamati con volant o realizzati all’uncinetto. Sempre nelle varianti dell’ecrù, del bianco puro o dello sbiancato.

Infine, ci sono oggetti shabby che proprio in casa non possono mancare: una bilancia vintage in cucina, i merletti della nonna in camera, un lampadario con gocce di cristallo in salotto, accessori in ferro o in ceramica per il bagno. Piccoli e immancabili pezzi, da scovare magari nei mercatini dell’usato. Rivolgiti a un professionista dell’arredamento e richiedi subito un preventivo senza impegno.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a arredamento
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali