Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

MAGAZINE

chiedi preventivo

Bagno e antibagno: obblighi di legge per privati e imprese

Tutto quello che c’è da sapere sull’antibagno: normative vigenti, dimensioni previste per legge, deroghe ai regolamenti comunali e consigli su come arredarlo.

Antibagno obbligatorio
Chiedi un preventivo per BAGNO, DOCCIA richiedi un preventivo gratis

Il bagno è una delle stanze principali della casa, eppure non tutti sanno che per costruirne o ristrutturarne uno è necessario rispettare precise normative edilizie ed igienico-sanitarie. A stabilire per legge quali siano le caratteristiche di un bagno a norma è il Decreto ministeriale n. 190 del 1975, col quale viene introdotto l’antibagno obbligatorio. Ma di cosa si tratta esattamente?

Per quanto riguarda gli alloggi a scopo abitativo, la normativa attualmente in vigore prevede l’obbligo di un locale filtro tra il bagno e le altre camere della casa. In sostanza, è necessario che siano presenti almeno due porte a separare i sanitari dalla cucina, dal soggiorno o dalla camera da letto. Anche per i locali pubblici e gli esercizi commerciali è previsto un antibagno obbligatorio, specie per le attività di vendita o conservazione alimenti, ma le prescrizioni in materia possono variare in base ai singoli regolamenti comunali, prevedendo deroghe ed eccezioni.

Dimensioni minime di un antibagno a norma

La complessità nel progettare adeguatamente un antibagno deriva dalla moderna concezione degli spazi abitativi. Mentre negli anni ’60 e ’70 nella maggior parte degli appartamenti era prevista la presenza di un ingresso tradizionale dotato di porte, in modo da rispettare senza problemi i paletti normativi, oggi la tendenza è realizzare zone living open space, col rischio che vi sia una sola porta di separazione tra il bagno e una zona giorno o una cucina a vista. In questi casi, l’unica soluzione possibile è ripensare il bagno procedendo a una ristrutturazione mirata, grazie all’aiuto di un idraulico di fiducia. La normativa vigente a livello nazionale non indica le dimensioni precise, ma molti regolamenti comunali stabiliscono che tale locale debba essere largo almeno 1 x 1,2 metri. All’interno vi si può collocare un lavabo in presenza di pavimentazione antiscivolo, mentre i sanitari vanno opportunamente installati in uno spazio separato. La presenza di una finestra non è obbligatoria purché l’antibagno sia dotato di un sistema di ventilazione forzata.

Consigli utili per sfruttare lo spazio dell’antibagno

Un’idea interessante per recuperare spazio e sfruttare al meglio l’antibagno è trasformarlo in un comodo locale lavanderia, installando una lavatrice, un’asciugatrice e un mobile contenitore dove poter tenere in ordine detersivi, prodotti per l’igiene personale e asciugamani. È infatti sufficiente una porta scorrevole o a soffietto a separare i sanitari dalla zona lavanderia. In alternativa, si può pensare di utilizzare l’antibagno come un vero e proprio disimpegno o uno spogliatoio dove riporre temporaneamente scarpe, vestiti e accessori. Se la metratura lo consente, si può addirittura ricavare una piccola cabina armadio valorizzando lo spazio a disposizione attraverso specchi e porte a scomparsa.

L’antibagno è obbligatorio anche nei locali pubblici?

L’obbligo dell’antibagno riguarda da vicino anche gli esercizi commerciali per la vendita di bevande e alimenti. Bar, ristoranti e pizzerie devono attenersi alle norme igienico-sanitarie dei regolamenti comunali e necessitano di un’autorizzazione da parte dell’ASL. Sostanzialmente è vietato dotare un locale pubblico di bagni privi di antibagno in prossimità di spazi dove avviene la manipolazione, il deposito o la vendita di cibo. È, invece, consentita la presenza di un antibagno in comune tra i bagni per i clienti e quelli destinati ai dipendenti. Eventuali deroghe, come quelle previste per le toilette dei locali ospitati all’interno di edifici storici, vanno richieste preventivamente onde evitare multe e altre sanzioni amministrative.

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a BAGNO, DOCCIA

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA
  • antibagno
  • bagno