Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

MAGAZINE

chiedi preventivo

Riscaldamento a pellet: una soluzione per risparmiare

ll riscaldamento a pellet garantisce il massimo della convenienza e dell'efficienza: ecco i principali vantaggi di questo prodotto innovativo

Il riscaldamento a pellet, al giorno d'oggi, è un'ottima alternativa per ottenere importanti risparmi sui consumi e avere allo stesso tempo il massimo della funzionalità a disposizione.

Chiedi un preventivo per RISPARMIO ENERGETICO E FOTOVOLTAICO richiedi un preventivo gratis

Risparmiare con questi impianti è dunque possibile, tuttavia occorre comprendere quali sono i reali vantaggi e quanto si può davvero risparmiare se si desidera installare questo prodotto al posto di una vecchia caldaia.

Il sistema di riscaldamento a pellet, infatti, può sostituire del tutto oppure in parte la caldaia, a seconda delle proprie esigenze. Innanzitutto occorre tenere in considerazione che la legna è più economica rispetto ai combustibili fossili, come il gasolio e il metano, inoltre le termostufe a pellet permettono di usufruire dei contributi dello stato grazie alle minori emissioni di CO2.

Ma qual è il reale risparmio ottenibile installando un impianto di riscaldamento a pellet al posto di una normale caldaia?

Per capirlo basta prendere in considerazione alcuni semplici esempi, in modo tale da avere le idee chiare su come risparmiare sulla bolletta. Una famiglia numerosa che risiede all'interno di un'abitazione indipendente di ampie dimensioni, dotata di una tradizionale caldaia a gasolio, per avere una temperatura ottimale per almeno mezza giornata deve sostenere una spesa energetica di oltre 4000 euro l'anno, perciò il costo delle bollette si aggirerà intorno ai 700 euro al mese nei mesi invernali durante il periodo di maggiore utilizzo.

Stufe a pellet: quale scegliere?

Come abbiamo visto le caldaie tradizionali richiedono cifre piuttosto elevate per la loro gestione, che spesso spingono le famiglie a limitare l'uso del riscaldamento tenendo più basse le temperature nell'abitazione, poiché diminuendo le ore di riscaldamento le stanze sono più fredde anche se meno confortevoli.

Per questo motivo sono tantissime le persone che prendono in considerazione l'idea di sostituire la vecchia caldaia con una stufa o un camino a pellet, tuttavia è indispensabile conoscere questo prodotto prima di effettuare il cambiamento. Attualmente esistono diverse soluzioni sul mercato, infatti si può scegliere sia di sostituire parzialmente la caldaia con una che supporti anche il pellet, oppure di convertire integralmente l'impianto di riscaldamento.

Nel primo caso è possibile aumentare l'efficienza della vecchia caldaia utilizzando il pellet ad aria soltanto per la zona giorno, tuttavia occorre tener conto che la caldaia deve comunque riscaldare le stanze da letto per almeno due o tre ore la sera e produrre l'acqua calda sanitaria. A tal proposito per l'acquisto e l'installazione bisogna mettere in conto una spesa intorno i 2.000 euro, ma è possibile risparmiare fino al 25% sui costi di gestione. In più acquistando questo tipo di stufa è possibile usufruire di importanti agevolazioni per il risparmio energetico, pertanto le spese rientreranno in una decina d'anni grazie alle detrazioni fiscali dell'Irpef.

Ciò significa che optare per il riscaldamento a pellet è un investimento intelligente, poiché in pochi anni si possono ottenere i risparmi desiderati e ripagare completamente l'acquisto. Un'ulteriore soluzione è rappresentata dall'idrostufa a pellet, utile soprattutto durante l'inverno, la quale garantisce che tutti i termosifoni dell'abitazione offrano il giusto riscaldamento. In questo caso l'utilizzo della caldaia è limitato alla produzione d'acqua calda sanitaria. Con questa soluzione i costi iniziali sono sicuramente più elevati, infatti possono superare anche i 5.000 euro (inclusa l'installazione della stufa), ma è possibile ottenere comunque un risparmio e allo stesso tempo avere la casa calda e accogliente per tutta la giornata.

Termostufe a pellet ed energia solare per risparmiare sulla bolletta

Il riscaldamento a pellet offre un altro importante vantaggio, infatti si può collegare la caldaia a un impianto a energia solare. Si tratta di prodotti a energia rinnovabile che restano in funzione per tutto l'anno, che richiedono un investimento intorno agli 11.000 euro. In questo caso l'idrostufa produce l'acqua calda sia per il riscaldamento che per gli impianti sanitari, supportata da un puffer da oltre 400 litri, mentre durante le stagioni estive i pannelli solari termici producono l'acqua calda per ogni tipo di utilizzo all'interno dell'abitazione. Questa opzione permette di risparmiare oltre il 60% sui costi del riscaldamento. Tale soluzione prevede la completa rimozione della vecchia caldaia a gasolio, che non solo è altamente inquinante ma è anche meno funzionale rispetto i nuovi sistemi di riscaldamento a pellet.

Grazie al conto termico è inoltre possibile usufruire delle agevolazioni statali e degli incentivi, quindi anche se i costi iniziali sono elevati il risparmio è assolutamente garantito. Optare per il riscaldamento a pellet è dunque una valida soluzione, poiché oltre ad assicurare bassi consumi questo tipo di impianto garantisce il massimo dell'efficienza e dell'autonomia rispetto a quelli a combustibili fossili.

Per ricevere consigli esperti, il suggerimento è quello di rivolgerti a una ditta specializzata. Richiedi subito una consulenza!

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a RISPARMIO ENERGETICO E FOTOVOLTAICO

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA
  • caldaia a pellet
  • riscaldamento a pellet
  • termostufe a pellet