magazine

tutti gli articoli

Piante da balcone: le piante e i fiori più facili da curare

Scopriamo quali sono le piante da balcone e da terrazzo più semplici da mantenere in base alla temperatura, alla luminosità e alle annaffiature richieste per il benessere della specie

Le piante da balcone e da terrazzo più adatte sono quelle sane e vigorose, che sopportano meglio lo shock del trapianto e il cambio di terreno. Evitate l'acquisto di esemplari deboli e malati e preferite quelli tozzi, larghi e ben forniti di foglie. Come piante da esterni si possono scegliere piante annuali, piante biennali e erbacee perenni. Vediamo alcuni esempi di piante da balcone o piante da terrazzo facili da curare e da mantenere. Partiamo dall'Anemone, una pianta che presenta un'ottima resistenza al freddo e che può essere coltivata sia in pieno sole che in zone ombrose. Questo genere perenne e rustico comprende circa 150 specie e numerosissime varietà. I fiori, a coppa, semplici semidoppi, hanno diverso colore a seconda del tipo coltivato (bianco, rosso, viola, azzurrino, rosaceo); le foglie, molto decorative, sono divise e di colore verde brillante. Per i balconi ombrosi è da preferire l'Anemone Japonica.
Un'altra pianta da balcone dotata di una buona resistenza al freddo è la Bocca di leone. Si tratta di una pianta con buona rusticità, annuale o perenne a seconda della specie, che preferisce esposizioni al sole, ma vegeta bene anche se posta a mezz'ombra. Di portamento eretto, anche la taglia è in funzione delle varietà (da 20 cm a oltre 1 metro); i fiori, con corolla lobata, sono riuniti in lunghi racemi e presentano un'ampia gamma di colori: predominante è il giallo, ma è facile trovare anche varietà rosse, rosa e bianche. La fioritura dipende dalla specie: alcune fioriscono da inizio estate a inverno inoltrato, le altre hanno fioritura invernale o primaverile. Un'ottima pianta da terrazzo è il Giacinto: questa bulbosa perenne resiste bene ai freddi invernali e vegeta per anni in posizioni a mezz'ombra, anche se non disdegna il tiepido sole primaverile; le annaffiature devono essere limitate allo stretto necessario.

Il giacinto è di piccole dimensioni (non supera i 30 cm) e fiori sono tubolari, semplici o doppi, riuniti in un voluminoso grappolo eretto, portato da un unico stelo carnoso. Compaiono precocemente a inizio primavera. Al vistoso effetto cromatico (i colori sono molto brillanti, bianco, crema, giallo, rosso, rosa, lilla, porpora, azzurro, blu, salmone) uniscono la pregevole caratteristica di essere tra i fiori più intensamente profumati. Molto usato sia come fiore reciso che in vaso, il Giglio, è una bulbosa perenne molto rustica. Le differenti specie e varietà consentono la coltivazione in ogni ambiente climatico. Le altezze variano da 50 cm a 1,50 m; i fiori sono riuniti in infiorescenze terminali lasse e sbocciano in estate. Il colore classico del fiore è bianco candido; esistono, però, specie a fiore monocromatico giallo, rosso, porpora, arancio o rosa, e altre con fiore striato o bordato con colori diversi.
Quasi tutte le specie di Giglio sono molto resistenti al freddo; la posizione ideale è a mezz'ombra, anche se vegeta bene in pieno sole. Richiede abbondanza di acqua, senza però creare ristagni idrici. Un'altra pianta da terrazzo è il Narciso, una pianta rustica che non presenta particolari esigenze riguardo alla temperatura. Cresce bene a mezz'ombra, ma non disdegna nemmeno l'ombra completa; richiede irrigazioni costanti. I fiori del narciso, di colore arancio, bianco, albicocca e rosso, compaiono molto precocemente (da febbraio a aprile) a seconda dell'andamento climatico. Di coltura facile la Peonia, che si presenta bianca, rosa o violetta in varie tonalità con macchie e striature verso il centro. È una pianta rustica, di genere perenne, assai bello, con diverse specie e ibridi dai fiori variamente colorati, semplici, semidoppi, doppi da tre a cinque per stelo e profumati.
La peonia necessita di un clima temperato, richiede annaffiature regolari e predilige posizioni a mezz'ombra. Una pianta da balcone che si adatta bene è l'Agerato. I fiori di questa pianta perenne sono blu, bianchi o rosa e sono riuniti in capolini fitti simili a piumini, molto numerosi e persistenti. La fioritura, in genere, è vigorosa e prolungata, durando da maggio-giugno fino ai primi geli. L'Agerato si adatta anche a terreni umidi e si irriga solo quando il terreno sottostante si presenta asciutto. Predilige un clima temperato e posizioni luminose la Campanula; questa pianta da terrazzo non necessita di cure particolari e si adatta bene alla coltivazione in vaso e in cassetta. Ama la luce anche se non necessariamente i raggi solari diretti; prospera anche se posta al sole e necessita di annaffiature costanti.


Potrebbe interessarti anche