MAGAZINE
Logo Magazine

Le fasi per la realizzazione del manto erboso

Quando e come procedere per il rifacimento del manto erboso? Scoprite con quali semplici procedimenti potete ridare vita al prato del vostro giardino

Chiedi un preventivo per
esterni e giardino
richiedi un preventivo gratis

Il tappeto erboso o prato rasato è una tipologia di prato costruito artificialmente, che si trova presso abitazioni, parchi, impianti sportivi. Si distingue dal prato in senso generico per essere ben curato e costantemente rasato con un tagliaerba. Il sogno di tutti gli amanti del giardino è proprio avere un tappeto erboso perfetto, come quelli che si vedono in tv e nei telefilm. Ma come fare? Le fasi che si devono seguire per la realizzazione del manto erboso sono molteplici ma tutte molto importanti. Andiamo a scoprirne di più.

Rifacimento del tappeto erboso: quando iniziare?

Quando il diserbante non funziona e sul prato iniziano a comparire una serie di chiazze marroni, di solito si inizia a temere che il giardino non avrà mai più un bell’aspetto. Ma non bisogna perdere la speranza, perché si può sempre ripartire da zero con un rinnovo. Cercate in primis di individuare i motivi del deterioramento del prato. Questo è molto importante per la scelta dei nuovi semi e può incidere su altre decisioni durante il rifacimento del manto erboso.

Consigli: come rinnovare il tappeto erboso

È fondamentale ricreare il prato in base alle esigenze del terreno. Verificate, inoltre, l’ampiezza delle parti danneggiate. Questo serve per stabilire l’intervento più adatto per il rinnovo del vostro prato che può essere la trasemina o il rifacimento completo del manto erboso. Se più del 40% del prato è danneggiato o invaso dalle erbacce è meglio optare per un rifacimento completo, in caso contrario sarà sufficiente una buona trasemina, che consiste nell’aggiunta di semi al prato esistente.

Rifacimento del manto erboso: trucchi e info pratiche

Un consiglio utile che molti ignorano o evitano per non avere altri costi, è quello di eseguire un’analisi del terreno: scavare un po’ e prelevare un campione di terra da inviare in laboratorio. In realtà, iniziare il rinnovo con un’analisi del terreno rappresenta un buon investimento, proprio perché il risultato vi dirà cosa fare, ma anche che cosa non fare e vi fornirà un piano d’azione con un buon rapporto tra costi ed efficacia.

Guida fai da te per rinnovare il tuo prato in poco tempo

  1. Per prima cosa elimina l’erba morta e secca, poi frantuma il più possibile la terra dura della macchia per permettere all’erba nuova di sviluppare le radici. Per questo è sufficiente utilizzare una paletta o un piccolo rastrello.
  2. Procurati un prodotto riparatore istantaneo delle zone degradate del prato, che contiene semi e concime starter, per riparazioni veloci delle macchie secche e delle buche del prato.
  3. Distribuisci uniformemente uno strato di 3 mm del riparatore sulle aree prive di vegetazione. Se devi solo rinfoltire e il prato ha più del 40% di erba ancora verde, riduci la dose di semina.
  4. Irriga abbondantemente e con cura, usando un innaffiatore, finchè non verrà assorbita più acqua. Per questa operazione ci vorrà qualche minuto.
  5. Continua ad innaffiare nei primi giorni e comunque fino alla comparsa dell’erba.
  6. Dopo 20 giorni dalla germinazione, procedi con la concimazione.

Ora che sai come fare, non rimane che mettersi all’opera per ricreare il tappeto erboso perfetto che tutti ti invidieranno. Buon lavoro! Se il fai da te non è il tuo forte, trova subito un professionista esperto nella tua zona e richiedi una consulenza.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a esterni e giardino
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali