magazine

tutti gli articoli

Vasche da bagno free standing: una scelta moderna, ma dal gusto retrò

Vasca da bagno free standing, un oggetto di design capace di rendere speciale qualsiasi ambiente, basta tenere a mente alcuni accorgimenti

Una vasca da bagno al centro della stanza, candele profumate che riempiono l'aria calda di aromi e schiuma soffice ad accarezzare il corpo: una scena che avremo visto milioni di volte nei film che ci hanno fatto sognare, da I Ponti di Madison County a The Dreamers, solo per citarne alcuni. E sicuramente ci avrà stuzzicato l'idea di arredare il bagno con un pezzo così particolare, dal gusto un po' retrò, ma capace di conferire carattere a un ambiente dove il comfort e l'atmosfera sono elementi essenziali. Ebbene, la tecnologia ci viene ormai incontro, e il sogno può essere facilmente realizzato scegliendo per la nostra stanza da bagno una vasca free standing proprio come quella dei film. Ovviamente, però, è bene tenere a mente alcuni accorgimenti.
I bagni delle case più moderne ci hanno quasi abituati all'assenza della vasca da bagno. Le tendenza minimaliste e la necessità di valorizzare e utilizzare al massimo gli spazi hanno portato a un lungo periodo di supremazia della doccia sulla vasca. Eppure il piacere di concedersi un momento di relax con un bel bagno caldo a fine giornata è certamente insostituibile. Spesso, allora, si è fatto ricorso al compromesso, scegliendo soprattutto vasche da bagno a incasso, più facilmente posizionabili anche in un ambiente piccolo e che spesso richiedono meno lavoro dal punto di vista dell'istallazione idraulica. Ma se quello che sognate davvero è una vasca da bagno free standing che diventi protagonista del vostro ambiente, ecco qualche preziosa indicazione sull'argomento.

In primo luogo, per molto tempo le vasche da bagno free standing hanno avuto un design prettamente retrò, dal momento che riprendevano il disegno classico della vasca in ghisa con i piedi. Questo stile, per quanto affascinante, non si sposa con l'arredo di molte sale da bagno, che hanno sanitari improntati a uno stile minimal ed estremamente moderno. Ormai la scelta dei modelli delle vasche free standing si è enormemente ampliata: alcune hanno forme semplici o sinuose che possono sposare la linea moderna degli altri sanitari; possono essere anche senza piedi e poggiare direttamente sul pavimento; i materiali che le compongono sono molteplici e comprendono, oltre alla classica ghisa smaltata, anche la ceramica, la vetroresina, fino ad arrivare a materiali particolari come la pietra o ai mix di nuovissima generazione.
Altro mito da sfatare: per avere una vasca da bagno free standing occorre una stanza da bagno molto grande. In effetti, è vero che la maggior parte di queste vasche richiede un spazio importante, o quanto meno uno spazio dedicato all'interno dell'ambiente. È anche vero che questo tipo di vasca nasce proprio con lo scopo di potersi muovere liberamente intorno, a 360°. Se si considera che lo spazio di passaggio da considerare è di circa 40/50 centimetri - che si aggiunge alle misure di partenza della vasca - il risultato può spaventare. Tuttavia esistono adesso delle vasche dalle misure più contenute pensate proprio per gli spazi più ristretti. Inoltre esistono diverse soluzioni per arredare il bagno che prendono in considerazione le esigenze spaziali di ogni ambiente. La vasca può, ad esempio, essere appoggiata su una parete, lasciando liberi gli altri tre lati. Oppure può essere inserita ad angolo tra due pareti, o addirittura, se ce ne fosse lo spazio, tra tre pareti, trasformando una rientranza nel muro in uno spazio dedicato alla vasca. Resta indubbio, tuttavia, che laddove lo spazio lo consenta, il posizionamento al centro della stanza da bagno resta comunque la scelta privilegiata per questo oggetto, capace di trasformare e arricchire lo stile dell'intero ambiente.
Se poi volete davvero rompere gli schemi e dare un tocco glamour alla vostra casa, potete anche spingervi a una scelta di arredo più ardita e quasi... hollywoodiana! Chi ha spazio sufficiente e vuole davvero stupire, può scegliere di posizionare la vasca da bagno free standing in camera da letto, creando un ambiente davvero speciale. L'unico accorgimento da ricordare, in un simile caso, è quello predisporre sotto e intorno alla vasca, una pavimentazione adatta ad assorbire gli eventuali schizzi d'acqua.
Se la vasca da bagno freestanding è nei vostri desideri, un'altra questione che preoccupa è quella relativa a tubature e impianti. In effetti, il problema non si pone se decidete fin da subito di optare per questa scelta di arredo quando progettate il bagno: basta far passare i tubi sottopavimento al momento dei lavori o in fase di ristrutturazione. Il gruppo rubinetteria, invece, è una scelta che si lega al modello. Le vasche con uno stile retrò hanno spesso una rubinetteria a pavimento, che a volte può diventare essa stessa un ulteriore elemento di design; i modelli moderni, invece, hanno i rubinetti montati sulla vasca. Le opzioni di arredo sono innumerevoli: lasciate quindi spazio alla fantasia e scegliete pure di realizzare una stanza da bagno degna di un film!

Potrebbe interessarti anche