MAGAZINE
Logo Magazine

Come organizzare le pulizie settimanali?

Tenere casa perfettamente igienizzata è possibile se ti affidi ad un planner di pulizia settimanale. Scopri in questo articolo di PG Casa come organizzarlo

Chiedi un preventivo per
imprese di pulizia
richiedi un preventivo gratis

L’organizzazione è alla base della propria routine per le pulizie settimanali. Avere uno schema, mentale o fisico, da seguire consente di igienizzare tutti gli ambienti della casa, facilitando al tempo stesso il processo. 

Il primo passo da compiere è dunque quello di creare una vera e propria tabella di marcia, magari organizzando i turni a rotazione. In questo modo si avrà sempre chiaro in mente la stanza da pulire e il giorno esatto nel quale eseguire tale intervento. La precisa ripetizione del processo consentirà inoltre di valutare quanto spesso sia necessario pulire una determinata superficie. A ciò si aggiunge un’adeguata conoscenza dei prodotti da utilizzare per ottenere i migliori risultati, in base ai materiali di cui è composta la propria abitazione. 

La regola d’oro prevede un tempo minimo da dedicare alle pulizie settimanali, ogni giorno. L’organizzazione di base dovrebbe sempre seguire questa semplice indicazione. Rappresenta infatti il modo migliore per evitare di fronteggiare giornate nelle quali la mole di interventi in giro per casa risulti davvero opprimente. 

Pulizie settimanali: organizzazione

Il pavimento di casa richiede pochi ma regolari interventi. È necessario eliminare eventuali residui di cibo dopo mangiato, spazzando. A ciò si aggiunge la necessità di passare l’aspirapolvere due volte la settimana, possibilmente distanti tra loro. Lavare la superficie è invece un compito che può essere relegato a un solo giorno settimanale. 

Differente il discorso per il bagno, che necessita di una pulizia costante. Ignorare questa parte della casa per giorni o settimane porterà a un carico di lavoro enorme. È bene organizzare la pulizia di sanitari e lavandino ogni due giorni (tre volte la settimana). Il cambio di asciugamani e accappatoi può invece avvenire una volta a settimana.

Una grande difficoltà mentale è rappresentata dalla cucina. Pulire dopo ogni pasto è una necessità. Un breve intervento, nella maggior parte dei casi, che evita l’accumularsi di piatti, bicchieri, posate e pentole. Un tale ingombro rappresenta un ostacolo enorme da superare a fine giornata, quando inevitabilmente si sarà costretti a pulire e, al tempo stesso, un agglomerato di batteri.

Rassettare la propria camera da letto non dev’essere necessariamente un compito ingrato. Una volta svegli, è buona abitudine rifare il proprio letto, magari dopo colazione. Tornare a casa, dopo il lavoro, e trovare la propria camera in disordine è altamente fastidioso. Nei mesi invernali è possibile sfruttare il copripiumino per rassettare in poche mosse. Nei mesi estivi invece basterà sistemare un leggero lenzuolo.

Il bucato rappresenta un aspetto molto importante delle pulizie settimanali. È bene separare i carichi, evitando di mescolare abiti giornalieri con asciugamani, lenzuola, accappatoi e simili. È necessaria almeno una lavatrice a settimana per tutti gli elementi che aiutano a tenere pulita la casa e il proprio corpo (asciugamani, panni da cucina ecc.). Un’altra lavatrice sarà invece dedicata ai propri indumenti (il numero varia in base alle dimensioni del nucleo familiare).

Pulire casa dopo le vacanze

La prima operazione da fare per pulire casa dopo le vacanze è occuparsi delle valigie. Occorre lottare contro il proprio istinto e lasciarle, piene, in giro per casa. Resteranno lì per giorni. È bene disfare i bagagli rapidamente, lavando gli indumenti utilizzati nei giorni precedenti. Si potrà poi ripulire rapidamente l’interno delle valigie e riporle. 

L’ordine delle pulizie prevede l’assoluta precedenza al bagno. Interventi rapidi ed efficaci sui sanitari, lavando il pavimento con acqua e alcool denaturato. Si potrà così avere una rapida sensazione di fresco. Un’ottima alternativa è rappresentata dal succo di limone. 

Il secondo spazio da pulire è la cucina. Basterà utilizzare un panno umido, con acqua e olio essenziale, per rimuovere rapidamente la polvere. Ci si dovrà poi dedicare agli scaffali, da disinfettare necessariamente. Frigo e secchio della spazzatura si possono invece pulire con del bicarbonato. Per le altre stanze si potrà infine procedere con l’aspirapolvere per eliminare residui dai pavimenti, cambiando coperte e lenzuola. 

Richiedi un preventivo gratuito su PG Casa.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a imprese di pulizia
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali