MAGAZINE
Logo Magazine

5 consigli per scegliere il miglior imbianchino

Devi tinteggiare casa ma non sai a chi affidarti? Ecco come scegliere un imbianchino serio, affidabile e non troppo costoso per tinteggiare le pareti di casa

Chiedi un preventivo per
imbiancatura
richiedi un preventivo gratis

Scegliere un imbianchino a cui affidare la tinteggiatura delle pareti di casa non è semplice. Professionisti e imprese pubblicizzano i propri servizi promettendo tariffe vantaggiose e lavori rapidi e di buona qualità, ma a volte non è così. Riconoscere un valido professionista senza averlo visto al lavoro sembra impossibile, ma ci sono alcuni consigli che si possono seguire e che, con i debiti distinguo, possono valere anche per altre figure a volte necessarie in casa, come idraulici, elettricisti e muratori. In questa guida proviamo a spiegarti come scegliere un imbianchino e quali sono le sue mansioni principali.

1.Confrontare diversi preventivi

Chi intende tinteggiare tutto l’appartamento deve rendersi conto che andrà incontro ad una spesa non indifferente, per cui è giusto pretendere il meglio dall’imbianchino a cui si affiderà l’incarico. Per questo è importante chiedere sempre diversi preventivi e confrontarli attentamente.

Ovviamente sarà importante identificare il meno costoso, ma non solo. Nel preventivo devono essere inclusi anche il costo della carteggiatura e degli eventuali lavori di stuccatura e soprattutto la durata dei lavori.

Un imbianchino affidabile chiederà di potere prima vedere l’appartamento o i locali da tinteggiare, in modo da rendersi conto del lavoro di cui si prenderà carico, mentre è sintomo di scarsa serietà sparare cifre, anche approssimative, senza neppure un sopralluogo. Va da sé che il prezzo di un imbianchino varia in base alle richieste che gli vengono effettuate.

2. Affidarsi al passaparola

Oltre che ai preventivi ci si può affidare al consiglio di qualche amico o conoscente che già si è servito di un imbianchino e si è trovato soddisfatto del lavoro svolto. Se gli amici sono affidabili il loro consiglio avrà molto valore. Questi, in caso di esperienze negative, potranno anche indicare da quali professionisti stare alla larga, perché non hanno rispettato i tempi di consegna, perché non hanno fatto un buon lavoro o hanno preteso più di quanto pattuito in fase di preventivo.

3. Diffidare di chi chiede il pagamento anticipato del lavoro

Un lavoratore serio e onesto non chiederà mai l’intera cifra prima ancora di iniziare i lavori. Pagare in anticipo può rivelarsi un grave errore ed esporsi a vere e proprie truffe. Una volta incassati i soldi, l’imbianchino potrebbe addirittura sparire e rendersi irreperibile, oppure svolgere un lavoro frettoloso e malfatto, sicuro che comunque il cliente non potrà decidere di non pagarlo.

È possibile che l’imbianchino chieda un anticipo o che offra un pagamento rateale, man mano che il lavoro procede. In questi casi è bene verificare che la cifra richiesta non sia eccessiva. Mai saldare tutto l’importo dei lavori prima del loro completamento. Una volta incassato il denaro un imbianchino poco serio potrebbe decidere di finire di fretta per poter aprire un altro cantiere altrove e incassare una nuova parcella. Tenendo in sospeso il pagamento, in qualche modo, si obbliga il professionista a rimanere legato a quanto promesso in preventivo. Prima di saldare sarebbe bene osservare attentamente il lavoro svolto e vedere se ci sono eventuali ritocchi da fare. Questi consigli valgono sia che ci si affidi ad un imbianchino che lavora in proprio sia ad un’azienda multiservizi.

4. Rivolgersi a un professionista

È fondamentale rivolgersi a chi fa l’imbianchino di professione e non come attività per arrotondare. Questo ovviamente se desiderate un lavoro ben fatto, svolto con rapidità e con attrezzature professionali.

5. Cosa fa l’imbianchino?

Prima di iniziare a dare la prima mano di pittura un buon imbianchino dovrebbe carteggiare bene le pareti, spolverarle e coprire eventuali crepe o zone danneggiate con l’intonaco. Questi lavori preparatori sono molto importanti e influiscono in modo determinante sul risultato finale.

Come comportarsi durante i lavori di tinteggiatura

Essere presenti sul cantiere significa dimostrare interesse per il lavoro ed essere disponibili quando l’imbianchino ha richieste o ha bisogno di una precisazione. Questo non significa però che bisogna essere assillanti e stare addosso costantemente al professionista al lavoro. Si tratta pur sempre di un imbianchino o un decoratore che sta svolgendo il proprio compito e ha bisogno di concentrazione e tranquillità. Interromperlo continuamente, fargli pressioni e giudicare ad ogni pennellata un lavoro non ancora finito rallenta l’imbianchino e lo rende nervoso. Solo una volta finiti i lavori e prima del saldo sarà importante esaminare e giudicare il lavoro svolto.

Essere presenti in cantiere significa poter suggerire nuove soluzioni all’imbianchino, ad esempio se si decide di cambiare qualcosa all’ultimo momento. In questo caso sarà necessario accordarsi con il professionista al lavoro per le modifiche da apportare. Cambiare i colori di una parete all’ultimo momento è possibile, ma bisognerà verificare che l’imbianchino non abbia già acquistato la pittura del colore indicato in precedenza. In questo caso potrebbe essere necessario pagare anche quella, visto che comunque è stata acquistata su nostro mandato, soprattutto se si tratta di una tinta particolare che difficilmente l’imbianchino potrà usare in un altro cantiere.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a imbiancatura
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali