Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

Accedi con le tue credenziali

MAGAZINE

chiedi preventivo

Tecnica dello spatolato: quanto costa una parete spatolata?

Vi piacerebbe una parete spatolata, che oltre per il colore si distingue per la texture? Ecco qualche idea per capire se rivolgersi a un professionista oppure optare per i fai da te.

Tecnica dello spatolato: quanto costa una parete spatolata?
Chiedi un preventivo per IMBIANCHINI richiedi un preventivo gratis

La parete spatolata è un’opzione interessante per la casa. Infatti, oltre che per il colore, l’aspetto di una parete si caratterizza anche per la sua texture, ossia per quell’insieme di caratteristiche tattili e visive che, opportunamente combinate, permettono di ottenere infinite varianti.

Parete spatolata: che cos’è?

La parete spatolata è una parete trattata attraverso una particolare tecnica pittorica che rende la superficie della parete lucida e liscia, oltre che ricca di velature e contrasti, grazie alla sovrapposizione tridimensionale di segni, linee irregolari e sfumature di varia forma,dimensione e intensità, particolarmente apprezzabili se si utilizzano colori accesi e vivaci. Insomma: se volete dare un nuovo tocco alla vostra casa, questa è la tecnica giusta!

La tecnica dello spatolato veneziano, chiamato anche stucco veneziano, è realizzata mediante l’applicazione della pittura di fondo e la successiva lavorazione sovrapposta della vernice tipo stucco, applicata con la spatola.

Lo stucco veneziano: professionisti o fai da te?

Lo stucco con cui si realizza la tecnica è ottenuto mediante miscelazione di grassello di calce, una miscela di calce aerea ed acqua, con polvere impalpabile di marmo.

La vera tecnica dello spatolato non è di semplice realizzazione, e diventa addirittura molto complessa nella sua versione più classica del tipico stucco veneziano: per questo motivo, è consigliabile rivolgersi ad un esperto e chiedere un preventivo per la realizzazione di una parete spatolata.

Se invece si preferisce fare da soli, il mercato offre tantissimi colori di vernice per eseguire una pittura a spatolato, in grado di garantire l’effetto desiderato con una sola passata (ad esempio, sono in vendita pitture con effetti come il sasso o metallizzato, oppure anche colori di pittura con glitter).
Esistono poi vernici autodecorative, in grado di creare nuovi effetti visivi anche dopo l’applicazione, grazie alla loro composizione chimica.

Per ottenere un risultato soddisfacente, è preferibile scegliere un colore di pittura di fondo più scuro, rispetto a quelli scelti per la finitura a spatola. Per un risultato più originale, si può optare per il contrasto tra toni caldi e freddi, utilizzando ad esempio una tinta di blu per il fondo e colori più accesi come il rosso o l’arancio per la spatolatura finale.

Come realizzare una parete a spatola

Gli attrezzi necessari per dipingere una parete con pittura a spatolato sono un rullo e la vernice per il fondo, la spatola da decoratore e le vernici tipo stucco per la finitura spatolata, stracci e nastro adesivo di carta.

Il primo passo, come ogni volta che ci si accinge ad imbiancare una parete, è quello di applicare il nastro adesivo di carta su tutto il perimetro della parete, per evitare di uscire dai bordi durante la pittura e non sporcare le pareti vicine.

A questo punto, è opportuno preparare accuratamente la parete, che deve essere priva di lesioni, fori, punti scrostati o cavillature, che, se presenti, vanno accuratamente stuccati e levigati con carta vetrata leggera.

Completata la levigatura della parete, si può stendere con il rullo la prima mano di vernice per la base della tecnica dello spatolato, che consentirà anche di far aderire meglio la seconda mano di vernice applicata con la spatola.

Servendosi appunto della spatola (triangolare, in metallo o plastica), si preleva una piccola quantità di pittura, e la si spalma sulla superficie con movimenti orizzontali, verticali, rotatori o curvilinei, regolari ed omogenei oppure incrociati, a seconda dell’effetto che vogliamo ottenere.
Già dalla prima applicazione, si noterà subito che ad ogni passaggio della spatola il colore sottostante crea un effetto di profondità immediatamente percepibile.

Per un risultato impeccabile, occorre preparare e diluire la vernice per la pittura spatolata seguendo attentamente le istruzioni presenti sulla confezione, in modo da ottenere un composto senza grumi e sufficientemente umido da restare attaccato alla parete.

Il colore della spatolatura

È molto importante tirare bene il colore in modo veloce, in quanto le vernici tipo stucco si asciugano abbastanza velocemente. Si procede in questo modo fino a decorare l’intera parete, facendo attenzione a stendere uno strato di tinteggiatura molto sottile e a lisciare bene la superficie.

Con una sola mano di pittura spatolata si ottiene un colore leggero e sfumature molto evidenti, mentre invece con più mani a spatola, con diverse tinte e/o movimenti di applicazione, consente di
realizzare sfumature variegate ed effetti molto particolari.

Pittura a spatolato: prezzi

Il costo della tecnica dello spatolato può variare sia in base alla decisione di affidarsi ad un professionista o di tentare la strada del fai da te, sia in relazione ai materiali utilizzati.
Per quanto riguarda lo spatolato veneziano, i prezzi possono superare i 200 euro al metro quadro, mentre se la tecnica è realizzata con materiali di ultima generazione il costo può essere contenuto tra gli 80-130 euro a metro quadro.
Se invece si opta per la soluzione fai da te, occorre considerare sia il costo degli attrezzi (dai 5 € peruna spatola in plastica, fino a 10/20 € per gli altri utensili), sia il prezzo della vernice che,
naturalmente, varia a seconda della tipologia e della composizione scelta, attestandosi comunque intorno ad un prezzo medio di 35 euro per latta.

In generale, la tecnica dello spatolato è compatibile con qualsiasi tipologia di ambiente e arredamento. Molto importante è la scelta dei colori: toni troppo scuri o vivaci tendono a rimpicciolire la stanza, per cui se si opta per questa soluzione è consigliabile limitare lo spatolato ad una sola parete.

Se l’arredamento è in stile classico, meglio scegliere colori pastello (verde acqua, celeste o turchese, rosa, giallo, crema o pesca), oppure tinte terrose (terra di Siena naturale o il terra di Siena Bruciata).

Negli ambienti contemporanei e minimalisti, si possono scegliere toni neutri (grigio o azzurro ghiaccio) oppure più vivaci, come il rosso, l’azzurro cielo, il verde prato, l’arancione o il giallo oro. mentre negli ambienti in stile etnico, infine, si possono utilizzare tonalità fluo (fuxia, verde evidenziatore giallo limone) ed effetti perlati o metallizzati.

Consigli finali

Vi è tutto chiaro e vi sentite pronti per procedere con la realizzazione della parete spatolata? Ecco altri consigli per un risultato davvero impeccabile:

  • iniziare il lavoro dalla parte alta della parete;
  • dopo aver realizzato una parte di parete con lo spatolato veneziano, allontanarsi per
    visualizzare meglio l’effetto creato;
  • evitare spatolate troppo ravvicinate, che creano macchie di colore sulla parete;
  • mantenere costante il ritmo e la dimensione delle spatolate;
  • fare asciugare bene la superficie tra una fase di spatolatura e l’altra.

 

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a IMBIANCHINI

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA