MAGAZINE
Logo Magazine

Infissi: come curarli per difendersi dagli spifferi

Cosa accade se non possiamo sostituire gli infissi? Quello che non sapete e che vi diremo, è che esistono piccoli interventi per migliorare la tenuta degli infissi

Chiedi un preventivo per
serramenti e infissi
richiedi un preventivo gratis

Uno dei peggiori spauracchi per chi deve scegliere una casa è quello della dispersione del calore. Un infisso vecchio o scadente può causare una consistente perdita di denaro ed è quindi importante saper scegliere quello giusto. Ma cosa accade se non possiamo sostituirli? Quello che non sapete e che vi diremo oggi, è che esistono piccoli interventi per migliorare la tenuta delle vostre finestre.

Come trovare gli spifferi?

Se vi accorgete che la temperatura in casa cala velocemente il problema può venire da varie parti. Dopo aver appurato che tutti i sistemi di riscaldamento innovativi o tradizionali funzionino a pieno regime, dovete scoprire se in casa ci sono degli spifferi. Per capirlo vi basterà armarvi di una candela e avvicinarvi alla finestra in questione, se da chiusa la candela si spegne significa che entra dell’aria e quindi si genera corrente.

Ora che sapete del danno dovete localizzarlo per poterlo risolvere:

  • Cerniere: lo spiffero può esser causato da un’errata regolazione della cerniera. Se i vostri infissi sono recenti potete togliete i copricerniere e trovare il forellino per l’inserimento della brugola. Utilizzando la giusta chiave girate in senso anti-orario finché non avrete riportato la finestra alla giusta altezza. Una volta ultimato il lavoro rimontate i copricerniere.
  • Guarnizioni corrose: se le vostre finestre hanno già visto numerose primavere, il problema potrebbe essere dovuto alle guarnizioni ormai consunte. Per sostituirle dovete prima rimuovere completamente quelle vecchie con l’aiuto di una spatola. Acquistate dal ferramenta delle nuove guarnizioni in schiuma o in gomma adesiva della grandezza della fessura. Vi consigliamo di scegliere quelle resistenti ad alte e basse temperature, in modo che isolino la finestra per lungo tempo. Nel caso la vostra finestra non abbia la scanalatura, andrà realizzata con una fresa, oppure dovrete utilizzare soluzioni esterne autoadesive, che però non assicurano un lungo periodo d’azione.
  • Fessure tra parete e telaio: un errato montaggio delle finestre può far sì che si crei uno spazio per il passaggio dell’aria. Se rimontare o cambiare le finestre può essere una pratica onerosa, ci sono altre strade che potete tentare. La prima è quella di chiamare un tecnico che si occuperà di risolvere il problema, ma se invece avete voglia di fai-da-te potete acquistare in ferramenta la schiuma poliuretanica ad elevata elasticità e provvedere voi stessi alla riparazione.
  • Isolare il cassone della tapparella: anche questa parte della finestra richiede la giusta manutenzione, in quanto il suo essere posizionato all’esterno e privo di guarnizioni determina che sia più facile la presenza di spifferi. Per procedere all’isolamento bisogna acquistare dei pannelli speciali da 14mm fino a 25 mm che si adattano a qualunque forma. Una volta prese le misure del cassone delle tapparelle basterà tagliare il pannello della misura corrispondente, lasciando lo spazio per il passaggio della cinghia. Se si rendesse necessario unire più pannelli, potrete fissarli con la schiuma poliuretanica già citata nel precedente paragrafo.

Non sai come prenderti cura dei tuoi infissi e trovare una soluzione agli spifferi? Contatta adesso le ditte specializzate di PagineGialle e richiedi un preventivo gratuito.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a serramenti e infissi
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore

POTREBBE INTERESSARTI

Lavori da fare in casa?

Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona

TUTTE LE CATEGORIE

Accedi con le tue credenziali