MAGAZINE
Logo Magazine

Quanto costa cambiare gli infissi di un appartamento e come risparmiare

Vuoi sostituire gli infissi del tuo appartamento ma non sai quanto costa? Ecco tutte le informazioni per calcolare il prezzo. Chiedi un preventivo per essere sicuro

07-05-2021 (Ultimo aggiornamento 14-06-2021)
Chiedi un preventivo per
sostituzione infissi

Cambiare gli infissi di un appartamento richiede tempo e molto impegno, ma questo intervento rappresenta anche un’importante spesa, perchè è un lavoro che deve essere fatto da un professionista. Se il lavoro rispetta precise caratteristiche, è possibile accedere alle detrazioni fiscali legate all’ecobonus. Ma quanto costa cambiare gli infissi e quali sono le soluzioni per risparmiare? Facciamo chiarezza.

Quanto costa cambiare gli infissi in un appartamento: caratteristiche infissi

Sono diverse le voci di spesa da tenere in considerazione quando si vogliono sostituire gli infissi in un’abitazione:

  • materiale
  • tipologia di infisso
  • colore
  • maniglie e altri accessori
  • tipologia del vetro che caratterizza la finestra

Gli infissi sono, in realtà, gli elementi che caratterizzano la finestra, anche se solitamente quando si parla di infisso si fa riferimento all’intera finestra o alla portafinestra. Quando si parla di spesa relativa agli infissi, si fa riferimento ai metri quadri (mq).

Materiali degli infissi: quali sono i più economici

Per esempio, uno degli elementi che può influenzare il costo è sicuramente il materiale degli infissi. I più diffusi sono legno, pvc, alluminio e legno-alluminio. Il più economico è sicuramente il pvc, molto versatile e leggero. Uno dei vantaggi di questo materiale è che mantiene l’isolamento termico e non ha bisogno di troppa manutenzione nel tempo. Al contrario materiali come il legno hanno bisogno di maggiori cure. Bisogna tener conto anche di questo aspetto quando si scelgono i nuovi infissi.

Il prezzo al mq può andare dai 150 € ai 400 € per una finestra di medie dimensioni. Mentre tra i più cari troviamo l’infisso in alluminio, il cui prezzo si aggira attorno ai 600 €. Per avere un’idea più chiara è necessario chiedere un sopralluogo alla ditta incaricata, che prende le misure dei singoli infissi dell’appartamento e realizza un preventivo ad hoc.

L’alluminio è un materiale leggero e molto diffuso negli ultimi anni. Purtroppo però non è indicato se si ha una casa esposta al sole, perchè conduce il calore e quindi rischia di riscaldare l’abitazione, soprattutto durante l’estate. Per ovviare il problema, si possono scegliere infissi in alluminio a taglio termico, una tecnica che permette aumenta l’isolamento termico della finestra. Queste sono le soluzioni più complesse da realizzare, quindi più costose.

Insomma, c’è differenza tra infissi in alluminio e infissi in pvc, ed è bene conoscerla!

Quale tipo di vetro scegliere per risparmiare

Un’altra voce di spesa da tenere in considerazione è il vetro della finestra. Normalmente viene utilizzato il doppio vetro anticondensa, il cui prezzo si aggira attorno a 60€/mq ed è il più conveniente. Ma i più esigenti possono addirittura installare un triplo vetro blindato al costo di circa 200 €. Questi sono i due elementi che più influiscono sul prezzo finale, ma bisogna anche considerare il colore e gli accessori.

Sostituzione infissi in appartamento: i costi aggiuntivi

Oltre agli elementi specifici del prodotto, occorre considerare anche altre voci che influiscono sul totale:

  • eliminazione del vecchio infisso
  • smaltimento
  • trasporto e facchinaggio del nuovo infisso
  • posa in opera del nuovo infisso
  • eventuali opere murarie nel caso in cui il nuovo infisso abbia dimensioni diverse da quello vecchio

Questi costi vengono normalmente inseriti – se presenti – all’interno del preventivo per la sostituzione degli infissi nell’appartamento o altro tipo di abitazione. Il costo per l’eliminazione, lo smaltimento e la messa in opera del singolo infisso si aggira attorno ai 100 € per una finestra di dimensioni standard. Occorre aggiungere eventuale trasporto e facchinaggio dell’infisso, ma per risparmiare si può provvedere autonomamente a queste attività.

Bonus Infissi: un’occasione per risparmiare

Le agevolazioni per risparmiare sugli infissi sono diverse. Tutto dipende dal tipo di intervento. Innanzitutto, si può ottenere la detrazione tramite il Superbonus 110% che offre l’aliquota più alta, ma ha anche degli obblighi ben precisi. Per usufruire di questo bonus bisogna fare degli interventi trainanti, come il cappotto termico o la sostituzione dell’impianto di riscaldamento con una soluzione più efficiente. Inoltre, per avere il Superbonus bisogna migliorare le prestazioni energetiche della casa di due classi. L’installazione degli infissi può quindi rientrare come intervento trainato, in aggiunta a quelli obbligatori e solo se si ottiene un efficientamento secondo quanto raccomandato.

In alternativa, si può usufruire di due detrazioni, una del 50% (per lavori di ristrutturazione che comprendono anche gli infissi) e una del 65% (riqualificazione energetica dell’abitazione). Le detrazioni per gli infissi quindi variano in base al tipo di lavoro e al risultato che si ottiene in termini di prestazione energetica.

Questi sono tutti gli elementi da considerare quando si vogliono sostituire gli infissi in appartamento, e non solo. Per capire davvero quanto si spende è possibile inoltrare una richiesta di preventivo con PgCasa: è gratuita e veloce e permette di sapere subito i prezzi proposti da ditte di infisse vicine.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a sostituzione infissi
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE