MAGAZINE

tutti gli articoli

Mutuo: istruzioni per l’uso

Il mutuo per la prima casa è un impegno che molte persone vogliono intraprendere per poter avere la proprietà di un immobile e non sottostare ad un affitto.

Chiedi un preventivo per MUTUI CASA richiedi un preventivo gratis

Il mutuo casa è un contratto con cui la banca, ovvero il mutuante, consegna all’acquirente della casa, ovvero il mutuatario, una somma di denaro che verrà usata per costruire o acquistare un immobile. Molte sono le caratteristiche di un finanziamento di questo, ed è bene essere informati su tutto prima di scegliere il mutuo giusto e procedere ad una mossa così importante dal punto di vista legale ed economico.

Mutuo: cos’è e a cosa serve?

Cosa è il mutuo? è un contratto disciplinato dal codice civile agli art. 1813 e seguenti, è un contratto che si perfeziona con la consegna e non con il solo consenso delle parti, con cui una parte denominata mutuante consegna al mutuatario una somma di denaro, ma il mutuatario dovrà restituire il denaro ricevuto con degli interessi al mutuante. Un mutuo per l’acquisto della prima casa è molto frequente, sia per l’acquisto di un immobile che per la costruzione o ristrutturazione di una casa.

Cosa c’è da sapere prima di firmare?

Come funziona il mutuo? Esso è un contratto che coinvolge una banca ed una persona che intende ricevere denaro per poi restituirlo con gli interessi. Gli elementi centrali di tale contratto sono il denaro mutuato, la durata e la rateazione con la quale il mutuatario si impegna a restituire il denaro insieme al tasso di interesse che viene applicato dal mutuatario e le spese insieme alle varie eventuali commissioni. L’istituto erogante del denaro ha il dovere di fornire al mutuatario un foglio informativo contenente le condizioni economiche e le principali clausole che regolano il contratto, viene anche fornito un documento di sintesi che ha la funzione di evidenziare al mutuatario le più significative clausole contrattuali. Per la stipula  è necessario rivolgersi ad un notaio, dal momento che il finanziamento ha natura ipotecaria.

Mutuo per la prima casa: durata, calcolo rate, interessi e spese

Vi sono alcuni importanti elementi che caratterizzano il mutuo, necessari da conoscere; uno di questi è la durata del contratto di mutuo, che determina in che tempi il mutuatario è tenuto a restituire le somme ricevute in prestito. La durata può variare dai 3 ai 5 come dai 10 ai 20 anni, o addirittura 30 anni. La regola ideale sarebbe quella che prevede il rimborso del debito nel più breve tempo possibile, andando anche a risparmiare sugli interessi (i quali sono proporzionali al tempo stesso). Siccome non sempre ciò è possibile per il tenore di vita del richiedente, è possibile allungare i tempi di restituzione riducendo l’importo della rata, riducendone di conseguenza l’impatto sulla vita di tutti i giorni e garantendo maggior flessibilità al soggetto richiedente. Un intervallo di restituzione lungo può essere abbreviato mediante restituzioni di capitale aggiuntive nel corso del tempo, mentre non è possibile dilatare i tempi qualora si fosse optato per un intervallo temporale di restituzione più breve.

E’ importante anche il calcolo della rata del mutuo: esiste la rata mensile, la trimestrale e la semestrale; poi vi è l’interesse, che in tutte le sue svariate forme, determina il costo che il mutuatario deve sostenere per accedere ad un mutuo.

Mutuo per la casa, ecco quali possono essere i principali interessi

Per il calcolo degli interessi di un mutuo per la casa, vi sono due tipologie principali di interessi: a tasso fisso e a tasso variabile. Sapere come funziona il mutuo per la casa non può prescindere dal conoscere la differenza tra questi due principali interessi. L’interesse a tasso fisso prevede che mutuante e mutuatario concordano che il tasso dell’interesse è invariabile per tutta la durata del contratto, mentre l’interesse variabile, di solito si prende un parametro standard (di solito in Italia è l’euroribor) che è variabile in base a criteri predeterminati. A tutto ciò si aggiunge un ulteriore tasso fisso (denominato spread), quindi il risultato della somma dei due elementi (variabile + fisso) rappresenta il tasso finale che viene applicato, determinando così l’importo della rata.

A chi rivolgersi per ottenere un mutuo?

Per la concessione di un mutuo è necessario rivolgersi ad un istituto di credito, ma non bisogna commettere l’errore di rivolgersi esclusivamente alla propria banca. Il mercato è ricco di offerte e di proposte ed è bene confrontare più soluzioni per poi valutare quella migliore, anche a costo di dover spostare il proprio conto corrente. Ci si può anche affidare ad un mediatore, soprattutto quando si è nella difficoltà o quando si tratta di chiedere un mutuo che si presenta di non semplice erogazione. Il mediatore ha esperienza, ha buoni rapporti con più banche e soprattutto, una volta a conoscenza della situazione, saprà indirizzare la richiesta all’istituto bancario migliore per quella tipologia di pratica. Inoltre è in grado di consigliare il richiedente in merito alla scelta del mutuo e ai parametri quali rate, durata, interesse, plasmando e “accomodando” la richiesta affinché abbia maggiori possibilità di essere accolta.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a MUTUI CASA

CHIEDI ORA