pagine gialle casa

richiedi preventivo icon menu

magazine

Accatastamento: cosa fare e quando farlo e quanto costa.

Scopriamo insieme cosa si intende quando si sente la parola accatastamento, come farlo e quanto costi effettivamente

Che cosa è l’accatastamento? Questo termine viene citato spesso dai media televisivi e dai giornali quando si parla di case che non sono mai state accatastate, ossia mai registrate all’ufficio del catasto. Il catasto è una struttura che si occupa di catalogare e conservare tutte le informazioni concernenti gli immobili e i fabbricati aventi sede all’interno del territorio italiano. La procedura di accatastamento ha dei costi e va fatta seguendo un certo procedimento, che non tutti conoscono. Per quanto motivo, brevemente, verrà spiegato in cosa consista tale operazione, come vada fatta e i costi che sono applicati per il conseguimento di tale procedura. È bene partire con lo specificare quale sia la definizione o lo scopo dell’accatastamento. Questo tipo di pratica serve per comunicare all’ente appena citato, se siano state apportate modifiche di varia natura ed entità all’immobile registrato. Per modifiche si intendono ad esempio la costruzione di un nuovo vano, l'inserimento di una tettoria, la realizzazione di un balcone o di un terrazzo.
In questo modo il proprietario dell’immobile modificato ha la possibilità di aggiornare i dati presenti all'interno dell’ufficio del catasto. Questa operazione consente inoltre di poter calcolare nuovamente il valore della rendita del proprio fabbricato e di aggiornare i costi riguardanti le tasse da pagare. Generalmente in questa fase viene anche chiesto al proprietario di classificare la proprietà modificata secondo le categorie previste dalla legge, come la categoria A, B o C. Questa operazione, come si può intuire, risulta essere di fondamentale importanza, ma non tutti i cittadini italiani sembrano rendersene conto dal momento che, secondo i media italiani, sono più di un milione le case o i beni immobili non registrati correttamente negli archivi dell’ente. Questo tipo di operazione può essere eseguita tramite il supporto di alcune precise figure professionali. Il procedimento per poter svolgere la pratica di accatastamento è semplice. Esso prevede l’impiego di un tecnico (un geometra o un ingegnere) che si occuperà di effettuare tutte le misurazioni necessarie dell’immobile da accatastare, rilevando la planimetria ed effettuando controlli sulla costruzione. Egli procederà inoltre ad elencare tutti gli elementi presenti all’interno dell’immobile, quali ad esempio piscine, garage, cantine, tettoie e così via.

Il lavoro in questione potrebbe essere svolto nel giro di qualche giorno o addirittura dopo alcune settimane, tutto dipende dalle numerose variabili. Una volta portate a termine le procedure di rilevamento, viene creato un documento dove verrà inserita la visura catastale aggiornata o nuova (a seconda che l’immobile sia stato precedentemente registrata). Tutta la documentazione verrà quindi consegnata all’ufficio del catasto e il cittadino sarà ufficialmente in regola e non potrà subire le eventuali sanzioni per il mancato aggiornamento delle informazioni concernenti la visura. Naturalmente per fare questa operazione entro le tempistiche sancite dalle normative e le leggi è bene sapere che dopo il completamento di tutti i lavori che portano a modifiche particolare di un immobile, la procedura di accatastamento deve essere fatta entro i 30 giorni successivi, in modo da permettere al catasto di calcolare il valore di rendita dell'immobile stesso. Ora che è stato spiegato sia cosa sia l’accatastamento sia in cosa consista la procedura da seguire per lo svolgimento di questa pratica, è bene che si parli di costi. C’è da dire che essi non sono sempre uguali e che cambiano a seconda dell’immobile o delle operazione che devono essere fatte.
L’aggiornamento delle informazioni di una casa o di un fabbricato già registrato al catasto richiede un costo in denaro decisamente basso, dal momento che servirà solamente l’aggiunta delle modifiche alla planimetria catastale e alla visura in modo che venga calcolato il nuovo valore della rendita. Invece, per effettuare la registrazione di un nuovo immobile è bene fare un discorso a parte. Infatti questa procedura si rivela essere molto più costosa della precedente, dal momento che richiede la creazione di un documento mappale nuovo e la richiesta del documento DOCFA. Inoltre vi è anche da considerare che la spesa da affrontare può variare anche a causa dei metri quadri da accatastare e alla presenza della parcella del tecnico specializzato che verrà a fare il sopralluogo sulla proprietà. Naturalmente la mancata registrazione di un nuovo immobile entro i termini di legge prevede l’applicazione di sanzioni di natura economica che vengono determinate da alcune normative vigenti. Generalmente la multa che si andrà a pagare avrà un valore compreso tra i 1032 euro fino ad arrivare ad un massimo di 8264 euro circa. Naturalmente oltre alla suddetta sanzione vanno considerate le spese di accatastamento, che se fatte in sede d’ufficio possono arrivare ad avere un costo superiore ai 3 mila euro.


  • accatastamento
  • ufficio del catasto

Potrebbe interessarti anche

Progettazione e design
Architettura e Design: 10 mosse per arredare casa con stile

L'architettura e il design consentono di rinnovare la casa e personalizzarla in base alle proprie esigenze. Per questo è fondamentale restare sempre aggiornati sulle varie idee ed i consigli per creare uno stile unico e di impatto. Ciò non significa dover avere un importante budget a disposizione, in quanto è possibile personalizzare gli ambienti e gli spazi con pochi e semplici tocchi di design,...

Progettazione e design
Planimetria catastale, cos'è e quando serve

Le planimetrie catastali sono uno strumento utilizzato dal catasto per poter identificare in maniera univoca ogni proprietà immobiliare situata all’interno dello stato italiano, in modo tale da fornire una documentazione completa in caso ve ne fosse bisogno. Questo documento inoltre ha diversi utilizzi, che possono essere essenziali per il calcolo delle tasse da pagare su una qualsiasi proprietà o...

Progettazione e design
Architetto paesaggista: chi è e quando contattarlo

Che cosa è un architetto del paesaggio? Con le tante figure che popolano il mondo dell’edilizia, tra ingegneri e architetti di vario tipo, è naturale che molti si pongano questa domanda quando si sente parlare di questa figura professionale in particolare durante la navigazione su internet o in alternativa in televisione. Per fugare ogni dubbio e soddisfare ogni curiosità, verrà illustrato...