MAGAZINE
Logo Magazine

Bonus Casa: c'è una nuova proroga per comunicare la cessione del credito

Vuoi usufruire dello sconto in fattura o della cessione del credito? C'è ancora più tempo per comunicare la scelta all'Agenzia delle Entrate: ecco i dettagli

23-03-2022
Chiedi un preventivo per
ristrutturazioni edili e restauri

I beneficiari dei bonus casa che vogliono scegliere la cessione del credito o lo sconto in fattura come metodo di fruizione dell’incentivo hanno ancora più tempo per comunicare la scelta all’Agenzia delle Entrate. La scadenza iniziale era il 16 marzo e venne poi prorogata al 7 aprile. Ora si hanno alcune settimane aggiuntive: si potrà inviare la comunicazione entro il 29 aprile 2022.

Cessione del credito e sconto in fattura: quando comunicare la scelta

Alcuni Bonus Casa permettono di usufruire della cessione del credito e dello sconto in fattura, oltre alla tradizionale detrazione da segnalare nella dichiarazione dei redditi. Queste opzioni sono valide per il Superbonus 110%, il Bonus Ristrutturazioni, il Sismabonus, il Bonus Facciate e l’Ecobonus.

Chi ne ha diritto può, quindi, comunicare all’Agenzia delle Entrate la scelta compilando un apposito modulo online. Oltre al form, è necessario presentare anche una serie di documenti, come le asseverazioni fatte da un tecnico abilitato. La proroga è sicuramente un aiuto sia per chi non ha ancora inviato la scelta online, sia per chi si è visto rigettare la richiesta negli ultimi mesi in seguito agli aggiornamenti.

Cessione del credito: gli aggiornamenti

La cessione del credito e lo sconto in fattura sono state più volte sotto la lente di ingrandimento del Governo perchè sono meno controllabili rispetto alla detrazione fiscale nella denuncia dei redditi. Quindi, possono lasciare l’opportunità ai malintenzionati di effettuare truffe e frodi in modo da avere denaro anche quando non spetta. Per arginare eventuali danni allo Stato, l’Esecutivo aveva emanato il Decreto Antifrode che permetteva di cedere il credito a una sola volta alcuni mesi fa.

Ma ciò aveva causato malcontento dei contribuenti beneficiari e le polemiche di aziende e associazioni di categorie. Molti istituti di credito avevano addirittura bloccato i finanziamenti legati alle cessioni causando problemi anche ai cantieri già aperti. Perciò alla fine si è deciso di intervenire con un Decreto correttivo che permette di usufruire della cessione del credito per tre volte.

Ne aveva parlato Alessandra Egidi di Confedilizia in un’intervista rilasciata a Pagine Gialle Casa.

A causa dei tanti cambiamenti, molti contribuenti non hanno ancora inviato la scelta all’Agenzia delle Entrate, perciò si è deciso di dare loro alcune settimane aggiuntive: la disposizione è stata approvata in Commissione di Bilancio al Senato, durante i lavori di modifica del Decreto Sostegni Ter (n.4/2022).

Per avere l’ufficialità della proroga si dovrà comunque attendere la conversione in Legge del Decreto Sostegni Ter. Il testo definitivo dovrebbe essere definitivamente approvato dalla Camera il 28 marzo 2022.

Tutti i beneficiari che affrontano le spese nel 2022 dovranno comunicarle il 16 marzo 2023, a meno che non venga pubblicate delle proroghe anche l’anno prossimo. Per il momento, sono tanti i bonus di cui si può usufruire. Chi desidera rinnovare casa e risparmiare grazie agli incentivi può fin da subito contattare le ditte di ristrutturazioni della propria zona per chiedere un preventivo personalizzato e capire quali sono gli interventi agevolabili da effettuare. Tutto ciò è possibile comodamente online grazie a Pagine Gialle Casa.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a ristrutturazioni edili e restauri
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE