MAGAZINE
Logo Magazine

Bonus Facciate 2020: ecco tutti i dettagli

Con il Superbonus la detrazione per il rifacimento della facciata arriva al 110%. Scopri come funziona e quali sono i requisiti per ottenere il maxi sconto

Chiedi un preventivo per
restauro di facciate
richiedi un preventivo gratis

Aggiornato 3 giugno 2020. Con il Decreto Rilancio il governo ha ufficializzato il Superbonus 110 per cento, una misura con la quale è possibile usufruire di una maxi agevolazione. Il provvedimento è valido anche per il Bonus Facciate, con la possibilità di aumentare l’incentivo dal 90 al 100%, purché abbinato ad interventi di riqualificazione energetica dell’immobile o di miglioramento della sicurezza sismica dell’edificio.

Ovviamente rimangono in vigore fino al 31 dicembre 2020 le agevolazioni del Bonus Facciate 2020, per ricevere un sostegno fiscale sugli interventi di recupero delle facciate di case private e condomini. In questo caso le residenze devono essere situate nelle zone A e B, come indicato dal riferimento normativo n.1444/1968 del Ministero dei lavori pubblici. Ecco le ultime novità sul Bonus Facciate 2020 con Superbonus 110%.

Bonus Facciate 2020 con Superbonus 110 per cento

La novità più interessante per il Bonus Facciate 2020 è l’integrazione dell’agevolazione all’interno del Superbonus 110%. In particolare, anche per i lavori di ristrutturazione delle parti esterne degli edifici, il governo ha previsto la possibilità di usufruire dello sconto in fattura oppure di optare per la cessione del credito. La misura è valida per gli interventi eseguiti a partire dal primo luglio realizzati entro il 31 dicembre 2021.

Nel dettaglio si potrà beneficiare di una detrazione fino al 110 per cento, scegliendo se anticipare la somma e ottenere lo sgravio fiscale, oppure se richiedere lo sconto alla ditta che effettua i lavori. In alternativa si può cedere il credito a banche, società d’intermediazione finanziaria e compagnie assicurative, perdendo parte dell’agevolazione ma conservando un minimo del 90% dello sconto.

Per rientrare nelle nuove disposizioni del Superbonus è indispensabile che l’intervento sulla facciata sia comprensibile nell’Ecobonus, quindi i lavori devono migliorare l’efficienza energetica dell’edificio con un aumento di almeno 2 classi. Altrimenti l’operazione deve poter essere inclusa negli incentivi per il Sisma Bonus, incrementando la sicurezza antisismica dell’edificio.

In assenza di tali requisiti è possibile comunque beneficiare della detrazione del 90%,  come previsto dal bonus originale per la ristrutturazione degli esterni di edifici condominiali e non.

Anche per questa agevolazione è previsto lo sconto immediato in fattura anticipato dal fornitore, che potrà recuperarlo sotto forma di credito d’imposta, cedibile ad altri soggetti come ad esempio banche o intermediari finanziari.

Bonus Facciate 2020: in cosa consiste

Il Bonus Facciate 2020 punta a offrire un rimborso delle spese di ristrutturazione della facciata esterna dei palazzi e degli edifici, al fine di cambiare volto alle città e sostenere i lavori di restauro e manutenzione degli involucri esterni. Questo bonus è compreso all’interno dei Bonus Casa 2020, ma è indipendente dal Bonus Ristrutturazioni.

In sostanza, il Bonus Facciate prevede uno sgravio IRPEF del 90% per tutti coloro che decidono di ristrutturare facciate di edifici, condominiali e non fino al 31 dicembre 2020. Questa iniziativa include tutti gli interventi finalizzati alla manutenzione ordinaria e straordinaria, tra cui:

Interventi che rientrano e non rientrano nel Bonus facciate 2020

Tra le spese ammesse all’interno del bonus per le facciate ci sono diversi interventi, in particolare tutti i lavori che interessano l’involucro esterno dell’edificio. Ecco nel dettaglio le caratteristiche principali delle agevolazioni.

  • Il bonus facciate viene ammesso solo in alcune aree ad alta intensità di urbanizzazione. Secondo la nuova formulazione, dunque, il bonus facciate si applica solo in edifici allocati in zona “omogena” A o B. Escluse le zone omogene C, troppo poco scarsamente urbanizzate.
  • Il bonus facciate 2020 si allinea all’Ecobonus per il cappotto termico. Questo significa che la nuova versione lascia invariato lo sconto di pulitura e tinteggiatura esterna, che può arrivare però al 110%. Nel caso in cui vi sia necessità di ritoccare l’intonaco su almeno il 10% della facciata, sarà necessario scegliere un cappotto termico. Verranno effettuati controlli a campione sull’ottemperanza dei requisiti.
  • Il Bonus Facciate 2020 è valido anche per i titolari di redditi di impresa e di lavoro autonomo, come per esempio alberghi e società con edifici a uso strumentale, mentre sono esclusi i lavoratori autonomi che aderiscono al regime forfettario.
  • Non esistono limiti di spesa per i lavori effettuati fino al 31 dicembre 2020.
  • Si applica anche su interventi di manutenzione ordinaria, come la tinteggiatura, l’intonacatura e il rifacimento delle ringhiere.
  • Le agevolazioni comprendono anche i costi per le perizie tecniche, l’installazione dei ponteggi, i sopralluoghi e l’ottenimento dell’attestato energetico.
  • Non sono incluse nel Bonus Facciate 2020 le spese relative a impianti, rifacimento di spazi interni, sostituzione di infissi (in questo caso è disponibile il Bonus Infissi) e interventi su portoni, cortili, chiostrine e cancelli.
  • Non possono usufruire degli incentivi gli edifici di nuova costruzione, oppure unità immobiliari oggetto di demolizione al fine di una ricostruzione.

Bonus facciate 2020: requisiti per accedere

Per usufruire delle agevolazioni del Bonus Facciate 2020 è necessario rispettare i requisiti indicati dalle normative di legge. In particolare, possono rientrare nel vecchio bonus con detrazione fino 90%, una misura valida per i lavori eseguiti entro il 31 dicembre 2020 senza tetto massimo di spesa, i seguenti soggetti:

  • persone fisiche
  • entri pubblici e privati non commerciali
  • società
  • imprese individuali
  • enti commerciali
  • associazioni di professionisti

Al contrario, le agevolazioni del Bonus Facciate 2020 con l’integrazione del Superbonus 110 per cento sono riservate a:

  • persone fisiche
  • condomini
  • istituti autonomi case popolari (IACP)
  • cooperative di abitazioni a proprietà indivisa

Per le persone fisiche è possibile ottenere la detrazione al 110% sulle prime case, mentre le seconde abitazioni possono rientrare solo se inserite all’interno di un complesso condominiale. Rimangono esclusi dal Superbonus le società, i professionisti e tutti altri soggetti non compresi nelle 4 categorie indicate, i quali possono però usufruire del Bonus Facciate 2020 con lo sgravio fiscale al 90%.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a restauro di facciate
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali