Hai completato il 00% della tua richiesta
di preventivo

CONTINUA CON LA RICHIESTA CANCELLA RICHIESTA

Chiedi preventivi per

DIVISIONE DEI BENI

Dove ti serve il servizio?
Non ricordi il CAP?
CHIEDI PREVENTIVO
  • Invia la tua
    richiesta gratis

    Rispondi ad alcune brevi domande sul servizio che ti serve e lascia i dati per essere contattato
  • Ricevi fino a 5
    preventivi

    I nostri professionisti ti invieranno preventivi personalizzati nel più breve tempo possibile
  • Scegli il preventivo
    migliore

    Confronta preventivi, profili e recensioni, quindi assumi il professionista adatto a te

GUIDA UTILE

Come eseguire la divisione dei beni

Qualsiasi sia la motivazione, per eseguire una corretta divisione dei beni è necessario rivolgersi a un notaio, che calcolerà al meglio quote di spettanza, tempi e costi di questa operazione.
Può trattarsi di un’eredità da suddividere tra gli eredi diretti o designati, di un patrimonio da spartire in base al regime patrimoniale scelto a seguito di un matrimonio, un divorzio o il decesso del coniuge, così da eseguire l’operazione a norma di legge accontentando tutte le parti in causa.

 

Il suggerimento è sempre quello di rivolgersi a un serio professionista del settore, poiché il rischio è che in seguito possa essere impugnato il testamento o il contratto in oggetto con pesanti conseguenze economiche e legali per gli interessati. Vediamo quindi nel dettaglio come affrontare al meglio la divisione dei beni in base al caso specifico.

Divisione dei beni eredità

I beni appartenenti a un defunto sono divisi alla sua morte tra gli eredi, che possono essere diretti, necessari o testamentari.
Il coniuge e i figli possono quindi entrare in possesso dell’intera eredità suddividendola in parti uguali in base alla norma di legge, oppure sottostare al testamento che prevede la scelta di altre persone nel lascito di beni mobili e immobili.

 

Tuttavia parte dell’eredità, anche minima, spetta loro di diritto e in questo caso dovranno accontentarsi del residuo che viene accertato dal notaio e disciplinato secondo la normativa attualmente vigente.
Il primo passo da compiere è quindi quello di accertarsi se esiste o meno un testamento e nel caso procedere alla sua apertura, convocando i discendenti diretti e successivamente tutte le parti in causa per validare la volontà del defunto.
È compito del notaio informare tutti gli aventi diritto del lascito e dare loro un tempo per poter ottenere i vantaggi previsti, scaduto il quale la quota verrà nuovamente suddivisa tra gli eredi legittimi.

Divisione dei beni matrimonio

Il matrimonio, sia civile sia religioso, prevede in fase preliminare la scelta di un regime tra quello di comunione o di separazione dei beni.
Nel primo caso tutti i beni acquistati dopo le nozze appartengono in quote identiche ad entrambi i coniugi e quindi in caso di divorzio vanno ripartiti in parti uguali, nel secondo tutto ciò che appartiene a una persona prima del matrimonio o viene comprato successivamente è di esclusiva spettanza della stessa, senza che l’altra possa avanzare pretese dopo la separazione.

 

Questa scelta viene comunicata prima di prestare giuramento, ma può essere modificata in qualsiasi momento facendone apposita comunicazione agli organi competenti.
Attualmente il regime maggiormente scelto è quello della separazione, soprattutto se sono coinvolte attività economiche per le quali non si desidera ereditare gli eventuali debiti in caso di decesso di una delle due parti.

Divisione dei beni tra coniugi in caso di divorzio

Il divorzio comporta una divisione dei beni, segue come il regime fiscale applicato prima del matrimonio e le sue successive modificazioni che sono subentrate nel tempo.
Al momento della separazione e del processo concorsuale o giudiziale, gli organi competenti o il notaio leggono alle parti le proprietà e i beni in loro possesso, attribuendo il 50% in caso di comunione o lasciando la proprietà a solo uno dei coniugi nel caso si fosse optato per il regime opposto.

 

Se dovessero sorgere delle controversie, sarà necessario rivolgersi a un legale e compiere tutti gli accertamenti del caso per portare delle prove a proprio favore, documentando la tesi con appositi documenti firmati nel corso del tempo.
In tale situazione il costo del divorzio tende a salire notevolmente, poiché non si tratta più di una condizione pacifica ma di una battaglia punto per punto per ottenere i maggiori vantaggi a livello economico.
Pertanto, il suggerimento è di chiarire sin dall’inizio quali sono le proprietà condivise e quelle personali, così da arrivare a una risoluzione serena nel caso fosse necessario.

Divisione dei beni in caso di morte del coniuge

In caso di dipartita del coniuge, è sempre necessario fare una divisione tra il regime di comunione e quello di separazione dei beni.
Nel primo caso, il 50% del patrimonio già appartiene al coniuge superstite, che potrà ereditare anche la restante parte in totale, dividerla in parti eque con il figlio oppure sottostare al testamento seppur ottenendo la propria quota legittima.

La persona in vita ha 10 anni di tempo per comunicare all’Agenzia delle Entrate la successione, in modo che questa diventi effettiva e venga riconosciuta dallo Stato.
La situazione si complica in caso di separazione dei beni, poiché con questa evenienza si segue la linea descritta in precedenza per tutti gli eredi.

 

In primo luogo si procede all’apertura del testamento davanti a un notaio, che avrà il compito di convocare in un tempo prestabilito tutte le parti in causa per informarle dell’eventuale lascito. Potrebbe quindi avvenire che la parte più consistente del lascito non appartenga al coniuge ma ad altri individui, tuttavia potrà contare su una quota legittima da suddividere con gli eventuali altri eredi diretti.

Divisione dei beni costo

Quando si ha bisogno o si decide di eseguire una divisione dei beni, i costi da considerare sono molteplici: si parte dalla parcella del notaio, passando per tutti i documenti necessari da presentare al comune, per arrivare alle imposte da versare allo Stato per legge da calcolare sul patrimonio della famiglia.

Vediamo i principali costi riassunti in tabella:

 

Dettaglio Costi
Separazione dei beni Da 1.000 a 1.500 €
Parcella del notaio 400 €
Tasse, bolli, trascrizione dell’atto 100 €

 

Se ad esempio la divisione dei beni è coinvolta in un processo di divorzio, l’esborso di denaro potrebbe essere più consistente se le parti non si trovano d’accordo fra loro e devono produrre tutta la documentazione del caso per dimostrare la propria tesi. In tal caso, sarà necessario ricorrere non solo alla figura del notaio ma richiedere anche una consulenza legale.

Molto più semplice è la situazione in caso di dipartita di un coniuge, soprattutto in presenza di un testamento che chiarisce già le volontà del defunto e non richiede un lavoro di accertamento minuzioso da parte di professionisti del settore.

Domande frequenti:

  • Divisione dei beni: cosa comporta?

    In caso di separazione dei beni, ogni coniuge manterrà inalterata ed esclusiva la titolarità sui beni acquistati prima, dopo e durante il matrimonio, senza che l'altra parte possa avanzare pretese dopo un divorzio o un decesso con testamento regolamentare. Questo non significa che il superstite non potrà godere di una quota di eredità, ma che questa non sarà necessariamente la più consistente se è stato stabilito diversamente.

    Richiedi un Preventivo su PG Casa

  • Chi fa la divisione dei beni?

    La divisione dei beni viene eseguita direttamente dal notaio, che si avvale di un team di professionisti in diritto tributario per stabilire correttamente le quote.

  • Come fare la divisione dei beni?

    L'operazione può essere eseguita al momento della stesura del testamento, quindi prima della morte e d'accordo con la persona, sia dopo nel caso in cui non fosse stata lasciata alcuna disposizione. In questa situazione si seguirà la normativa di legge attualmente vigente, attribuendo comunque una quota di base al coniuge e agli eredi diretti, che non potranno essere totalmente esclusi dal lascito.


Aziende consigliate da noi

Studio Notarile Grumetto

Lo Studio Notarile Grumetto svolge la propria attività a Milano. Lo studio offre assistenza notarile a privati...

Chiedi preventivo
Studio Notarile Cabizza Dr. Alessandro

Il Dottor Cabizza Alessandro, a Milano, vanta notevole esperienza come notaio. Offre una vasta gamma di servizi...

Chiedi preventivo
Franco Notaio Giuseppe

Lo studio notarile del dr. Giuseppe Franco, a Milano, al civico 6 di via Larga, si occupa di compravendite...

Chiedi preventivo
Studio Notarile Lattanzi

Lo Studio Notarile Lattanzi garantisce ai propri assistiti servizi di alto standard qualitativo. Specializzato...

Chiedi preventivo
Todeschini Edmondo Studio Notarile

Lo studio notarile Todeschini è stato fondato a Milano nel 1891. Attraverso quattro generazioni il mestiere è...

Chiedi preventivo
Studio Notai Associati Ugo Friedmann e Luca Iberati

Lo STUDIO NOTAI ASSOCIATI UGO FRIEDMANN & LUCA IBERATI di Milano si occupa di autenticazione di documenti,...

Chiedi preventivo
Notaio Calori Isabella

Lo Studio Notarile della Dottoressa Calori Isabella si occupa della stipula e redazione di tutti quegli atti...

Chiedi preventivo
Studio Notarile Ciro De Vivo

Il notaio Ciro De Vivo è specializzato in stipulazione mutui e compravendite notarili, a Milano in via...

Chiedi preventivo