magazine

tutti gli articoli

Affidarsi a un falegname esperto per il restauro dei mobili

Affidarsi a un falegname esperto per il restauro dei mobili è la giusta soluzione quando si decidere di recuperare un antico mobile di famiglia.

Chiedi un preventivo per FALEGNAMI
richiedi preventivo

Hai ereditato un’antica credenza oppure un’intera mobilia con diversi anni sulle spalle e non sai che cosa farne? Una delle prime cose da prendere in considerazione è il restauro dei mobili. Il valore degli arredi d’epoca, molte volte, viene sottostimato. Segni di usura, scarsa conoscenza o semplicemente indifferenza possono far sottovalutare la loro preziosità. Intarsi, particolari decorazioni e tanti altri dettagli rendono questi mobili degli oggetti, oggi, introvabili. Tuttavia, non tutti sono in grado di effettuare un restauro a regola d’arte. Il restauro mobili può essere un ottimo hobby, ma quando il pezzo diventa di pregio è meglio affidarsi a un falegname esperto per il restauro dei mobili onde evitare di fare danni a volte irreparabili. Ciò rende necessario l’intervento di un restauratore di mobili di comprovata esperienza, un falegname esperto che sappia riportare i nostri arredi al loro vecchio splendore.


Come restaurare un mobile



Gli arredamenti che ereditiamo, molto spesso, sono rovinati. I segni del tempo sono inevitabili. Per questo, il più delle volte, è opportuno restaurarli prima di collocarli in bella vista in casa. Molte volte il grosso limite è rappresentato dal costo del restauro dei mobili: l’ideale sarebbe affidarli alle “cure” di un restauratore di mobili, specie in caso di complementi di un certo valore. Se però il budget a disposizione ce lo impedisce, dobbiamo ricorrere al fai da te.


In entrambi i casi, questi sono i passaggi al quale dovrà essere sottoposto il nostro mobile vecchio da restaurare:


  • Smontare il mobile e pulirlo con cura. In questa fase, bisogna fare attenzione alle parti di metallo per evitare di farci male.

  • Utilizzare una soluzione chimica per sverniciare il mobile, applicandola alle superfici da restaurare e lasciando agire per il tempo necessario.

  • Asportare la vernice utilizzando una spatoletta e utilizzare la carta vetrata per rimuovere le parti di vernice rimanenti.

  • Appoggiare il mobile su un telo, distendendolo a terra in senso orizzontale, dopodiché adoperare un pennello per spalmare una soluzione antitarme. In alcuni casi potrebbe essere necessario anche un trattamento antitarlo.

  • Lasciare il mobile per alcuni giorni, in un posto non umido, ricoprendolo con un telo.

  • Applicare dello stucco per mobili per ricoprire gli eventuali fori o i segni di usura e successivamente una vernice trasparente per proteggere le superfici.

Restauro mobili in legno: cose da sapere


Nell’arredamento degli interni, il legno è uno dei materiali più utilizzati e più delicati, al tempo stesso. Quindi, dobbiamo fare attenzione a una serie di cose nel restauro dei mobili. Se abbiamo la possibilità di rivolgerci a un restauratore di mobili di fiducia, sicuramente potremo ottenere risultati molto migliori.


Restaurare un mobile non è facile. Il parere dell’esperto può darci delle indicazioni sugli interventi necessari. La pulizia e la lucidatura sono delle operazioni che possiamo compiere anche da soli, ma quando si tratta di sverniciare il mobile e fare dei trattamenti ad hoc, la procedura diventa più complessa. Quando il valore del mobile richiede l’intervento di un falegname specializzato, allora è meglio non cimentarsi più di tanto nel restauro fai da te. Un professionista è in grado di mantenere la patina del mobile antico, che gli conferisce un certo valore. Essa si trova nei primi strati del legno e consiste nei segni del tempo che esaltano la bellezza del legno. Eliminare la patina può provocare anche la perdita del 50% del valore del mobile in legno. Soltanto un valido restauratore di mobili riesce a preservarla, intervenendo in maniera mirata sulle aree usurate.

Potrebbe interessarti anche