Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

Accedi con le tue credenziali

MAGAZINE

chiedi preventivo

Sicurezza, come funziona l'antifurto a tenda

Per una maggiore sicurezza nella qualità delle rilevazioni e per prevenire falsi allarmi, vediamo insieme quali sono le caratteristiche dell'antifurto a tenda

antifurto a tenda
Chiedi un preventivo per ANTIFURTI E SICUREZZA richiedi un preventivo gratis

Il Bonus Casa 2019 è stato prorogato fino al 31 dicembre 2019 e questo prevede le detrazioni fiscali del 50% per l’installazione di sistemi di sicurezza per la casa, il cosiddetto Bonus Sicurezza 2019.

Cancellate e cinte murarie, grate per finestre, porte rinforzate, saracinesche, vetri antiurto, casseforti a muro, lucchetti e catene, rilevatori di apertura rientrano tutti tra gli ‘aggiornamenti’ consentiti.

Ora, la selezione di antifurto sul mercato è molto ampia e variegata – si va dai classici infrarossi ai più moderni sensori a doppia o tripla tecnologia – ma uno dei modelli generalmente più gettonato, e per buoni motivi, è il comunemente detto ‘antifurto a tenda’ .

Vediamo come funziona, e perché è così usato.

Come funziona l’antifurto a tenda

Anzitutto, una rapida premessa su come funzionano gli antifurto – ciò che stiamo cercando ne è solo una parte, in fondo, un sensore nello specifico.
La maggior parte dei sistemi di allarme è composto da quattro parti principali:

  • Dispositivi di comando e controllo, ossia qualunque congegno permetta di ‘controllare’ il funzionamento del sistema; possono essere delle chiavi, dei telecomandi, dei pannelletti a muro e così via, a seconda del modello d’antifurto scelto.
  • Centralina, il centro nevralgico dell’impianto deputato al vagliare quanto rilevato dai sensori, giudicare se le rilevazioni in questione siano causa di allarme o meno, e nel caso far scattare l’allarme; solitamente è programmabile a seconda delle nostre esigenze.
  • Sensori, gli ‘organi di senso’ del sistema e come tali disponibili in una ampia varietà di tipologie e tecnologie.
  • Allarmi, ossia tutte le serie di sistemi di riproduzione sonora che scattano qualora la centralina giudichi le rilevazioni dei sensori non conformi ai parametri di sicurezza; la maggior parte di questi emettono suoni molto acuti per scoraggiare i ladri, e di recente inviano anche avvisi ai proprietari.

Quello che noi chiamiamo antifurto a tenda, quindi, è in termini tecnici conosciuto come sensore a tenda – installato solitamente davanti o dietro ad una finestra, questo proietta un fitto ventaglio o tenda di fasci infrarossi per rilevare presenze nei paraggi del varco in questione, ma danno ottimi risultati anche quando montati in orizzontale per formare una vera e propria barriera invisibile per i ladri, capace di intercettare la loro presenza ancora prima che si avvicinino agli ingressi.

Questo genere di sensori dispone di doppia tecnologia, una a iperfrequenze / microonde e una a infrarossi – la prima osserva qualunque corpo si stia muovendo, mentre la seconda osserva le radiazioni IR emesse dalla temperatura corporea, così da avere maggior sicurezza nella qualità delle rilevazioni e prevenire falsi allarmi.

Come sempre nel caso di sistemi elettronici, si consiglia di lasciare l’installazione e l’impostazione dei parametri a personale specializzato, soprattutto se non si ha praticità con questo genere di apparati.

Un’installazione inadeguata rischia di offrire una copertura subottimale, imperfetta o peggio addirittura inefficace.

Richiedi subito un preventivo gratuito a un esperto della tua zona!

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a ANTIFURTI E SICUREZZA

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA