MAGAZINE
Logo Magazine

Tubi intasati: come prevenire spiacevoli inconvenienti domestici

Gli scarichi necessitano di una costante manutenzione per funzionare correttamente. Scopri in questo articolo di PG Casa come eseguire la disotturazione tubi

Chiedi un preventivo per
disotturazione tubi
richiedi un preventivo gratis

Per sturare i tubi intasati è necessario utilizzare dei metodi che permettono di liberare i condotti dalla presenza di ingorghi, che tendono ad accumularsi con il tempo a causa di calcare, grasso e residui di sporco. Generalmente per risolvere questa situazione si ricorre a delle tecniche convenzionali, come ad esempio versare un po’ di candeggina o altri prodotti simili nelle tubature, lasciando che tali sostanze sciolgano gli ingorghi, garantendo il deflusso regolare dell’acqua all’interno del sistema di scarico.

Tuttavia queste soluzioni, per quanto possano essere efficaci quando lo scarico è intasato soltanto parzialmente, contengono delle sostanze tossiche che possono far male sia alla salute che all’ambiente. In realtà è possibile sgorgare i tubi intasati in poche e semplici mosse, in modo autonomo e naturale. Ricorrere regolarmente a questi metodi permette inoltre di prevenire il ripetersi di tale fastidio, contrastando la formazione di grasso o calcare all’interno degli scarichi. Vediamo alcuni validi trucchi per capire come disostruire uno scarico intasato, ripristinando il corretto funzionamento delle tubature.

Come sturare i tubi intasati con sale, acqua e aceto

Uno dei rimedi della nonna particolarmente efficace per sturare i tubi intasati consiste nel preparare un composto a base di sale, aceto e acqua calda. Si tratta di ingredienti immancabili all’interno di qualsiasi cucina, che possono rivelarsi un valido aiuto per sbloccare uno scarico tappato, senza aver bisogno dell’intervento di un idraulico. Per preparare questa soluzione servono 500 ml di aceto di vino bianco, 5 cucchiai di sale grosso e circa 1 litro d’acqua. Dopodiché bisogna versare l’aceto e l’acqua in due pentolini differenti, scaldandoli per alcuni minuti per aumentarne la temperatura, fino a raggiungere il punto di bollitura.

A questo punto è necessario aggiungere il sale grosso, mescolando il tutto accuratamente per diluire gli ingredienti in maniera efficace. Per effettuare la disostruzione dei tubi con questo composto basta versare prima la soluzione contenente l’aceto, poi quella con l’acqua calda salata, aspettando che il liquido agisca e rimuova l’ostruzione. Questo metodo è piuttosto semplice, tuttavia risulta utile soltanto in caso di lievi otturazioni dell’impianto di scarico, mentre al contrario per problemi più seri è consigliabile adottare metodi più aggressivi.

Come sturare i tubi con la soda caustica

Se si sospetta un intasamento piuttosto avanzato è possibile prendere in considerazione l’utilizzo della soda caustica, una sostanza composta da idrossido di sodio, ovvero l’ingrediente che viene usato per realizzare il sapone fai da te. Tuttavia è meglio ricorrere a questo metodo unicamente quando ci si imbatte in una grave ostruzione, che non può essere risolta con altri rimedi alternativi, oppure se è l’unico prodotto che si ha disposizione, poiché si tratta di una sostanza aggressiva e potenzialmente pericolosa, quindi bisogna maneggiarla con cura rispettando le indicazioni riportate sulla confezione.

Per questo motivo, se si decide di sturare i tubi intasati con la soda caustica, occorre adottare delle precauzioni. Ad esempio non bisogna mai toccarla con le mani, quindi è opportuno indossare sempre dei guanti e una mascherina, per proteggere adeguatamente anche gli occhi dai vapori che potrebbe essere sprigionati al contatto con l’acqua presente nello scarico. A questo punto potete versare due cucchiai di soda nello scarico, aggiungendo anche un po’ d’acqua calda, avendo cura di allontanarsi immediatamente in attesa che la sostanza agisca e faccia effetto.

Come sturare i tubi con bicarbonato e acido citrico

In alternativa è possibile aprire lo scarico intasato con una potente reazione chimica, che si crea dall’unione di bicarbonato di sodio e acido citrico, favorendo un perfetto sblocco dell’ingorgo. Per farlo basta munirsi di due bicchieri, versare in uno l’acido citrico e nell’altro il bicarbonato di sodio, riempiendo i contenitori soltanto a metà per una maggiore sicurezza. Per completare l’operazione bisogna versare prima il bicchiere dell’acido e poi quello con il bicarbonato, inserendo anche un litro d’acqua calda circa all’interno del condotto.

Come sciogliere il calcare nelle tubazioni

Una delle cause più comuni che provocano l’intasamento degli scarichi è la presenza del calcare, una sostanza che crea delle incrostazioni sulle pareti interne delle tubazioni. Ciò avviene perché l’acqua del rubinetto contiene una serie di impurità, minerali che con il tempo si depositano riducendo le dimensioni del condotto dello scarico domestico. Per sciogliere il calcare nelle tubazioni è possibile utilizzare una sonda per pulire gli scarichi, uno strumento che può essere collegato ad esempio alla classica idropulitrice, oppure usato manualmente.

La sonda è composta da un lungo filo di metallo flessibile, caratterizzato da una certa rigidità strutturale, che va infilato nel condotto dello scarico per sbloccare eventuali residui molto duri, come incrostazioni di calcare e altri intasamenti simili. Questo tubo è in grado di raggiungere punti molto remoti della conduttura, eseguendo curve e deviazioni grazie alla flessibilità della sonda. Se inserito in una idropulitrice permette di iniettare un getto d’acqua a pressione, una soluzione estremamente efficace per disostruire un tubo intasato.

Come sturare i tubi con la soda da bucato

Per prevenire l’ostruzione dei lavandini e delle tubature è possibile utilizzare un prodotto ecologico ed efficace, la soda da bucato, da non confondere con la soda caustica. Si tratta di una sostanza venduta solitamente in polvere, molto utile per svolgere le pulizie domestiche, che si trova facilmente in qualsiasi supermercato vicino ai prodotti per la lavatrice. È sufficiente versarne circa 4 cucchiai nelle tubature, in base alla gravità dell’ostruzione, seguiti da un litro di acqua calda. Questi metodi consigliati e molto fai da te possono funzionare in caso di piccole ostruzioni e intasamenti. Nel caso la situazione fosse più complessa, il suggerimento è sempre quello di affidarsi a specialisti per un intervento risolutivo e a lungo termine. Richiedi ora un preventivo per conoscere i costi dell’operazione!

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a disotturazione tubi
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali