pagine gialle casa

richiedi preventivo icon menu

Come e quando potare i gerani?

Rendono i balconi ricchi di colori e di sfumature. Ecco come fare per avere gerani sempre rigogliosi e bellissimi.

Potatura gerani
Chiedi un preventivo per ESTERNI E GIARDINO
  • Invia la tua richiesta gratis
  • Ricevi fino a 5 preventivi
  • Scegli il migliore
richiedi preventivo
I gerani sono caratteristici sia delle zone di montagna sia sui balconi in riva al mare, rosi d’invidia potreste restare incantati ad ammirare sfumature infinite di colori.
Semplici da coltivare, possono essere il perfetto coronamento di un balcone da città, dato che necessitano di poche attenzioni.

La potatura dei gerani è necessaria per evitare che l’arbusto s’indebolisca limitando così la fioritura. I rami tagliati potranno poi essere utilizzati come talee.

Tipologie di gerani

Le specie esistenti sono differenti tra loro, sia nella forma che nella cura.
I gerani imperiali sono caratterizzati da una fioritura breve seppur spettacolare: il loro fiore infatti contiene sfumature eleganti, così come la forma del petalo, da questa caratteristica deriva il nome. Questa tipologia soffre il caldo, ecco perché è consigliata la coltivazione in zone montuose, dove il clima favorisce la nascita di nuovi boccioli. Essendo una pianta perenne, durante la stagione invernale si deve battere in ritirata, motivo per cui bisogna custodire la pianta in un luogo asciutto e caldo.
Di costituzione più resistente, i gerani parigini sono caratterizzati da una forma ricadente e rampicante, la vivacità della corolla potrebbe essere un bellissimo punto colorato in un prato verde, creando così un insolito impatto decorativo. Questo geranio può raggiungere i due metri di lunghezza e l’arbusto è molto più forte rispetto alla versione “imperiale”, poiché resiste sia al caldo che al freddo.

Potatura dei gerani e clima, come intervenire?

Per coltivare bene i gerani, è necessario procedere di tanto in tanto con degli interventi di potatura. Come insegnano i giardinieri più esperti,  questa operazione varia in base alla specie e si divide in due fasi: la prima avviene prima dell’inizio dell’inverno, così da mantenere un arbusto sano che ricompenserà degli sforzi durante la primavera, mentre la seconda, dovrà essere fatta poco prima della primavera.
A differenza di altre piante, il primo periodo della potatura è prima dell’inverno, così da permettere alla pianta di rimanere sana senza strascichi durante la stagione invernale. Attendi che sia sfiorita ed intervieni andando a recidere i rami che sono troppo lunghi. In questo modo i gerani conserveranno le energie durante l'inverno e torneranno vigorosi appena le temperature inizieranno ad aumentare.
Per sapere se è necessario travasare il fiore è importante la zona in cui si vive: se il clima è temperato, e gli inverni non sono eccessivamente freddi, il geranio può essere lasciato interrato all’esterno. Diversamente, se la zona è molto fredda e soggetta a gelate, è necessario togliere i gerani dal terreno e metterli in vaso al riparo. I gerani, insieme ad altre piante fiorite, sono perfetti per dare un tocco di colore al tuo appartamento.
In primavera, quando si decide di rimettere la pianta all’aperto, è opportuno intervenire con la seconda fase della potatura, la pianta infatti, durante l’inverno avrà continuato la sua crescita, in questo modo si favorirà una perfetta fioritura.
Intervieni come un perfetto chirurgo! Osserva il geranio, togli i fiori appassiti, analizza su quali rami intervenire, usa cesoie affilate e procedi!
Ogni qualvolta ti affaccerai al balcone e noterai dei fiori che stanno appassendo potrai intervenire con piccoli “ritocchi”. Come? Prendi lo stelo del fiore dietro alla corolla morta tra pollice e indice, pizzica lo stelo e staccalo, lo stesso procedimento potrà essere fatto sulle foglie morte.

Le talee, come avere nuovi gerani gratis!

Quando tagli i rami dei gerani puoi creare delle talee così da avere nuove piante per aumentare il colore sul tuo balcone.
Assicurati di tagliare i rami 1 cm sotto al nodo, togli tutto tranne le foglie più in alto, elimina le foglie secche o morte, se il ramo non ha foglie puoi comunque piantarlo, usa le forbici per fare un taglio longitudinale, lasciando entrambe le metà attaccate.
Ora che hai pronto il ramo da piantare, usa un vasetto con del terriccio (va bene anche se di plastica), è necessario usare vasi diversi per ciascuna talea.
Con una cannuccia o un bastoncino fai un buco nel terriccio al centro del vasetto e inserisci il lato tagliato della talea foglia compresa, compatta leggermente il terriccio.
Mantieni umida la terra.
Tempo sette giorni e la talea dovrebbe iniziare a fare le radici. Se spunterà un butto potrai ritenerti soddisfatto del buon esito dell’ operazione.
Procedi con il trapiantare la pianta in un altro vaso o direttamente a terra. Complimenti! Hai una nuova pianta di gerani.
richiedi preventivo per ESTERNI E GIARDINO
  • potatura gerani
  • gerani
;

Potrebbe interessarti anche

Potatura pesco
Esterni e giardino
Potare un pesco: segreti e consigli per una potatura perfetta

Occuparsi in modo perfetto della potatura del pesco non è impossibile, seguendo alcune strategie. Di un delicato e incantevole colore primaverile, profumato e soave, il pesco è un albero splendido, che preannuncia i primi soffi della stagione calda. Ma, oltre che ammirarlo e fotografarlo, è necessario anche prendersene cura e potarlo quando occorre. Ecco una serie di idee, consigli e segreti...

Siepi da giardino
Esterni e giardino
Piante per siepi da giardino: quali scegliere e come curarle

Al contrario di quello che si può pensare, esistono molte varietà di piante da siepe che possono essere utilizzate per le siepi da giardino. Pertanto è fondamentale individuare la funzione che esse dovranno ricoprire, così da poter scegliere la specie più adatta a soddisfare tali esigenze. Infatti, qualora si desideri, ad esempio, occultare una zona specifica, come un cancello, che magari non...

Innesto per alberi da frutto
Esterni e giardino
Innesto a spacco e a corona: come si eseguono?

L’innesto è un metodo che si utilizza in agricoltura per cambiare le caratteristiche di una pianta. Le tecniche più utilizzate sono l’innesto a spacco e quello a corona: in base ai casi è meglio adottare l’una o l’altra tecnica, perché hanno caratteristiche molto diverse fra loro. L’innesto si ottiene unendo una parte connessa con le radici ad una invece staccata e indipendente. Queste componenti...