MAGAZINE
Logo Magazine

Perché è importante lo shock termico del massetto?

Shock termico del massetto: scopri perché bisogna eseguire la procedura in anticipo alla posa in opera del pavimento e dopo quanto tempo si può procedere

Chiedi un preventivo per
isolamento termico pavimento
richiedi un preventivo gratis

Lo shock termico del massetto è il primo passo da effettuare quando si procede con la posa del pavimento. Chiamato anche ciclo di preriscaldamento o di “preaccensione”, rientra nel rispetto delle norme Uni En, in particolar modo per ciò che riguarda la normativa 1264 relativa agli impianti di riscaldamento e sui massetti e la normativa 11371, relativa ai massetti per pavimenti in legno.

Lo shock termico e le normative. Queste norme stabiliscono che debba essere avviato il funzionamento dell’impianto a partire da 21 giorni dopo della posa in opera, meglio 25 giorni per attendere la maturazione del massetto tradizionale, se si tratta di massetti autolivellanti, a base di solfato di calcio, bastano almeno 7 giorni.

Quando il ciclo di “preaccensione” oppure “shock termico” sarà stato eseguito, allora si potrà procedere con la posa in opera dei pavimenti. Questi procedimenti rappresentano un’esecuzione “a norma” dei lavori, infatti il ciclo di avviamento iniziale dell’impianto radiante è obbligatorio per legge.

Perché bisogna attuare la procedura dello shock termico “anticipato”?

Lo shock termico è sempre obbligatorio per legge. Questa procedura di accensione anticipata, rispetto alla messa in funzione a regime dell’impianto di riscaldamento ha i seguenti vantaggi:

  • sottopone a stress l’operato mettendo subito alla prova la qualità costruttiva
  • favorisce la fuoriuscita dell’umidità

Grazie a questi controlli è possibile garantire una certa durabilità della pavimentazione che verrà successivamente sovrapposta. Il rispetto della norma è di grande importanza, come lo è attenersi in maniera scrupolosa alle procedure, soprattutto quando è prevista la posa in opera di pavimentazioni in legno o in marmo, che sono materiali più sensibili agli sbalzi termici.

Cosa succede se non viene eseguito correttamente lo shock termico? Se vi è una mancata o errata esecuzione dello shock termico il legno si gonfia oppure il parquet si solleva.

In cosa consiste il ciclo di preriscaldamento o lo shock termico? La normativa prevede che questa procedura venga effettuata mediante l’aumento graduale della temperatura del fluido che si trova all’interno dei tubi dell’impianto di riscaldamento a pavimento.

Molto però dipende dalla tipologia di questo impianto, infatti, la temperatura prevista il primo giorno deve essere di 20 gradi centigradi, successivamente è necessario incrementare di 5 gradi centigradi fino a ottenere la massima temperatura di esercizio, che è al di sopra di quella per la quale l’impianto lavorerà di norma.

Questa temperatura deve essere mantenuta per 4 giorni, successivamente bisogna procedere con il decremento dei gradi centigradi fino allo spegnimento completo dell’impianto. Durante questa pratica è importante areare gli spazi consentendo la fuoriuscita dell’umidità.

Dopo quanto tempo si può procedere con la posa in opera del pavimento?

Alla fine del ciclo di shock termico, l’impianto di riscaldamento sarà completamente spento e bisognerà aspettare tre giorni per favorire il raffreddamento del massetto. Quindi, fatto ciò, si procede senza problemi ulteriori alla posa delle piastrelle di ceramica.
Nel caso di posa del pavimento in legno è necessario, invece, avere altre accortezze, proprio perché si tratta di un materiale particolarmente sensibile agli sbalzi di temperatura.

Per evitare un errata esecuzione dello shock termico del massetto ed eseguirlo correttamente, è consigliabile contattare un esperto nel settore e richiedere un preventivo sul sito di PG Casa.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a isolamento termico pavimento
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore

POTREBBE INTERESSARTI

Parquet sollevato, quali sono le cause?
Interni

Parquet sollevato: cosa fare?

Errori nella posa o cattiva manutenzione, in questo articolo spieghiamo perché il parquet si gonfia e come porre rimedio a questo problema. Scopri di più

Lavori da fare in casa?

Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona

TUTTE LE CATEGORIE

Accedi con le tue credenziali