pagine gialle casa

richiedi preventivo icon menu

magazine

I lavori da prevedere nella progettazione di un nuovo impianto elettrico

Prima di procedere nella progettazione di impianti elettrici, è necessario conoscere bene come questi sono composti e quali saranno i lavori che si dovranno andare a svolgere

Per la progettazione di impianti elettrici, è necessario conoscere molto bene le parti che li compongono, affinché si possa fare un lavoro pulito e funzionale. Ci sono diverse operazioni da svolgere che dovrete mettere in conto. Innanzitutto, trattandosi di un compito complesso perché composto da più elementi, e potenzialmente pericoloso perché ha a che fare con elettricità e alta tensione, questa è un'attività che può essere eseguita solo da imprese iscritte in camera di commercio e da personale abilitato, che al termine dell'esecuzione vi rilascerà apposita dichiarazione di conformità. È importante sapere che l'impianto elettrico è diviso in circuiti e dovrebbe essere eseguito in maniera ordinata, così da permettere modifiche in caso di problematiche future o necessità di cambiamenti strutturali. Tuttavia se il vostro impianto è molto vecchio, di prima degli anni '90, potrebbe essere più difficile capire l'ordine di tutti i circuiti, rispetto a uno nuovo e moderno che segue le regole di una norma del 1993. Sia che vogliate eseguire una nuova installazione, sia che vogliate modificarne una già esistente, ci sono 7 interventi che dovete preventivare e che andiamo qui di seguito ad illustrarvi.
Il primo lavoro da prevedere è la mappatura delle tracce. Cosa vuol dire mappature delle tracce? Significa che dovranno essere fisicamente segnati i punti da scavare sul muro. Per questo lavoro è sufficiente una matita, un pennarello o un oggetto che lasci un segno visibile sulle pareti. Ricordatevi che queste parti andranno bucate e poi sistemate, quindi non resteranno segni residui sulla muratura. Dopo aver fatto un'accurata mappatura di tutti punti che andranno scavati è necessario effettuare un lavoro di scanalatura. La scanalatura consiste nell'esecuzione di un solco seguendo la mappatura delle tracce per permettere il passaggio dei cavi. L'incavatura non sarà quindi larga, ma abbastanza stretta: il giusto per permettere all'impresa che ci lavora di inserire comodamente i cavi e poterli tirare e posizionare senza problemi.

Dopodichè, il prossimo lavoro previsto è il posizionamento delle scatole e delle cassette portafrutti. Le scatole portafrutti sono quei piccoli contenitori che vengono messi all'interno del muro e che contengono l'elettronica necessaria di interruttori per la luce o di prese della corrente. Le cassette è obbligatorio posizionarle in questa fase, altrimenti dopo non sarà più possibile inserirle all'interno della parete. Dopo aver posizionato i contenitori portafrutti, bisognerà andare a sistemare i cavi all'interno di tubi e posizionarli all'interno della scanalatura predisposta in precedenza. Una fase molto delicata questa, in quanto questo momento è quello in cui si rischia di sbagliare maggiormente posizionando male la cablatura. A volte un collegamento posizionato male può inficiare il funzionamento dell'intero impianto. Per questo è importante sempre rivolgersi a imprese abilitate e esperte nel settore.
Una volta posizionati i tubi all'interno delle scanalatura si procederà con la chiusura delle tracce aperte sul muro e il ripristino delle sue superfici. Questo vuol dire che i solchi verranno ricoperti da apposito stucco così da rendere la parete uniforme e senza buchi. Dopo che lo stucco si sarà indurito, sarà necessario passare qualche mano di vernice per far tornare la muratura uniforme. Dopo ciò, viene la fase del collegamento degli apparecchi elettronici. Il lavoro è stato fatto e gli interruttori e le prese sono pronti per essere usati. Questo è il momento della prova del nove: se collegando un elettrodomestico, questo si accende, l'impianto è perfettamente funzionante e il lavoro è finito. Se non si accende, bisogna andare a ricercare la causa all'interno dell'impianto appena fatto. Solitamente la prova si svolge comunque prima della chiusura delle scanalature, così da evitare di dover riaprire il muro in caso di problematiche legate all'impianto.
Per la progettazione di impianti elettrici, infine, l'ultimo lavoro da prevedere è il cablaggio delle cassette di derivazione. Le cassette di derivazione sono dei contenitori in cui avvengono i collegamenti finali dell'impianto. Senza questi collegamenti l'intera installazione non funziona. Le scatole di derivazione devono essere sufficientemente spaziose per permettere l'areazione dei cavi e a chi ci lavora di poterci mettere comodamente le mani. Una volta terminato questo cablaggio, la struttura è pronta per l'utilizzo quotidiano degli elettrodomestici. Come già detto, essendo un lavoro così ad alto rischio e che, se fatto male, può causare incendi e corto-circuiti, è obbligatorio che queste operazioni siano svolte da imprese specializzate e abilitate a effettuarle secondo le norme attualmente vigenti. Un impianto elettrico fatto bene vuol dire poter usare giornalmente in tranquillità tutte le moderne tecnologie di cui si dispone senza alcun rischio.


  • progettazione impianti elettrici
  • conoscere impianto elettrico

Potrebbe interessarti anche

Elettricisti
Un guasto: e ora come faccio?

La nostra casa, come il corpo umano, necessita spesso di controlli e di una manutenzione costante affinchè non si verifichino guasti o malfunzionamenti. Le case più moderne, o di recente costruzione, sicuramente possiedono meccanismi e sistemi idraulici o elettrici più tecnlogici la cui cura risulta assai più semplice. Ma come fare se la propria casa non è nuova e si vogliono evitare...

Elettricisti
Antenne, fotovoltaico e videosorveglianza

Ora che siamo entrati definitivamente nell'era del digitale terrestre e la tv analogica è ormai soltanto un ricordo, avere in casa un buon impianto di antenne è un requisito fondamentale per garantirsi un'ottimale ricezione del segnale. Se si possiede un vecchio impianto ed è necessario convertirlo al nuovo sistema, la cosa migliore da fare è affidarsi a una ditta specializzata in questa tipologia...

Elettricisti
Gli elementi essenziali per rifinire una casa: sistemi antintrusione, climatizzatori ed impianti elettrici

Negli ultimi anni, visto l'aumento dei fenomeni legati agli atti vandalici, si sta ponendo maggiore attenzione nei confronti dell'ingresso alla propria abitazione. Questo, infatti, necessita di particolari sistemi di antintrusione, al fine di preservare la sicurezza della casa e di chi vi abita. A tal proposito sono state messe a punto numerose tipologie di porte e cancelli automatici, come quelli...