MAGAZINE
Logo Magazine

Cosa sono i btu dei condizionatori

Btu condizionatori: in cosa consistono e come scegliere il condizionatore ideale in base ai btu? scoprilo in questa guida.

01-07-2018 (Ultimo aggiornamento 26-04-2021)
Chiedi un preventivo per
CONDIZIONATORI

Quando siamo intenti nell’acquisto di un nuovo condizionatore, ci troviamo a leggere numerose caratteristiche tecniche, che nella maggior parte dei casi si rivelano poco comprensibili a chi conosce poco i climatizzatori. Per questo motivo, al fine di scegliere l’impianto più adatto alle proprie esigenze, andranno conosciute alcune terminologie specifiche come dual split, mono split, inverter, on-off, btu ecc.

Il nostro approfondimento sarà proprio incentrato sul significato del termine BTU, una sigla che va ad indicare la potenza del climatizzatore e il raggio d’azione che riesce ad emettere sulla base di una metratura ben precisa. Ma quanti di noi sanno realmente cosa comporta il termine BTU nel concreto e quanto sia importante tale sigla in termini di prestazioni?

Se anche tu ignori il loro significato, ecco dunque una semplice guida su tutto quello che c’è da sapere sui btu dei condizionatori e quali criteri scegliere durante l’acquisto sulla base della quantità dei btu e le caratteristiche della tua casa o appartamento.

Btu condizionatori: cosa sono

La sigla BTU sta per British Thermal Unit ed è l’unità di misura che identifica la potenza di un impianto di condizionamento o di riscaldamento e più nello specifico la capacità che ha un condizionatore di refrigerare o riscaldare qualora il condizionatore sia dotato di pompa di calore. Risulta quindi abbastanza intuitivo il fatto che più alto sarà il valore dei btu, maggiore sarà la sua potenza e la copertura in metri quadri che riuscirà ad avere.

Quali fattori bisogna considerare in fase d’acquisto ovvero di quanti btu avrai bisogno

Prima di capire di quanti btu avrai bisogno, è importante prima di tutto considerare una serie di fattori che vanno ad influenzare non poco le prestazioni del tuo condizionatore.

In particolare:

  • Le dimensioni della casa in termini di metri quadri: più una casa è grande, maggiore dovrà essere la portata che il tuo impianto dovrà coprire per emettere un’aria il più possibile regolare e omogenea.
  • Numero di persone presenti nella casa: più una famiglia è numerosa, più ci sarà l’esigenza di refrigerare l’ambiente con una certa regolarità, viceversa se la casa è abitata da una o due persone al massimo verrà richiesta una minore emissione d’aria.
  • Esposizione delle finestre e delle pareti e presenza o meno di tende: l’esposizione delle finestre e delle pareti ad una zona più o meno soleggiata comporta una richiesta maggiore o minore di refrigerazione. Discorso analogo vale se si hanno una quantità più o meno grande di tende. Delle tende più chiare lasceranno trasparire una maggiore grande quantità di calore, viceversa sarà minore se si hanno delle tende scure o opache.
  • Isolamento termico presente: una casa protetta termicamente è una casa che ha un minore bisogno di refrigeramento perché è già predisposta dal punto di vista strutturale.
  • Superfici dei soffitti: per quanto riguarda i soffitti va fatto un discorso analogo alla metratura delle stanze. La portata del condizionatore infatti, va di pari passo con l’altezza e lo spessore dei soffitti. Va da sé che una stanza con soffitti alti e poco spessi dovrà essere refrigerata maggiormente rispetto ad una stanza con soffitti bassi e spessi.
  • Tipologia di illuminazione e quantità di elettrodomestici: quest’ultimo punto, oltre che alla portata del condizionatore va commisurato in relazione al consumo che comporta. Una scelta che va pensata con la massima attenzione.

Oltre a ciò valuta sempre con attenzione la scelta del climatizzatore anche quanto dovrai usare il condizionatore nell’arco di una giornata e quali sono le specifiche abitudini giornaliere. Ti aiuterà a capire maggiormente di cosa hai bisogno.

Come si calcolano i btu sulla base dei metri quadri?

Il valore dei btu richiesti per la propria casa va calcolato sulla base del volume dell’edificio moltiplicato per 100. Per fare un esempio specifico, un appartamento di circa 35 mq saranno di 12.000 btu, mentre un appartamento che va dai 45 ai 60 mq ne richiederà 25.000 btu.
Va da sè che i prezzi del condizionatore andranno di pari passo con la portata dei btu del condizionatore che andrai ad acquistare. Il consiglio è dunque quello di affidarsi al proprio rivenditore di fiducia al fine di scegliere con la massima attenzione l’impianto più adatto alle proprie esigenze.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a CONDIZIONATORI
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali