pagine gialle casa

richiedi preventivo icon menu

magazine

Fa più male il condizionatore o il ventilatore?

Ventilatori o condizionatori? Quale delle due soluzioni è la migliore? Si analizzano le differenze di funzionamento, gli effetti sull'ambiente e sulla salute della persona, per una scelta attenta.

Ventilatori o condizionatori? Ecco l'eterno dilemma che attanaglia la mente delle persone con l'approssimarsi della stagione estiva. Due concetti totalmente differenti che hanno effetti diversi sia sull'ambiente "condizionato", sia sulla salute della persona. Il mercato propone svariate soluzioni e basta recarsi presso un negozio di elettrodomestici per vedere esposti diversi modelli proposti ai prezzi più disparati, con caratteristiche e numeri che talvolta creano confusione. Quello che spesso non si valuta in fase di acquisto sono le conseguenze che tali sistemi possono portare alla persona a livello fisico. La salute della persona è influenzata dal funzionamento di un ventilatore o di un condizionatore? In che modo? La risposta è sicuramente affermativa e un acquisto sbagliato può dar adito a conseguenze spiacevoli, provocando indolenzimenti e fastidi. Dipende dalla predisposizione del proprio fisico, dall'ambiente in cui ventilatori e condizionatori verrebbero installati, dalle temperature. Sono diversi i fattori che possono provocare conseguenze alla salute ed è bene tenerne debito conto in fase di acquisto.
Il ventilatore si limita a muovere l'aria presente nell'ambiente di azione. Non abbassa la temperatura e non modifica il tasso di umidità. Il sollievo che si avverte quando si sta in un locale nel quale vi è la presenza di un ventilatore, deriva dal fatto che la temperatura percepita è inferiore a quella reale. Non modificandosi quest'ultima, sudorazione e disidratazione potranno accentuarsi soprattutto quando si superano i 32°C. Un ventilatore ha il vantaggio di creare un sollievo momentaneo, ma il suo orientamento non deve essere indirizzato in maniera diretta verso al persona. Il prezzo di un ventilatore è relativamente basso e l'assorbimento energetico richiesto è minimo, inoltre non è dannoso per l'ambiente. Ha una certa praticità di movimento, essendo semplice da spostare da un locale all'altro e quello con piantana telescopica può ridursi dimensionalmente rendendo ancor più facile la sua collocazione. Oggi poi sono disponibili anche con un design ricercato, che non stonano nello stile dell'ambiente in cui viene posizionato.

Il condizionatore funziona in maniera differente: il sistema presente abbassa la temperatura effettiva dell'ambiente e riduce il tasso di umidità. Così facendo si sta in un locale più fresco e di conseguenza dovrebbe calare anche la propensione alla sudorazione, creando maggiori benefici al proprio corpo. Il consumo di energia richiesto è però superiore rispetto ad un ventilatore, nonostante la tecnologia dell'inverter abbia contribuito notevolmente alla riduzione degli assorbimenti. Inoltre vi è la possibilità di scegliere un condizionatore con pompa di calore, un sistema che possa aiutare il riscaldamento nei mesi più freddi. Esistono condizionatori a parete installati solitamente in alto, verso il soffitto (è lì infatti che l'aria calda tende ad accumularsi) e sistemi portatili: entrambi devono avere uno sfogo per lo scarico dell'acqua di condensa.
Un ventilatore comporta solitamente conseguenze negative sulla salute delle persone in misura maggiore rispetto ad un condizionatore. Oltre a non ridurre la sudorazione, il flusso di aria di un ventilatore indirizzato verso una schiena umida e sudata può comportare dolori muscolari, irrigidimento alle articolazioni e così anche verso la cervicale. Un ventilatore smuove l'aria in ambiente, quindi se si è in un locale con presenza di polvere, questa può spostarsi e infastidire la respirazione, soprattutto di chi ne è allergico. Meglio quindi un condizionatore in questo caso, il cui flusso di aria è comunque minino. Un condizionatore d'aria può accumulare batteri nei filtri se questi non sono puliti, creando cattivi odori ma soprattutto mandando nell'ambiente piccolissime particelle che possono provocare bruciori e irritazione agli occhi. Basterebbe pulire con regolarità i filtri e i condotti per godere del beneficio di un'aria sana. Il condizionatore può diventare dannoso nel caso in cui si tenga una temperatura eccessivamente bassa rispetto a quella esterna o rispetto a quella di altri locali. Si sconsiglia di mantenere una temperatura inferiore a oltre 7°C rispetto a quella ambiente. L'aria fredda, più pesante di quella calda, tenderà a scendere verso il basso, "investendo" le persone presenti nel locale. Una differenza eccessiva potrebbe infatti creare lo stesso problema che creerebbe il flusso d'aria di un ventilatore indirizzato localmente contro la schiena di una persona.
Concludendo, i ventilatori sono, dal punto di vista della salute, generalmente peggiori rispetto ai condizionatori d'aria perchè fanno più male al fisico delle persone, soprattutto in determinate condizioni. Il condizionatore ha un costo maggiore, ma rispetto al ventilatore ha un'efficacia decisamente superiore, non paragonabile a quella derivante dalla pale rotanti. Varrebbe quindi la pena investire qualcosa in più in termini economici per avere un ambiente più fresco e poter ridurre i rischi dovuti al funzionamento del ventilatore , preservando il fisico, salvaguardando prima di tutto la propria schiena e la propria cervicale.


  • ventilatori
  • condizionatore

Potrebbe interessarti anche

Condizionatori
La sicurezza in casa aumenta con la domotica e gli allarmi antifurto

Ad oggi, l'innovazione tecnologica punta a facilitare il nostro modo di vivere la quotidianità, partendo dagli aspetti più banali fino ad arrivare a quelli più complessi. Negli ultimi anni l'informatica si è posta l'obiettivo di migliorare la qualità della vita degli uomini, investendo moltissime risorse su una branca in particolare, nota con il nome di domotica. Questa ha come fine quello di...

Condizionatori
Come sfruttare la produzione di energia rinnovabile in casa

Negli ultimi anni lo sfruttamento e la produzione di energia rinnovabile, a basso impatto ambientale, ha fatto passi da gigante. Oggi è possibile per una famiglia, o anche per un'azienda, riuscire a produrre tutta l'energia necessaria nel quotidiano utilizzando un impianto fotovoltaico, evitando quindi di utilizzare impianti a combustibili fossili. Si tratta di una scelta che sicuramente permette,...

Condizionatori
Climatizzare un ambiente a Salerno

Che il clima negli ultimi anni stia profondamente cambiando è un dato certo. Estati sempre più calde ed inverni sempre più freddi stanno caratterizzando l'andare delle stagioni. É possibile che in un futuro non lontano le cose possano ancora cambiare ed è importante non lasciarsi cogliere impreparati. Chi infatti abita a Salerno è abituato a temperature miti, ma con i picchi stagionali che si...