magazine

tutti gli articoli

La sicurezza in casa aumenta con la domotica e gli allarmi antifurto

La domotica: l'innovazione della tecnologia che sta cambiando radicalmente il modo di vivere

Ad oggi, l'innovazione tecnologica punta a facilitare il nostro modo di vivere la quotidianità, partendo dagli aspetti più banali fino ad arrivare a quelli più complessi. Negli ultimi anni l'informatica si è posta l'obiettivo di migliorare la qualità della vita degli uomini, investendo moltissime risorse su una branca in particolare, nota con il nome di domotica. Questa ha come fine quello di trovare un'applicazione pratica all'informatica, integrandola a sistemi come cancelli ed allarmi antifurto, creando una vera e propria casa intelligente. Nello specifico, con la domotica è possibile comandare a distanza una serie di servizi utilizzando semplicemente uno smartphone o, in alternativa, qualunque dispositivo predisposto ad una connessione ad Internet. Sul mercato esistono diverse tipologie di impianti, che vanno dalla semplice accensione dell'illuminazione al controllo remoto della T.V.C.C. (Televisione a Circuito Chiuso), con l'annessa possibilità di azionare o disattivare l'impianto di allarme. Il cliente potrà dunque scegliere il sistema che più risponderà alla sue esigenze, con la possibilità di incrementarne le funzioni anche in seguito all'acquisto e all'installazione.


Scegliere il giusto impianto d'allarme può sembrare una cosa semplice, ma in realtà è frutto della considerazione di alcuni elementi di fondamentale importanza. Innanzitutto bisogna analizzare le varie tipologie: esistono, infatti, quelli che emettono solo ed esclusivamente un avviso sonoro, tramite delle sirene poste sia internamente che esternamente; ma ci sono anche alcuni modelli che, quando scattano, si mettono in collegamento con una centralina mediante un modulo GSM o un collegamento ad Internet. In seguito, si deve analizzare il luogo adatto per installare il controller: per questa operazione, bisognerà affidarsi al parere di un esperto, in quanto saprà individuare al meglio un punto della casa nascosto, ma di facile accesso per chi sa dove si trova. Infine si deve scegliere la copertura di ciascun sensore: in commercio esistono diversi modelli, con una capacità che varia dai 90 ai 360°. Le più recenti tecnologie hanno inoltre messo a punto dei sistemi fotovoltaici, i quali sfruttano le radiazioni solari e risultano particolarmente adatti alle zone esterne, come patii e giardini. In questo modo si assicurerà un grado di sicurezza maggiore, senza andare ad incidere in maniera rilevante sulla bolletta della luce.







Per ottimizzare il sistema di sicurezza, risultano di rilevante importanza anche i cancelli e le porte sezionali. Entrambi possono essere collegati ad impianti elettrici, che ne rendono più facile il funzionamento. Anche in questo caso sarà opportuno considerare la destinazione d'uso e quindi dove dovranno essere installati. Nello specifico saranno indicati, per i grandi spazi adibiti alla sosta delle autovetture e per le abitazioni con un'area antistante spaziosa, i cancelli dalle grandi dimensioni ed automatizzati, come quelli prodotti dalla Gd Impianti. Per quel che concerne le porte sezionali, invece, queste saranno particolarmente indicate per creare un'efficiente barriera anti-intrusione per box e tavernette. Il tutto potrà essere completato con l'installazione di un impianto di T.V.C.C., che permetterà di controllare le varie zone dell'abitazione, sia interne che esterne, anche in maniera remota. Attualmente, sono disponibili molteplici tipologie che dispongono anche di funzioni avanzate, come quella di registrare i movimenti rintracciati, trasferire le informazioni sui dispositivi di archiviazione elettronici, inviare in maniera automatica SMS o chiamate di allarme ed, infine, attivare e disattivare gli avvisi sonori col semplice utilizzo di uno smartphone.


Potrebbe interessarti anche