Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

Accedi con le tue credenziali

MAGAZINE

chiedi preventivo

Come eliminare le muffe dal bagno

Le pulizie residenziali, ma soprattutto la pulizia di abitazioni private dovrebbero contemplare l'eliminazione delle muffe dal bagno, per mantenere un ambiente salubre e igienico.

Chiedi un preventivo per IGIENE E PULIZIE DI CASA richiedi un preventivo gratis

La presenza di muffe in bagno è un problema con il quale molte persone si trovano a dover fare i conti, sia che interessi le superfici piastrellate oppure le pareti in muratura. Per fortuna, eliminare la muffa da casa non è un’impresa impossibile, anche se non è sempre semplice.

L’umidità è la principale causa di generazione di muffe, un ambiente poco ventilato oppure una pittura non traspirante e poco adatta all’ambiente può causare la formazione delle muffe, anti igieniche e anti estetiche. Esse si annidano negli angoli e negli interstizi tra le piastrelle, nei pressi della doccia o del wc oppure sui muri del soffitto.

Come eliminare la muffa dal bagno

Per eliminare le muffe dal bagno servono prodotti appositi, un po’ di pazienza e per certi versi anche un cambio di mentalità. Con una pulizia costante e qualche accorgimento la muffa avrà vita breve e sarà possibile avere muri e piastrelle linde e brillanti.

Il detergente ideale lo si può acquistare anche al supermercato oppure produrselo in proprio, ottenendo comunque risultati di tutto rispetto ed efficaci.

Basta mezzo litro di acqua a cui vengono aggiunti 250 cc di aceto e un bicchiere di succo di limone per ottenere un detersivo efficace a combattere ed eliminare le muffe. Se la muffa è presente in grande quantità è possibile aggiungere alla mistura qualche cucchiaio di bicarbonato di sodio dall’elevato potere sbiancante e con uno spazzolino da denti a setole dure passare tra le fughe delle piastrelle e dove è presente l’annerimento.

Come eliminare la muffa dai muri?

Per pulire invece i muri è possibile più semplicemente formulare un composto di acqua e candeggina (o eventualmente acqua ossigenata) e con una spazzola imbevuta passare la parte da trattare e immediatamente asciugare l’eccesso con uno straccio in materiale assorbente.

Questo è un ottimo metodo di pulizia per abitazioni private, orientato alla pratica fai da te, mentre chi si occupa di pulizie residenziali può servirsi di prodotti appositi in commercio, solitamente a base di acido citrico, candeggina o aceto, i quali solitamente richiedono un tempo di posa di qualche minuto prima della loro rimozione.

Come togliere la muffa da tenda e box doccia

La tenda della doccia va lavata in lavatrice rispettando le indicazioni riportate sulla targhetta ma è possibile aggiungere un bicchiere di bicarbonato, lasciando poi in ammollo per qualche tempo prima di passare al risciacquo e all’asciugatura.

Un punto nel quale è facile trovare la formazione della muffa è lungo la guarnizione del box doccia. In questo caso è utile trattare la parte con un detergente poco aggressivo per evitare di intaccare la gomma, ma al tempo stesso che sia efficace contro la muffa. Una volta tolta è utile pensare all’applicazione di un prodotto antimuffa dalle proprietà idrorepellenti.
Comunque sia il consiglio principale prima di togliere la muffa dal bagno è quello di operare in una giornata di sole in modo che sia possibile lasciare aperte le finestre e favorire l’asciugatura dell’ambiente.

Come prevenire la formazione di muffa in bagno

Il primo accorgimento è limitare il ristagno dell’umidità: installare una ventola aspirante oppure avere la possibilità di aprire una finestra che garantisca la circolazione dell’aria è già un primo importante passo per ridurre il generarsi di muffa in bagno.

Altro importante accorgimento è quello di passare una mano di pittura appositamente pensata per il bagno, dalle caratteristiche traspiranti.

Anche quotidianamente è importante agire per limitare le muffe, asciugando le piastrelle della doccia o la zona vicina al lavabo, verificando che non vi siano perdite di acqua nemmeno dal gabinetto. Una pulizia del bagno può quindi risultare il metodo ideale per prevenire la comparsa di macchie di muffa su parete e piastrelle.

Esistono poi in commercio prodotti spray per la prevenzione della muffa che vanno vaporizzati sulle piastrelle affinché possano creare una patina protettiva e duratura che funge da idrorepellente.

Un piccolo trucco per eliminare e prevenire la formazione di muffe, utilizzato anche da imprese di pulizie residenziali è quello di osservare se nelle fughe delle piastrelle vi sono delle microfessure: lì l’acqua penetra, ristagna e si crea l’umidità necessaria per far affiorare in superficie la muffa. L’aiuto di uno stucco apposito può contribuire a chiudere la fessura e sigillare la fuga, impedendo l’assorbimento dell’acqua.

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a IGIENE E PULIZIE DI CASA

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA