MAGAZINE
Logo Magazine

Impianto elettrico di cantiere: tutto quello da sapere

Per l’allestimento di un impianto elettrico di cantiere dobbiamo sapere innanzitutto da cosa è composto. Ecco una guida utile

Chiedi un preventivo per
certificazione impianto elettrico
richiedi un preventivo gratis

Soprattutto nei cantieri più grandi è necessario l’allestimento di un impianto elettrico di cantiere. Ma quali sono i passaggi per poter attivarlo al meglio e soprattutto in sicurezza? Fortunatamente sono finiti i tempi in cui si tendeva ad arrangiarsi nell’edilizia, è cresciuta l’attenzione al lavoratore, alla sua salute, ma anche alle condizioni lavorative. Vediamo insieme su PG Casa come realizzare un impianto elettrico di cantiere e quali sono gli adempimenti da seguire.

Da cosa è composto un impianto elettrico di cantiere?

Per l’allestimento di un impianto elettrico di cantiere, dobbiamo sapere innanzitutto da cosa è composto e cosa, invece, non ne fa parte e va quindi trattato in un’altra maniera.

Gli elementi che troviamo sono gli stessi di un impianto elettrico con normative e controlli:

  • Collegamenti elettrici – che siano condutture o cavi – che partono dal punto di consegna dell’azienda elettrica erogatrice fino al quadro elettrico generale. Da qui possono partirne altri per i sottoquadri di settore dove ci sono gli interruttori o i microinterruttori.
  • Masse metalliche nel terreno per disperdere le correnti di guasto o scariche atmosferiche. Qui ci sono anche dei conduttori di terra per connettere le carcasse metalliche degli utilizzatori elettrici con l’impianto a terra.

Ciò che invece non fa parte dell’allestimento di un impianto elettrico di cantiere:

  • I collegamenti elettrici alimentati dalle prese dei quadri elettrici terminali.
  • L’elettricità dei locali di servizio del cantiere – uffici, mense, servizi igienici. I circuiti alimentanti di queste aree devono rispettare comunque le prescrizioni della CEI 64-8.
  • Le spine e i cavi degli apparecchi trasportabili. Non per questo si può utilizzare qualsiasi strumento, per la verifica della sicurezza degli apparecchi e i relativi allacciamenti sono responsabili i datori di lavoro.

Documentazione necessaria

Prima di definire i documenti da trasmettere per un impianto di cantiere regolare, bisogna mettere ben in chiaro che la realizzazione di un impianto elettrico e la relativa messa a terra può essere eseguita solo da un installatore qualificato, come da D.M. 37/2008. Sarà lo stesso installatore a produrre la dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico di cantiere. Nel caso in cui la fonte energetica di distribuzione sia privata e non pubblica, il datore di lavoro deve produrre una dichiarazione di conformità anche per l’impianto sorgente.

Per l’erogazione provvisoria della corrente elettrica non è necessaria la suddetta dichiarazione, basta fare domanda all’azienda erogatrice. È però fondamentale che ci sia una trasmissione della dichiarazione dell’impianto elettrico di cantiere entro trenta giorni di messa in esercizio all’ISPESL, alla ASL e allo sportello unico delle attività produttive del Comune competente.

Cos’è la dichiarazione di conformità?

La dichiarazione di conformità altro non è che una relazione dell’installatore qualificato che attesti che l’impianto di cantiere è stato realizzato a regola d’arte, con componenti idonei e adatti alle circostanze di installazione, il tutto a norma di legge. Deve riportare i dati dell’impresa installatrice, con numero di iscrizione CCIAA, il nominativo del committente e la descrizione dello schema dell’impianto. Inoltre, devono essere allegati:

  • Relazione tipologica dei materiali utilizzati,
  • Lo schema dell’impianto realizzato,
  • Il certificato CCIAA dell’impresa installatrice.

Controlli periodici

Per la sicurezza, sarebbe buona norma effettuare dei controlli periodici sull’impianto elettrico di cantiere, in particolare se i lavori durano più di qualche mese. Diventano poi necessari nel caso di un eventuale inutilizzo che si protrae per 6 mesi o più o nel caso di avvenimenti fuori dalla norma che rendano necessario un controllo. Per questi controlli, è bene tenere un registro di controllo nella documentazione di cantiere.

Il nostro consiglio è quello di rivolgersi sempre a un professionista esperto non prima di aver confrontato più preventivi. Richiedine subito uno per scegliere un esperto che certifichi l’impianto elettrico del tuo cantiere.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a certificazione impianto elettrico
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali