Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

Accedi con le tue credenziali

MAGAZINE

chiedi preventivo

Quadro elettrico: modelli e funzionamento

Elemento fondamentale dell'impianto elettrico, il quadro elettrico consente di gestire al meglio le linee di casa, in semplicità e sicurezza: vediamo come.

tipi quadro elettrico
Chiedi un preventivo per IMPIANTO ELETTRICO richiedi un preventivo gratis

Uno degli elementi fondamentali nell’impianto elettrico delle nostre case è il quadro elettrico, chiamato anche quadro di distribuzione, quello che potrebbe essere considerato il cuore dell’intero impianto e che ha la funzione di alimentare le diverse linee di corrente all’interno dell’abitazione.

Da non confondere con il contatore, che collega l’impianto alla rete del fornitore, il quadro elettrico rappresenta infatti il punto di partenza delle varie linee che si diramano alle prese e ai dispositivi elettrici.
Il quadro elettrico e di comando può essere da interno o da esterno, oltre che quadro elettrico da parete, e anche da incasso o da pavimento.

A prescindere dalla tipologia, deve necessariamente essere installato da un’impresa o da un professionista abilitato, che provvederà a mettere in sicurezza l’intero impianto elettrico rilasciando apposito certificato di conformità.

Quadro elettrico: componenti

Compreso il funzionamento generale del quadro elettrico, andiamo a osservare quali siano le sue componenti principali.

Un quadro elettrico per impianti civili è costituito da:

  • un involucro;
  • un interruttore generale, che consente di scollegare e ricollegare la corrente di casa in caso di bisogno;
  • uno o più interruttori magnetotermici, diversificati fra prese a terra, interruttori ed elettrodomestici;
  • almeno due interruttori differenziali, che permettono di mantenere separate le linee in modo da garantire la continuità di servizio qualora una di questa si guasti o debba essere staccata;
  • un interruttore differenziale “salvavita”.

Le più recenti norme di legge, in particolare la CEI 64-8 variante V3, stabiliscono oggi che i quadri abbiano dimensioni del 15% in più rispetto al necessario, per favorire l’installazione di moduli di riserva, e che i circuiti delle prese siano protetti contro il sovraccarico con una corrente nominale non più elevata della corrente nominale delle prese più piccole.

Perché è importante la manutenzione del quadro elettrico

Il quadro elettrico, come detto, copre diverse funzioni di fondamentale importanza all’interno delle abitazioni, in quanto consente di alimentare le diverse linee elettriche proteggendo i circuiti e interrompendo l’alimentazione in caso di guasti, pericoli e sovraccarichi. Per questo motivo, chiedere un preventivo per una revisione periodica del quadro è importante per essere certi che la distribuzione della corrente elettrica avvenga sempre in maniera corretta e che la sicurezza di persone e oggetti sia sempre garantita da un impianto perfettamente funzionante.

Un quadro elettrico malfunzionante, infatti, potrebbe non reggere a un sovraccarico o a un cortocircuito, mettendo a rischio l’incolumità di coloro che vivono in casa.

Come si collega un quadro elettrico?

Installazione e manutenzione del quadro elettrico vanno affidate, come detto, a personale specializzato: manipolare l’impianto elettrico senza adeguate conoscenze può essere infatti particolarmente pericoloso, sia nel momento stesso in cui si opera che successivamente. Può essere comunque interessante capire com’è fatto e come si collega un quadro elettrico, per avere un’idea più precisa di ciò che avviene all’interno dell’impianto.

Va detto, innanzitutto, che attualmente è possibile installare sia quadri elettrici da interno che da esterno. Ovviamente i secondi, essendo più esposti al caldo, al freddo e alle intemperie, necessitano di una protezione maggiore, ma in linea di massima seguono modalità simili di installazione. La maggior parte dei impianti elettrici ed elettronici è da incasso e prevede una struttura ben più ampia che in passato, questo perché oggi si preferisce gestire diverse linee elettriche e avere la possibilità di accendere o spegnere solo parte dell’impianto in caso di interventi.

Il quadro, inoltre, presenta dei profilati metallici DIN già predisposti, all’interno dei quali vengono posizionati a incastro tutti gli interruttori. Da questi si dipaneranno le diverse linee elettriche (per esempio, luci, prese, luci esterne e così via), che potranno essere collegate o scollegate a seconda delle necessità. Un interruttore generale, infine, permetterà di staccare l’intero impianto laddove necessario.

Cos’è un quadro elettrico con prese

In alcuni casi, si opta per l’installazione di un quadro elettrico con prese: questa particolare tipologia di quadro presenta appunto delle prese elettriche che permettono di collegare direttamente strumenti e apparecchiature allo stesso. Si tratta tuttavia di un dispositivo generalmente non utilizzato in ambiente domestico, in quanto poco funzionale alle esigenze di una casa.

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a IMPIANTO ELETTRICO

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA