MAGAZINE

tutti gli articoli

Costi e guida alla scelta di un impianto antifurto

L'impianto antifurto è una valida soluzione per non lasciare la propria casa incustodita: ecco alcuni utili consigli per valutare il sistema più adatto

Chiedi un preventivo per ANTIFURTI E SICUREZZA richiedi un preventivo gratis

L’impianto antifurto, al giorno d’oggi, è una soluzione a cui moltissime persone ricorrono per ottenere il massimo della sicurezza per la propria casa, soprattutto durante le ore notturne oppure quando si è assenti.

Come scegliere l’impianto di antifurto

La scelta di un impianto antifurto deve necessariamente essere fatta con prudenza, poiché si tratta di un sistema di sicurezza che deve garantire il massimo della protezione di un immobile per prevenire i tentativi di effrazione.

Kit fai da te o impianto di antifurto professionale?

La scelta fra kit fai da te oppure l’impianto installato da un tecnico esperto comportano vantaggi differenti, i quali non vanno affatto sottovalutati per fare la scelta giusta.

Il consiglio è quello di affidare la protezione e la sicurezza della propria casa a un esperto del settore che difficilmente consiglierebbe di installare un sistema di scarsa qualità che col passare del tempo potrebbe causare problemi come malfunzionamenti, difetti e falsi allarmi. Situazione che invece potrebbe verificarsi con i kit fai da te che si possono acquistare nei negozi di elettronica o online.

Ma se pensate di essere abbastanza esperti nell’ambito dell’elettronica allora potete procedere con l’acquisto di un kit fai da te, diffidando però dai prodotti economici e a basso prezzo, specialmente quelli con un costo inferiore ai 100€, poiché potrebbero guastarsi in breve tempo e causare fastidi durante le ore notturne fino a non rilevare i tentativi di violazione della proprietà.

Onde evitare spiacevoli inconvenienti, è buona norma valutare attentamente le qualità tecniche di ogni prodotto, stabilendo il budget a disposizione. Ad esempio il costo di un kit completo di un impianto antifurto generalmente si aggira intorno ai 300-500 euro. Non è necessario acquistare il più caro, ma è bene saper prediligere prodotti completi, efficienti e funzionali anche in base alle proprie esigenze.

Impianto di videosorveglianza o sistema di allarme?

Alcuni professionisti reputano  maggiormente affidabile un sistema di sorveglianza collocato all’esterno della casa, come il giardino, dov’è possibile installare anche un allarme perimetrale, un piccolo dispositivo esterno che funge da primo deterrente per i possibili intrusi.

Oltre la classica centralina d’allarme, i sistemi di sorveglianza prevedono l’installazione di telecamere esterne e interne per monitorare l’immobile a distanza, anche via smartphone, in ogni momento della giornata.

Acquistabile a prezzi modici su siti online, nei grandi magazzini per il fai da te e il bricolage o presso rivenditori specializzati, anche per quanto riguarda un sistema di videosorveglianza completo è necessario l’intervento di un tecnico se non si è esperti in elettronica. Altrimenti sono presenti sul mercato dei kit a tecnologia wireless autoconfiguranti, facilmente installabili da chiunque, che comprendono un registratore e delle telecamere, anche a infrarossi, per la visione continua di giorno e di notte.

Il costo si aggira intorno ai 500€, mentre per l’installazione da parte di un tecnico si possono superare i 1000€.

In altri casi si predilige un sistema più tradizionale che ha il compito di tenere sotto controllo le aperture dell’immobile, come porte, finestre e ogni via di accesso. Generalmente, il preventivo di un impianto antifurto “classico” include anche l’aggiunta di uno o più sensori volumetrici, detti anche PIR (Passive InfraRed), in base alla superficie della casa. Questi, come l’allarme perimetrale esterno, rilevano i movimenti mediante una tecnologia ad infrarossi, che è più vulnerabile ai falsi allarmi, e i sensori magnetici, definiti anche sensori di apertura. Quest’ultimi sono più efficienti e grazie al loro sistema a magneti riducono il rischio di difetti come falsi allarmi e malfunzionamenti, garantendo quindi una funzionalità più precisa.

A questo punto, non resta che stabilire le proprie necessità e valutare quale delle due opzioni è quella più inerente alle proprie esigenze.

Tipologie di sistemi di allarme

Ci sono tre tipologie di sistemi di allarme:

L’impianto antifurto filare è indicato qualora l’abitazione disponga già della predisposizione per il passaggio dei fili che collegano l’antifurto alle zone di accesso come porte e finestre, e che sono connessi a loro volta ai sensori volumetrici presenti nelle stanze.

Se invece si desidera optare per un impianto antifurto da casa più semplice ed efficace allo stesso tempo, si possono prendere in considerazione gli allarmi wifi, i quali però prevedono dei costi più elevati rispetto al sistema di allarme via filo. Questo sistema può infatti rivelarsi uno dei migliori antifurti per la casa se prevede una configurazione semplice che non necessita di particolari competenze in ambito elettronico. È il dispositivo ideale per tutti coloro che prediligono il fai da te: dopo aver inserito un codice sulla centralina, il sensore viene connesso all’impianto, così facendo nel momento in cui si verifica un tentativo di intrusione, il sensore trasmette il segnale alla centralina che a sua volta fa partire l’allarme o avvia le chiamate all’elenco dei numeri memorizzati.

Infine ci sono gli antifurto ibridi, detti anche misti, la cui installazione comprende sia la posa di cablaggio che i segnali via radio. Il funzionamento prevede moduli esterni o interni, proprio come per gli antifurto filari, che però possono interagire con periferiche wireless, così da consentire la presenza di sensori anche in zone non predisposte. Questa soluzione consente la massima personalizzazione e permette di essere ampliata qualora in futuro ci fossero nuove esigenze di protezione e di messa in sicurezza degli spazi.

 

Quanto costa installare un impianto di antifurto

Per quanto riguarda i costi, l’installazione di un impianto antifurto eseguita da un installatore può aggirarsi intorno ai 1500 euro per un’abitazione dalla superficie di minimo 80 mq, mentre per un kit di ottima qualità, come detto prima, difficilmente si superano cifre come 500-600 euro.

Buone notizie per chi sta già ristrutturando o ha intenzione di ristrutturare casa e aderire al bonus fiscale Irpef per le ristrutturazioni edilizie stanziato per l’anno 2018. Infatti, è possibile detrarre del 50% le spese sostenute per l’acquisto di un impianto di antifurto o videosorveglianza fino al 31 dicembre 2018.

Se si hanno ancora dei dubbi su quale antifurto per la casa scegliere, è consigliato rivolgersi a un esperto del settore che risponderà a tutte le domande e sarà in grado di indirizzarvi sul sistema di sicurezza più adatto alle vostre esigenze. Richiedete adesso un preventivo gratuito!

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a ANTIFURTI E SICUREZZA

CHIEDI ORA