Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

MAGAZINE

chiedi preventivo

Poca pressione dell’acqua in casa? Ecco come rimediare

Tra i problemi idraulici più comuni, vi è la poca pressione dell’acqua. Ma come scoprire le cause di questo inconveniente, e soprattutto in che modo è possibile porvi rimedio?

bassa pressione acqua
Chiedi un preventivo per riparazioni idrauliche richiedi un preventivo gratis

Può capitare, nel corso della vita, di avere a che fare – dentro le mura di casa – con la poca pressione dell’acqua. Un inconveniente fastidioso, che molto spesso ha una causa banale ma che, talvolta, richiede un intervento più importante. Ecco dunque come riconoscere le sue cause e, soprattutto, come porvi rimedio.

Poca pressione dell’acqua: quando installare un’autoclave

Spesso, le cause della poca pressione dell’acqua sono molto semplici: una parziale chiusura della valvola principale o un rubinetto bloccato possono determinare la temporanea bassa pressione dell’impianto idraulico. Ci sono casi in cui, però, il problema si fa più serio: un’ostruzione delle condutture, una perdita dell’impianto idraulico. Ecco dunque che, capire cosa determina la bassa pressione dell’acqua, diventa fondamentale.

Di norma, infatti, la pressione dell’acqua è sufficiente a farla sgorgare da docce e rubinetti senza problemi; se un flusso da sempre regolare adun certo punto diminuisce in modo netto, ecco che un qualche problema deve essere intercorso. Può succedere, ad esempio, quando si cambia il soffione della doccia installandone uno molto più grande, o quando si installa per la vasca una bocca a cascata; ma, molto più spesso, l’inconveniente si verifica in assenza di cambiamenti di rubinetti & co.

Se si vive in un palazzo, tra le cause della poca pressione dell’acqua vi può essere il suo uso simultaneo da parte di più utenze. Come rimediare? Installando un serbatoio di accumulo e realizzando un sistema di pompaggio ad autoclave che intervenga quando la pressione è insufficiente, fornendo all’acqua la spinta necessaria a farla sgorgare nel più ottimale dei modi.

Mantenere questa componente efficiente e in buono stato ed aumentare la pressione, in realtà, è utile anche in altre occasioni: quando il condominio è molto vecchio e, per le vasche installate nel sottotetto, non è sufficiente la distribuzione dell’acqua per caduta; oppure, come spesso succede nelle zone collinari, quando i dislivelli tra le abitazioni e i sistemi di distribuzione e di pompaggio dell’acqua sono notevoli.

Ovviamente, prima di optare per questa soluzione per risolvere una bassa pressione dell’acqua, è necessario escludere che il problema sia dovuto ad altre cause: un intasamento, una perdita, la strozzatura di un tubo, un riduttore di pressione non tarato nel modo giusto. Solo a quel punto si potrà scegliere di installare un’autoclave.

Come comportarsi in caso di bassa pressione dell’acqua

Ecco dunque che, quando in casa si verifica un problema di poca pressione dell’acqua, è bene procedere con delle verifiche preliminari. Innanzitutto, bisogna controllare se il problema si presenta in tutte le sorgenti d’acqua: se è circoscritto a un solo rubinetto, con ogni probabilità la causa sarà da ricercarsi in quest’ultimo. Come fare? Rimuovendo l’erogatore ed esaminando l’aeratore, per verificare che non siano presenti residui di detriti o calcare.

Se la poca pressione dell’acqua riguarda più rubinetti, allora la causa andrà cercata altrove. Come? L’ideale sarebbe chiamare un idraulico.

Se si volesse invece optare per il fai da te, i punti dell’impianto da controllare sono: l’idrovalvola riduttrice di pressione e la valvola principale dell’impianto idraulico, le tubature e lo sciacquone del gabinetto (per cercare eventuali perdite), lo scaldabagno e la caldaia (a patto che la poca pressione sia un problema della sola acqua calda, e che i rubinetti funzionino regolarmente quando si apre invece l’acqua fredda).

La giusta pressione dell’acqua, in casa, deve essere compresa tra un minimo di 1.5 e un massimo di 3 Bar: è questo il range perché ogni rubinetto e ogni elettrodomestico all’acqua collegato funzionino correttamente. Se la pressione è inferiore a tale limite, è necessario intervenire richiedendo una consulenza a personale esperto.

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a riparazioni idrauliche

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA
  • bassa pressione acqua
  • poca pressione acqua cause