MAGAZINE
Logo Magazine

Soppalco a uso ripostiglio: cosa c'è da sapere

Hai deciso di utilizzare il soppalco per farci un ripostiglio? Scopri in questa guida come fare e quali permessi sono necessari che dovrai richiedere

Chiedi un preventivo per
architettura di interni
richiedi un preventivo gratis

Lo spazio in casa non è mai abbastanza e si cercano sempre modi per riuscire a ottimizzare la metratura del proprio appartamento in maniera ottimale. Trasformare un soppalco in ripostiglio può essere una soluzione per avere dello spazio in più da utilizzare. Vediamo in questo articolo cosa bisogna fare per ottenere un soppalco uso ripostiglio e se è necessario richiedere dei permessi.

Soppalco uso ripostiglio: la normativa

Come prima cosa, facciamo chiarezza sulla normativa che regola l’uso di un soppalco come ripostiglio. La questione è molto dibattuta e ci sono state alcune sentenze a riguardo. La normativa può essere così riassunta: non è necessario alcun permesso di costruire se il soppalco viene usato come ripostiglio, a patto che sia di dimensioni ridotte e che non comporti modifiche strutturali all’immobile. Diverso è, ad esempio, il caso in cui un soppalco venga adibito a stanza vera e propria, ma non è questo il caso che andiamo ad analizzare. L’unica regola che va seguita in ogni circostanza è quella di rivolgersi a personale specializzato, poiché si tratta di costruzioni realizzate su misura.

Che caratteristiche deve avere un soppalco ripostiglio

Appurato che non sono necessari permessi particolari, vediamo quali sono le caratteristiche che deve avere un soppalco ripostiglio e come poterlo sfruttare al meglio. Tra le soluzioni più adottate c’è quella di far realizzare un soppalco ripostiglio in cartongesso, dove poter sistemare scatole, oggetti e accessori da conservare. Naturalmente, soprattutto per costruire un soppalco in cartongesso bisogna affidarsi a un professionista, poiché la sicurezza viene prima di tutto. In questo caso nel form di PG Casa puoi trovare il professionista più vicino a te.

Questo tipo di costruzione di solito viene realizzata con delle strutture portanti in ferro, ricoperte da cartongesso e dal rivestimento finale. Se il soppalco è molto piccolo, si può scegliere di sostenerlo solo con delle travi metalliche da parete a parete. C’è poi il problema dell’altezza minima del soppalco ripostiglio: i regolamenti edilizi variano da comune a comune ma dispongono un’altezza minima di 270 centimetri per i locali abitabili e in 220 centimetri per quelli a uso disimpegno o ripostiglio, come nel caso che stiamo prendendo in considerazione. Se invece ha un’altezza inferiore ai 210 centimetri, è chiuso ai lati ed è rialzato dalla quota di pavimento, si parla di soppalco ripostiglio in quota.

Vantaggi e svantaggi del soppalco ripostiglio

Il soppalco ripostiglio ha certamente molti vantaggi, primo su tutti quello di aumentare lo spazio a disposizione in casa senza stravolgere la disposizione delle stanze. In più, quando si hanno i soffitti molto alti, la scelta di soppalcare si rivela la più intelligente. Anche un piccolo soppalco ripostiglio può sicuramente aggiungere valore a un’abitazione. Volendo, oltre a utilizzarlo per il cambio di stagione o per riporre gli oggetti che non si utilizzano con frequenza, se siete degli accaniti lettori, il soppalco può anche essere usato per inserire una piccola libreria. Tra i (pochi) svantaggi c’è proprio quello di abbassare il soffitto e, soprattutto, diminuire la luminosità della stanza. Per ovviare a questo problema nulla di più semplice che installare dei faretti a led che daranno anche un tocco di personalità a tutto l’ambiente.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a architettura di interni
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali