MAGAZINE
Logo Magazine

Muffa sui muri: cause e come eliminarla

La rimozione della muffa sui muri non è solo una questione estetica, ma soprattutto igienica e ti permette di vivere in ambienti più salubri

13-11-2021 (Ultimo aggiornamento 03-12-2021)
Chiedi un preventivo per
sanificazione e disinfestazione

La muffa sui muri è uno dei problemi più diffusi che troviamo in un’abitazione, ma partiamo dall’inizio perché per poterla eliminare è importante capire prima di tutto che cos’è la muffa e come si forma. 

La muffa è un fungo spugnoso che si nutre di sostanze presenti nell’acqua e solitamente appare di colore nero, come piccoli puntini neri che nel tempo si espandono in macchie più estese di colore verde o comunque scuro, sulle superfici di muri, soffitti e dovunque vi è un alto tasso di umidità.

La presenza di muffa sui muri è maggiore negli angoli e nelle stanze quali bagno e cucina, poiché in diversi momenti della quotidiano vengono pervasi dal vapore acqueo.

Muffa sui muri: le cause

Le cause della muffa in casa si riscontrano quando all’interno di un ambiente c’è poca luce, manca un sistema di ventilazione efficace, naturale o artificiale e quindi, le condizioni dell’ambiente sono umide. In questo caso si può generare la situazione ottimale per la proliferazione della muffa.

Altre cause della presenza di muffa possono essere: un impianto di riscaldamento malfunzionante o degli infissi inadatti che favoriscono la produzione di condensa.

La muffa sui muri si manifesta, dunque, a causa di umidità e condensa, originate dal vapore acqueo che, per un rapido cambiamento di temperatura, passa velocemente dallo stato areiforme a quello liquido, generando moltissime microgoccioline su pareti e soffitti.

Muffa sui muri: come eliminarla

Ti sarà capitato almeno una volta di vedere della sgradevole muffa nera sui muri. La sua rimozione è fondamentale non solo per un fattore estetico, che rende quindi la casa trasandata, ma soprattutto per un fattore di salute. I funghi agiscono come agenti infettanti e come allergeni che, liberando micotossine, irritano occhi, naso e gola. Pertanto vivere in un ambiente umido e con muffa alle pareti non è salubre. 

Il fatto che la muffa possa causare problemi alla nostra salute, intaccando l’apparato respiratorio, è un aspetto da tenere in particolare considerazione. Bisogna impegnarsi a salvaguardare la qualità dell’aria interna di un immobile e il conseguente benessere psico-fisico di chi vi abita, rimuovendo l’eventuale formazione di muffa alle pareti il prima possibile e nel modo più efficace.

Muffa sui muri: i rimedi

Esistono prodotti “fai da te” e professionali per rimuovere la muffa dai muri di casa. Il lavoro professionale, ovviamente, non ha niente a che vedere con i sistemi “fai da te” che per la maggior parte dei casi si rivelano metodi inadeguati a risolvere il problema della muffa alla radice.

Il solo fai da te, delle volte, oltre che essere inutile, può essere pericoloso. Un biocida professionale per eliminare la muffa necessita di diverse ore per agire, mettendolo più volte per farlo penetrare in profondità.

Per non far riformare le muffe dopo averle disinfestate con questi potenti battericidi (come spray specifici biocida o candeggina) si deve eliminare il residuo e spesso scrostare via anche le vecchie pitture. Le tinte da dare devono essere a base di calce o silicati per lasciare respirare il muro. Queste sono dette pitture e vernici antimuffa e per essere certi di un’applicazione impeccabile è meglio rivolgersi a un imbianchino. Richiedi ora un preventivo gratuito e senza impegno!

Esistono inoltre alcuni rimedi naturali fai da te per rimuovere la muffa da una superficie, ma è consigliabile utilizzarli solo se la situazione dell’ambiente è sotto controllo e la muffa si è manifestata solo in alcuni piccoli punti. 

Come prima cosa si deve preparare una soluzione antimuffa, con acqua minerale, acqua ossigenata, 2 cucchiai di sale e 2 di bicarbonato. Il tutto si può mettere poi in uno spruzzino e si spruzza sulla superficie da trattare, avendo cura di usare uno straccio o uno spazzolino vecchio per rimuovere i punti più ostinati. 

Un altro rimedio casalingo è la candeggina, ma anche in questo caso è bene fare attenzione perché questo prodotto si rivela utile solo per rimuovere le macchie superficiali, non per risolvere il problema alla radice. 

Sistemi tecnici di risanamento anti muffa

Se dopo aver tolto la muffa e aver aerato la casa, i problemi di muffa persistono bisogna trovare tutte le cause dell’eccesso di umidità ambientale e della muffa con una diagnostica tecnica:

il muro è freddo e si genera spesso condensa? La soluzione è un cappotto interno antimuffa con speciali pannelli traspiranti e anti muffa. Per realizzarlo è necessario contattare un’impresa edile specializzata.

C’è scarsità di aerazione? La soluzione è installare una ventilazione meccanica controllata, come gli aeratori con recupero di calore che arieggiano mantenendo il calore.

Se si hanno problemi di muffe sui muri molto estese bisogna affidarsi a professionisti per individuarne la causa e trovare la soluzione più adatta, senza alcun rischio per la nostra salute.

Domande frequenti:

  • Perché la candeggina elimina la muffa? 

    La candeggina è uno dei prodotti più usati per il fai da te per eliminare la muffa. L’ipoclorito di sodio infatti permette di eliminare superficialmente la muffa.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a sanificazione e disinfestazione
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE