MAGAZINE
Logo Magazine

Quanto costa rifare un bagno di 5 mq?

Uno degli ambienti più importanti della casa, una zona condivisa e funzionale, la cui ristrutturazione richiede diversi passaggi ma quanto costa rifare un bagno di 5 mq?

Chiedi un preventivo per
rifare bagno
richiedi un preventivo gratis

Durante la ristrutturazione del bagno, seppur molto piccolo, ci sono diverse operazioni e variabili da considerare tra cui:

  • la grandezza del bagno;
  • la tipologia di materiale scelto;
  • quale parte cambiare o se optare per un rifacimento completo.

Supponendo di voler rifare completamente un bagno, i passaggi da includere sono:

  • Demolizione del vecchio bagno. Il costo varia molto in base ai metri quadrati e dunque anche ai tempi di lavorazione;
  • Smantellamento e smaltimento vecchi impianti idrici ed elettrici e stesura dei nuovi;
  • Rifacimento di un nuovo massetto impiantistico, stesura dei pavimenti e dei rivestimenti a parete.;
  • Installazione dei sanitari;
  • Manodopera.

Per quanto riguarda i sanitari, in un bagno all’italiana ci sono il lavabo, il WC, il bidet e la vasca da bagno o la doccia. Ci può essere però anche un secondo bagno, quello di servizio, che non presenta tutti e quattro questi elementi e che resta però una scelta più rara.

Quanto costa la ristrutturazione completa di un bagno di 5 mq?

Se il rifacimento completo riguarda un bagno molto piccolo, con una metratura di circa 5 mq, il costo medio per la ristrutturazione è possibile si aggiri intorno ai 4000 euro ma appunto l’utilizzo di materiali di pregio fa differenza, ad esempio il marmo può far lievitare molto il costo finale, così come la scelta di elementi di design. Esistono però delle agevolazioni fiscali dedicate alla ristrutturazione del bagno. Ovviamente ci sono delle restrizioni e dei requisiti da rispettare ma qualora si rientrasse nelle condizioni prestabilite, si arriverebbe a risparmiare fino al 50%.

Gli interventi di manutenzione straordinaria rientrano nelle detrazioni fiscali. Un esempio è l’eliminazione delle barriere architettoniche per facilitare la mobilità di persone portatrici di handicap. Un lavabo senza ingombri sottostanti, i sanitari rialzati oppure la sostituzione della vasca con un box doccia adatto alle persone con disabilità.

Qualche volta, anche i lavori definiti ordinari possono rientrare in questa categoria ed accedere al bonus. Se per esempio occorre necessariamente un rifacimento dell’impianto idraulico e le piastrelle o la rubinetteria vengono danneggiate, si può far rientrare anche questi elementi nella detrazione.

Ristrutturazione parziale di un piccolo bagno

Qualora si voglia semplicemente dare una rinfrescata o sostituire uno degli elementi del bagno, si può pensare a un intervento minore. La sostituzione della vasca con una nuova, si realizza con una semplice sovrapposizione, in poche ore, senza stravolgere la struttura del bagno stesso e senza demolizioni.

Il passaggio da vasca a box doccia invece, comporta dei cambiamenti più importanti ma anche numerosi vantaggi. A parte le già citate facilitazioni per chi ha problemi di deambulazione, si ottiene un maggiore risparmio in bolletta e si aiuta l’ambiente, sprecando meno acqua, senza contare poi la praticità d’utilizzo.

Se si ha intenzione di capire quanto costa rifare un bagno, è bene considerare tutti questi fattori e confrontare più preventivi. Informarsi circa le caratteristiche dei vari materiali, i tempi ed i costi della manodopera.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a rifare bagno
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore

POTREBBE INTERESSARTI

Lavori da fare in casa?

Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona

TUTTE LE CATEGORIE

Accedi con le tue credenziali