MAGAZINE
Logo Magazine

Come lustrare i vetri dei lucernari?

Pulire in maniera approfondita i vetri dei lucernari è un'operazione che può rivelarsi più complicata del previsto. Ecco alcuni fondamentali consigli da seguire

Chiedi un preventivo per
pulizie domestiche
richiedi un preventivo gratis

In questi tempi di maggiore sensibilità per l’ambiente e per i consumi, si sente parlare piuttosto spesso di lucernari in quanto ottime fonti di luce naturale per gli ambienti che ne possono trarre vantaggio, permettendo così di risparmiare in illuminazione e riscaldamento.

Tuttavia, il loro impiego apre anche problematiche inconsuete – una finestra sul cielo offre vantaggi ragguardevoli, ma è decisamente meno semplice da pulire rispetto a quelle tradizionalmente montate sulle superfici verticali delle pareti, e allo stesso modo la manutenzione è più difficoltosa sia per l’angolazione del vetro che per la semplice altezza a cui è installata. Non solo, un lucernario sporco non può assolvere alle sue vitali funzioni estetiche e termiche, pertanto necessita di manutenzione più frequente. Come pulire i vetri dei lucernari, quindi?

Consigli per pulire ogni tipo di lucernario

Come sempre nel campo della casa e tutto quel che la riguarda, esistono svariate tipologie di un singolo elemento architettonico e i lucernari non fanno eccezione: dai lucernari prefabbricati in plastica a soffitto a quelli angolati in vetro. Più che descrivere ogni possibilità per filo e per segno è bene offrire alcune casistiche generali sul come pulire i vetri dei lucernari.

  • Se abbiamo installato un lucernario in plastica dobbiamo stare molto attenti e consultare accuratamente le istruzioni di pulizia offerte dal costruttore. Rovinare un lucernario è facile, i detergenti più aggressivi ci riescono bene, e ripararli è costoso.
    Evitiamo con attenzione prodotti a base di ammoniaca e affidiamoci a composti meno potenti, acqua e olio di gomito (applicato con un panno delicato).
  • Se abbiamo un lucernario in vetro, dobbiamo comunque stare molto attenti e prestagli le cure che presteremmo ad una finestra tradizionale: niente panni troppo abrasivi, niente detergenti troppo concentrati, scegliere i prodotti più adeguati oppure soluzioni più naturali (come ad esempio il classico acqua e aceto), usare acqua distillata se possibile, ed essere cauti con gli infissi che incorniciano il lucernario.
  • Se abbiamo un lucernario angolato, l’angolatura del vetro rende le operazioni di pulizia più comode e talvolta anche più semplici, ma meglio comunque fare cautela per evitare di danneggiare l’infisso o il vetro stesso con detergenti troppo abrasivi.

Cautela e conclusioni

Detto tutto questo, se vi sentite sicuri di voi e della vostra perizia, procedete pure con le grandi pulizie assicurandovi di avere delle buone basi d’appoggio, stabili e sicure, siccome è di gran lunga preferibile spendere qualche soldo in più per un’impalcatura stabile, che centinaia per gessi e stampelle.
Se non doveste sentirvi sicuri, potete affidarvi ad imprese specializzate che si occupano di questo genere di pulizie per professione – sarà più costoso del fai-da-te, ma anche molto più sicuro.
Trova il miglior prezzo nella tua zona, richiedi subito un preventivo senza impegno per la pulizia del lucernario.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a pulizie domestiche
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali