MAGAZINE
Logo Magazine

Quando è necessaria l'analisi dei fumi di un camino e di una caldaia

Come scongiurare il rischio d'incendio per combustione della fuliggine di un camino

Chiedi un preventivo all'azienda
SPAZZACAMINO MARTINO GIULIANO
richiedi un preventivo gratis

Le scottanti tematiche ambientali hanno toccato da vicino il settore del riscaldamento domestico, tanto è vero che negli ultimi anni si è registrato un ritorno in auge della combustione a legna. Il risvolto della medaglia è stato l’aumento di intossicazioni da monossido di carbonio, complice il malfunzionamento delle canne fumarie. Non mancano i casi di incendio connessi all’utilizzo nel camino di combustibile solido. Quest’ultimo è il principale responsabile dell’accumulo di fuliggine sulle pareti interne della canna fumaria di un caminetto ed è noto come la stragrande maggioranza degli incendi siano originati proprio per combustione della fuliggine. Più rari sono i casi di incendio causato dal surriscaldamento dei materiali combustibili collocati in vicinanza del camino. Ecco perché è importante effettuare un controllo dei fumi. Senza contare i casi di inadeguatezza dei camini che dispongono di isolamenti poco accurati: il problema non è il tubo d’acciaio previsto dalle normative, ma il cattivo isolamento di determinati passaggi del condotto di evacuazione dei fumi.

L’incendio può propagarsi al tetto qualora la canna fumaria non sia isolata a regola d’arte. Gli interventi di manutenzione riscontrano non di rado problemi come l’inadeguata coibentazione del tubo d’acciaio o la sezione insufficiente della canna fumaria. Un camino può dare problemi anche se non è testato per l’incendio della fuliggine o se è di classe di temperatura inferiore a quella effettiva dei fumi. Senza contare l’eventuale presenza di travi di legno e altro materiale combustibile a distanza inferiore rispetto a quella indicata dal codice del caminetto. Il diametro della canna fumaria è strettamente connesso con il tiraggio del camino ed è il principale indiziato nel caso in cui i fumi della combustione entrano in casa anziché riversarsi all’esterno. Anche la lunghezza del comingnolo è in proporzione diretta con il tiraggio dell’impianto. In questo caso le soluzioni a disposizioni sono due: allungare il comignolo o montare un tiracamino. Il tiraggio del camino si può migliorare anche stabilizzando la pressione tra bocca di fuoco ed esterno dell’edificio, per esempio spalancando una finestra dell’ambiente in cui è collocato il camino.

Vero è che una canna fumaria ostruita o isolata scorrettamente vanifica piccole precauzioni volte a migliorare il tiraggio di un camino, dall’apertura di una finestra all’impiego di legna stagionata. L’azienda Spazzacamino di Martino Giuliano, collocata a Quattro Castella (RE) in via C. Colombo 6, si avvale di personale specializzato nel controllo dei fumi e del sistema di tiraggio di camini e canne fumarie. Verifica che gli impianti civili o industriali siano conformi alle normative vigenti in Italia e si occupa anche di progettazione e installazione di caminetti e canne fumarie. Nel montaggio di un camino gioca un ruolo decisivo la valutazione degli ambienti domestici, a cominciare dall’esposizione dell’edifico al vento e al sole. Chi ha problemi di fumo persistente all’accensione del camino, può rivolgersi alla Spazzacamino di Martino Giuliano per la pulizia tradizionale della canna fumaria. L’azienda effettua anche la manutenzione e l’analisi chimica dei fumi della caldaia. Si tratta di interventi volti a migliorare la salubrità dell’ambiente domestico e a massimizzare il rendimento dell’impianto di riscaldamento. La stessa messa a norma della canna fumaria consente di ridurre il consumo energetico.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a SPAZZACAMINO MARTINO GIULIANO
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali