MAGAZINE
Logo Magazine

Come eliminare le barriere architettoniche con Superbonus 110%

Col Superbonus 110% si risparmia sull'eliminazione di barriere architettoniche anche in assenza di disabili e over 65 che vivono in condominio: ecco i dettagli

02-09-2021
Chiedi un preventivo per
ristrutturazioni

Una delle più importanti novità del 2021 relative al Superbonus 110% è che finalmente rientrano anche gli interventi per abbattere le barriere architettoniche, anche negli edifici in cui non ci sono persone disabili e over 65. La conferma è giunta dal Ministro dell’Economia, su risposta all’interrogazione alla Camera di Fragomeli Gian Mario. Cosa si è quindi deciso e quali sono le modifiche che interessano la maxi-agevolazione? Facciamo chiarezza.

Superbonus 110% per abbattere le barriere architettoniche: le condizioni

In base agli ultimi chiarimento del Ministro dell’Economia, il Superbonus 110% si può usare per eliminare le barriere architettoniche anche negli spazi non residenziali, ovvero i garage, le cantine e e così via. Se l’immobile o il luogo desiderato per l’intervento si trova in un condominio, sarà necessaria l’approvazione della maggioranza dei condomini per avere l’agevolazione: i massimali devono essere ripartiti in base a chi ha aderito.

Oltre alla detrazione, per fruire del Superbonus 110% si può ricorrere anche alla cessione del credito o allo sconto in fattura. Ma la novità più importante è che i condomini potranno richiedere l’agevolazione anche se nei plessi non vivono disabili o ultrasessantacinquenni, in questo modo si vuole incrementare il livello di accessibilità degli edifici italiani e soprattutto rendere acquistabili tutti gli appartamenti anche da chi ha problemi di mobilità.

Superbonus 110% e barriere architettoniche: tipologia di intervento

Anche l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato delle indicazioni su questi punti, che si trovano nella Guida “Superbonus 110 per cento”. L’ente fa riferimento alle spese sostenute dal 1° gennaio 2021 e mette in chiaro che gli interventi possono essere effettuati per favorire la mobilità interna ed esterna dell’immobile, per una spesa totale di 96 mila euro. Nel documento si legge anche che la presenza di persone disabili e over 65 non è rilevante per ottenere il bonus.

Il Ministero della Transizione Ecologica ha ricordato che gli interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche sono trainati, quindi per avere l’agevolazione è necessario affiancarli agli interventi trainanti, che consentono di migliorare di due posizioni la classe energetica dell’edificio. Infatti, il Superbonus 110% nasce per rendere gli immobili italiani più efficienti e sostenibili dal punto di vista ambientale. A tal proposito ricordiamo qual è la differenza tra interventi trainanti e trainati.

Superbonus 110%: caratteristiche degli interventi trainati e trainanti

Gli interventi trainanti sono quelli che permettono di accedere direttamente all’agevolazione, sono quindi obbligatori nell’ambito del Superbonus 110% perchè consentono rendere l’edificio efficiente dal punto di vista energetico. In particolare, sono stati individuati 4 tipi di lavoro trainante:

  • cappotto termico, ovvero la realizzazione di un isolamento termico da applicare in tutte le superfici orizzontali, verticali e inclinate che ricoprono l’involucro dell’edificio per più del 25% della superficie
  • coibentazione del tetto
  • cambio degli impianti di climatizzazione invernale: si può, quindi, eliminare il vecchio impianto e installarne uno nuovo sotto forma, per esempio, di pompa di calore a condensazione sia nelle parti comuni dei condomini, sia nelle case unifamiliari o unità immobiliari all’interno di edifici plurifamiliari indipendenti, quindi con diversi accessi.
  • interventi antisismici

Accanto a questo tipo di lavori è possibile fare altri interventi e aumentare così l’importo dell’agevolazione: gli interventi trainati sono quindi facoltativi. Le spese per questo tipo di lavori devono essere comunque sostenute nel periodo di tempo di inizio e fine degli interventi trainanti, in questo modo si dimostra che sono effettuati insieme.

Esistono diversi tipi di intervento trainato, oltre all’eliminazione di barriere architettoniche ne citiamo alcuni altri:

  • schermatura solare, quindi acquisto di tende solari e altre soluzioni simili
  • micro-cogeneratori che sostituiscono impianti pre-esistenti
  • installazione delle colonnine per ricaricare le automobili elettriche
  • installazione di impianti solari fotovoltaici

Recentemente, il Governo ha semplificato la procedura per ottenere il Superbonus 110%: è necessario presentare il modulo unico, CILA per richiedere il contributo. Si tratta di una novità molto importante che permetterà a tanti contribuenti di usufruire dell’agevolazione.

Chi desidera eliminare le barriere architettoniche nella propria abitazione può quindi capire qual è la spesa da affrontare in modo facile e veloce: su Pagine Gialle Casa si possono contattare le ditte di ristrutturazioni del proprio territorio e richiedere quanti più preventivi possibile.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a ristrutturazioni
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE