MAGAZINE
Logo Magazine

Demolire un edificio: quanto costa e come usare il Superbonus 110%

Demolire e ristrutturare un edificio ha tanti vantaggi: ecco quanto costa e come usufruire del Superbonus 110%

07-07-2021
Chiedi un preventivo per
ristrutturazioni

Demolire un edificio per poi ricostruirlo è un’attività perfettamente attinente a una ristrutturazione. Infatti, non porta a una riclassificazione dell’edificio. Solitamente si opta per la demolizione e ricostruzione, quando un adattamento non riesce a soddisfare tutte le esigenze di chi lo abita. Al contrario, la demolizione consente di riprogettare completamente il plesso in base a specifici bisogni. Si ha quindi l’opportunità di avere un fabbricato nuovo, sicuro e innovativo. In più, attualmente chi vuole demolire e costruire da zero, può risparmiare grazie al Superbonus 110%, naturalmente a patto che sussistano determinate condizioni. La demolizione è un lavoro complesso, che richiede una spesa impegnativa: quanto costa? E quando è possibile usare la maxi-agevolazione? Facciamo chiarezza.

Quanto costa demolire un edificio

Demolire un edificio è un’operazione che richiede l’intervento di diversi tecnici e professionisti, quindi dipende dal tipo di lavoro ma anche e soprattutto dalle caratteristiche, ubicazione e dimensioni dell’immobile. Normalmente, le ditte calcolano l’offerta “vuoto per pieno”: si basano sul volume lordo calcolato in metri cubi, che viene in seguito moltiplicato per il costo di demolizione vuoto per pieno complessivo.

Solitamente un edificio posizionato in una periferia isolata e facilmente raggiungibile richiede un costo inferiore rispetto a uno in centro città. Nel costo di demolizione bisogna anche includere le spese per la messa in sicurezza dello spazio e la rimozione e lo smaltimento delle macerie.

Solitamente un immobile di periferia o campagna ha un costo di 30 euro al metro cubo, mentre uno in città può arrivare a 50 euro al metro cubo.

Quando si effettua una demolizione con ristrutturazione non è necessario chiedere alcun permesso, è sufficiente quella relativa all’iter della ristrutturazione. Anzi, per ottenere il Superbonus 110% e motivare la richiesta dell’agevolazione è cruciale che tutto sia legato ad un’unica pratica.

Demolizione edificio: quando usare il Superbonus 110%

Grazie alla possibilità di rientrare nella spesa per ben il 110%, demolire e ricostruire è molto vantaggioso, a patto che si rispettino alcune condizioni. L’Agenzia delle Entrate ha anche chiarito un altro aspetto all’interno della risposta 210/2021. Innanzitutto, la ricostruzione deve comportare il miglioramento di almeno due classi energetiche e prevedere un volume inferiore o uguale rispetto all’esistente per avere i benefici fiscali, mentre eventuali aumenti volumetrici si contabilizzano a parte tramite fatture separate e sono esclusi dalla maxi-agevolazione del 110%.

La nota positiva è che la sagoma dell’abitazione si può cambiare, mantenendo la volumetria e quindi il Bonus. La demolizione con ricostruzione diventa vantaggiosa quando un edificio è in uno stato fatiscente e un adattamento ha enormi costi.

Tutti questi interventi richiedono innanzitutto un sopralluogo per il Superbonus 110% e soprattutto l’intervento di una ditta specializzata in demolizione e ristrutturazione.

Su Pagine Gialle Casa è possibile entrare immediatamente in contatto con i professionisti della propria zona e ricevere subito diversi preventivi.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a ristrutturazioni
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE