Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

Accedi con le tue credenziali

MAGAZINE

chiedi preventivo

Bonus Zanzariere 2019: tutto quello che c'è da sapere

Stai rinnovando casa e vorresti usufruire della detrazione zanzariere 2019? Scopri quali sono i requisiti per potervi accedere, quali prodotti possono essere detratti e quali sono i documenti da presentare.

Detrazione fiscale detrazione zanzariere
Chiedi un preventivo per INFISSI richiedi un preventivo gratis

Anche quest’anno è stata mantenuta la detrazione fiscale per l’acquisto delle zanzariere, una norma confermata anche per tutto il 2019 nella misura del 50%.

 

L’agevolazione include tutti gli interventi effettuati tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2019, come previsto dalla nuova legge di bilancio approvata dal Governo, provvedimento inserito all’interno dell’Ecobonus 2019, con un tetto massimo detraibile di 60.000 euro per ogni unità immobiliare.

 

Quindi se stai ristrutturando due appartamenti, oppure un’abitazione e un negozio commerciale, potrai portare in detrazione fino a 120.000 euro lordi totali. In questa cifra rientrano anche tutti gli ammodernamenti volti al miglioramento energetico dell’abitazione, come la coibentazione delle pareti delle stanze, l’isolamento termico e acustico degli edifici e gli interventi di efficientamento energetico, come la sostituzione della caldaia e l’installazione dei pannelli solari.

 

Requisiti bonus zanzariere 2019: tutte le regole

Accanto alla nuova soglia di detrazione fiscale per le zanzariere del 50%, sono state introdotte nuove regole più rigide rispetto agli anni precedenti. La spesa per installare le zanzariere è detraibile soltanto in presenza di due condizioni:

 

  • valore Gtot certificato
  • presenza della marcatura Ce

Il valore Gtot è un aspetto tecnico legato al tessuto o al materiale utilizzato per le zanzariere, un parametro che rappresenta il fattore solare del rivestimento, che deve essere certificato da un organismo autorizzato.

 

Consente di determinare il potere filtrante della schermatura solare, che non può essere superiore ad un coefficiente di 0,35. Questo requisito minimo garantisce che il prodotto installato sia anche un filtro per le radiazioni solari, non solo una barriera contro gli insetti.

 

La marcatura Ce, invece, è una procedura obbligatoria che ogni fabbricante deve seguire, per realizzare un prodotto regolamentato dall’Unione Europea, che ne certifica la conformità ai requisiti comunitari di sicurezza e salute. Tale sigla mostra che l’azienda ha costruito una zanzariera conforme alle norme di sicurezza, richieste per l’immissione del prodotto sul mercato. La marcatura è un protocollo unico, obbligatorio per legge, quindi per accedere alla detrazione Irpef è necessario controllarne la presenza prima dell’acquisto o dell’installazione.

 

I bonus e le agevolazioni di questo tipo, noti come Ecobonus 2019, riguardano tutti gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica di edifici esistenti, o già accatastati a inizio 2019.

 

Se vuoi installare le zanzariere e accedere agli sgravi fiscali, queste dovranno quindi fungere da protezione per una zona vetrata. La normativa vuole anche che siano montate in maniera precisa, ad esempio rimanendo mobili, inserite all’esterno della finestra, al suo interno, oppure integrate nella struttura stessa dell’infisso.

 

È possibile perciò farle posizionare dal proprio installatore di fiducia sia all’esterno, per coprire parte del giardino o del terrazzo, sia all’interno, per schermare una stanza dalla luce solare e proteggere dagli insetti.

 

Rientrano, quindi, nelle detrazioni fiscali 2019 per le zanzariere gli interventi eseguiti nelle ristrutturazioni edilizie, la sostituzione degli infissi dell’appartamento e l’ammodernamento del terrazzo o del giardino, eseguito per creare spazi verdi e zone d’ombra.

 

Bisogna però prestare attenzione, perché la normativa stabilisce chiaramente che sono escluse le schermature con orientamento a Nord.

 

Quali sono le zanzariere detraibili nel 2019?

 

La legge di stabilità 2019 ha introdotto nuove regole, perciò le nuove zanzariere dovranno effettivamente possedere un potere filtrante preciso, altrimenti non saranno considerate schermature solari soddisfacenti secondo i criteri stabiliti dalle norme.

 

Quali sono gli infissi che si possono portare in detrazione nel 2019, per risparmiare sul costo dell’acquisto e dell’installazione delle zanzariere ad esse applicate?

 

I principali modelli di infissi sono i seguenti:

 

  • tende da sole esterne per balconi, terrazzi e giardini
  • pergole addossate apribili per esterni
  • tapparelle
  • persiane a battente
  • persiane alla veneziana o a soffietto
  • tende a rullo
  • schermature per lucernari
  • tende alla veneziana

 

Come ottenere l’agevolazione zanzariere 2019: la documentazione necessaria?

 

Per accedere alla detrazione Irpef 2019 per le zanzariere bisogna muoversi in anticipo, raccogliendo tutti i documenti necessari per richiedere l’agevolazione fiscale per tempo. L’Enea, l’Agenzia Nazionale per l’Efficienza Energetica, è molto chiara su questo punto, infatti differenzia la documentazione tecnica da quella amministrativa.

 

La prima è composta da una certificazione del fornitore (il produttore o l’installatore), che deve garantire che il prodotto abbia i requisiti tecnici illustrati sopra.

 

Inoltre deve essere presente una scheda descrittiva dell’intervento, debitamente firmata. Soltanto tale documento andrà inviato all’Enea, inoltre è obbligatorio conservarne una copia.

 

È necessario caricarlo sul sito web ufficiale dell’ente, nella sezione relativa all’anno in cui sono terminati i lavori, quindi a quello solare del 2019, entro 90 giorni dal termine dei lavori. Infine bisogna procurarsi una scheda tecnica dei componenti installati, per verificare che siano conformi ai parametri richiesti.
I documenti di tipo amministrativo sono principalmente tre.

 

Innanzitutto servono le fatture delle spese sostenute, dopodiché è necessario disporre delle ricevute dei bonifici, bancari o postali dei pagamenti. In questo caso è consigliabile essere precisi, perché la causale deve fare riferimento alla legge finanziaria del 2007, indicare il numero e la data della fattura, i dati di chi richiede la detrazione e quelli del beneficiario del bonifico.

 

L’ultimo documento amministrativo è la ricevuta dell’invio effettuato all’Enea (codice CPID), che attesta la corretta e tempestiva trasmissione della documentazione.

 

Se non hai ancora scelto la schermatura adatta alla tua casa o al giardino, rivolgiti al tuo installatore di fiducia.

 

Sicuramente ti saprà consigliare il prodotto più adatto alle tue esigenze, una zanzariera che rispecchi i requisiti richiesti dalla normativa, relativa al Bonus Zanzariere 2019.

 

Inoltre un professionista accreditato sarà in grado di fornire assistenza per la richiesta delle detrazioni Irpef, rilasciando tutta la documentazione prevista dalle legge per evitare qualsiasi contrattempo.

 

Trova ora l’impresa più vicino a te utilizzando il sistema di richiesta preventivi di PG Casa. Prova ora!

 

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a INFISSI

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA