MAGAZINE
Logo Magazine

Bonus Mobili 2022: cosa cambia

Il Bonus Mobili ed Elettrodomestici è stato rinnovato anche per il 2022. Si potrà risparmiare fino al 50% sulla spesa totale. Ecco come fare

24-01-2022 (Ultimo aggiornamento 08-11-2022)
Chiedi un preventivo per
arredamento su misura

Il Bonus Mobili è stato prorogato anche nel 2022 grazie alla Legge di Bilancio. L’agevolazione consente di risparmiare sull’acquisto di arredi ed elettrodomestici in seguito a una ristrutturazione di un immobile, che è una condizione obbligatoria.

Gli elettrodomestici acquistati con l’agevolazione devono avere specifiche caratteristiche, in particolare devono appartenere a classi energetiche sostenibili. Infatti, l’obiettivo è quello di permettere agli italiani di cambiare mobili e in particolare elettrodomestici con modelli moderni e a basso impatto energetico.

Tra le novità più importanti del 2022 c’è sicuramente l’abbassamento del tetto di spesa. Vediamo le caratteristiche e i requisiti per avere l’agevolazione.

Bonus Mobili 2022: scadenza

Due persone effettuano la procedura per avere il bonus mobili - Fonte: Shutterstock

Due persone effettuano la procedura per avere il bonus mobili – Fonte: Shutterstock

Il Bonus Mobili è stato prorogato fino al 31 dicembre 2024. La manovra permette di risparmiare il 50% sulla spesa complessiva per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Il limite di spesa è di 10 mila euro ma passerà a 5 mila euro nel biennio 2023-2024. Nella bozza della Legge di Bilancio la spesa era di 5 mila euro per il 2022 ma alla fine, nella forma definitiva, si è deciso di mantenerla a 10mila euro. Questo tetto di spesa si riferisce ad un’unica unità immobiliare.

Ricordiamo che negli anni precedenti la spesa massima detraibile era di 16 mila euro, quindi per tutte le spese effettuate fino al 31 dicembre 2021 occorre comunque tenere conto del vecchio tetto di spesa. Per poter fruire dell’agevolazione occorrerà pagare con bonifico parlante o carta di credito, ma non con i contenti o assegni. Inoltre, viene ammesso il pagamento a rate ma sempre con i metodi citati.

Come avere il Bonus Mobili 2022

Bonus Mobili 2022, attenzione alle classi energetiche degli elettrodomestici - Fonte: Shutterstock

Bonus Mobili 2022, attenzione alle classi energetiche degli elettrodomestici – Fonte: Shutterstock

Per ottenere il Bonus occorre acquistare mobili e arredi oppure elettrodomestici di classe energetica non inferiore ad A+ oppure A per forni e asciugatrici. Si fa riferimento alle etichette delle nuove classi energetiche nate nel 2021. Sono comprese nella detrazione anche le spese per il trasporto e il montaggio.

Per avere il Bonus Mobili occorre, quindi, acquistare specifici prodotti. Sono ammessi:

  • cucine
  • mobili su misura realizzati da artigiani
  • letti, librerie, sedie, divani, credenze, armadi, lampade, scrivanie e così via

Rientrano nel Bonus gli elettrodomestici delle classi energetiche:

  • Forno, dalla classe A
  • Lavatrice, lavastoviglie, asciugatrice, dalla classe E
  • Frigorifero e congelatore, dalla classe F

Non rientrano nel Bonus 2022:

  • pavimenti
  • tende
  • porte
  • aspirapolvere, macchine per cucire, tv, computer, tablet, smartphone, ovvero tutti i piccoli elettrodomestici e i complementi d’arredo

La condizione per ottenere il bonus è sia mobili che elettrodomestici siano nuovi.

Requisiti per avere il Bonus Mobili 2022

Questa agevolazione spetta solo a chi già usufruisce del Bonus Ristrutturazione 2022. Si possono acquistare mobili ed elettrodomestici con l’agevolazione, nel caso in cui le spese per il Bonus Ristrutturazione siano state sostenute dal 1 gennaio 2021. L’Agenzia delle Entrate ha sottolineato che i lavori devono essere di natura straordinaria, ovvero di ristrutturazione, restauro o risanamento conservativo. Si può richiedere il Bonus Ristrutturazione anche nel caso in cui la casa sia stata ricostruita in seguito ai danni impartiti da una calamità e sia stato dichiarato lo stato di emergenza. Insomma, prima di richiedere il Bonus Mobili bisogna avere la certezza del Bonus Ristrutturazione.

Occorre che le spese siano riferite ad una sola persona ed effettuato nello stesso periodo di tempo: è molto importante che le spese per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici siano datate dopo l’inizio dei lavori di ristrutturazione. Nel caso in cui si sia usufruito il Bonus Ristrutturazione per le parti comuni di un condominio, l’agevolazione per i mobili e gli elettrodomestici dovrà essere usata solo per queste parti. Se un condomino acquista mobili per la sua abitazione, non coinvolta nella ristrutturazione, non avrà diritto al Bonus Mobili. Per avere il Bonus Mobili è necessaria la dichiarazione dei redditi (730 o UNICO) dove occorre indicare le spese sostenute, il motivo e tutti i dati richiesti. L’agevolazione consiste, quindi, in una detrazione fiscale che verrà rimborsata in 10 rate annuali di pari importo.

Le detrazione fiscale si può chiedere anche per acquisti effettuati all’estero, a patto che si presenti tutta la documentazione, in particolare che il pagamento venga effettuato con metodi tracciabili. I pagamenti in contanti non rientrano tra i metodi accettati e gli acquisti effettuati con questo metodo non rientrano nell’agevolazione.

L’acquisto di grandi elettrodomestici deve essere comunicato ad ENEA tramite il modulo online ufficiale. In alcuni casi viene accettata una comunicazione tardiva.

Bonus Mobili senza ristrutturazione: si può avere?

Come abbiamo detto, il Bonus Mobili rientra tra i Bonus Casa 2022 e può essere richiesto se si sta ristrutturando casa. Ma è possibile avere l’agevolazione anche senza ristrutturazione? In alcuni casi si può, come sottolineato dall’Agenzia delle Entrate.

Secondo la circolare, l’agevolazione spetta per gli interventi effettuati entro il 31 dicembre 2023 e può essere chiesta da chi realizza una ristrutturazione dal 1° gennaio dell’anno precedente all’acquisto di arredi ed elettrodomestici. Quindi, se la ristrutturazione è già terminata, perchè iniziata e finita nel 2021, è comunque possibile usufruire del Bonus Mobili con le spese del 2022.

Inoltre, il beneficio viene concesso anche in assenza di una vera e propria ristrutturazione, ma comunque in presenza di lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. In poche parole, devono essere stati fatti degli interventi presso l’immobile ma non viene specificata in modo limitate la tipologia e non c’è più un vincolo troppo stretto a livello temporale.

Bonus mobili: prevede lo sconto in fattura?

Chi vuole usufruire dello sconto in fattura con il bonus mobili si troverà, purtroppo, deluso. Infatti, si può avere il rimborso della spesa effettuata solo tramite detrazione fiscale, mentre non sono previsti nè sconti in fattura nè cessioni del credito.

Chi desidera usufruire del Bonus e capire qual è la spesa di riferimento può affidarsi a PagineGialle Casa: grazie alla piattaforma è possibile trovare i migliori professionisti della zona che propongono arredamenti di ogni tipologia.

Si possono chiedere fino a cinque preventivi personalizzati, comodamente online e senza impegno.

Domande frequenti:

  • Come funziona il Bonus Mobili 2022?

    Il Bonus Mobili prevede una detrazione fiscale del 50% sulla spesa per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici di classi energetiche superiori. Il massimo della spesa prevista è di 10 mila euro per il 2022 e 5 mila euro nel biennio 2023-2024.

  • Quando scade il Bonus Mobili?

    Il Bonus Mobili scade il 31 dicembre 2024. Per eventuali novità a riguardo occorre attendere la Legge di Bilancio 2023.

  • Si può avere lo sconto in fattura col Bonus Mobili

    No, non è possibile richiedere nè sconto in fattura, nè cessione del credito. Si può usufruire dell'agevolazione solo tramite detrazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a arredamento su misura
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE