pagine gialle casa

richiedi preventivo icon menu

magazine

Impianto fotovoltaico: bonus fiscali e risparmio in bolletta

L'impianto fotovoltaico rappresenta un'alternativa ecologica alla produzione di energia elettrica tradizionale, una soluzione vantaggiosa anche da un punto di vista economico.

L'installazione di un impianto fotovoltaico rappresenta una soluzione ecologica all'avanguardia, la quale permette di ottenere energia elettrica semplicemente sfruttando l'energia dei raggi solari. Un impianto fotovoltaico è costituito da moduli che catturano l'energia solare e la trasformano in energia elettrica e dall'inverter che, connesso attraverso specifici cavi al quadro elettrico, permette di convertire la corrente continua prodotta dai pannelli solari in corrente alternata. I pannelli solari rappresentano una scelta alternativa e rispettosa dell'ambiente e posseggono numerosi vantaggi per chi decide di installarli. Essi, infatti, sono molto affidabili e duraturi nel tempo, sfruttano una fonte di energia rinnovabile che, rispetto all'utilizzo dei combustibili fossili, non inquina l'ambiente. Inoltre l'efficienza e la potenza dell'impianto può essere incrementata in qualsiasi momento e a seconda delle necessità, semplicemente aumentando il numero di moduli fotovoltaici dell'impianto. L'installazione di un impianto fotovoltaico rappresenta un vero e proprio investimento, i cui costi possono essere ammortizzati sulla bolletta di casa e beneficiando di specifici bonus fiscali.
Come ogni altra ristrutturazione edilizia, anche l'installazione di pannelli fotovoltaici permette di fruire di alcuni bonus fiscali IRPEF pari al 50% della spesa; secondo la legge di Bilancio 2017 (Legge 11 dicembre 2016, n. 232) la detrazione fiscale al 50% è stata prorogata fino al 31/12/2017. Lo Stato, infatti, concede a chiunque intenda installare un'impianto fotovoltaico di dimezzare i costi, rendendo la metà delle spese sostenute, fino a una detrazione massima di 96.000 euro. Tuttavia la restituzione del denaro versato non viene reso in termini monetari, ma attraverso sgravi fiscali, i quali vengono ripartiti nei 10 anni successivi rispetto all’anno in cui sono stati installati. Non tutti possono fruire di tali bonus fiscali, in quanto ne sono interessati soltanto coloro i quali effettuano tali lavori di installazione in ambito domestico; non beneficiano di sgravi fiscali, invece, coloro i quali installano pannelli solari prettamente per uso commerciale. I bonus, inoltre, riguardano soltanto quegli impianti fotovoltaici che possiedono una potenza massima di 20 kW, in quanto quelli di potenza superiore vengono considerati pari a quelli installati per attività commerciali. Le agevolazioni non riguardano soltanto abitazioni indipendenti bensì anche condomini, per cui la spesa di installazione viene suddivisa per tutti coloro che fruiscono di questo servizio. Inoltre per per gli immobili a prevalente uso abitativo, oltre alle agevolazioni fiscali Irpef si aggiunge una riduzione dell'IVA, agevolata al 10% anziché al 22%. É bene, inoltre, non confondere tali agevolazioni con quella al 65% che riguarda, invece, l'installazione di impianti solari temici per la produzione di acqua calda e la riqualificazione di edifici.

L'installazione di impianti fotovoltaici rientra tra gli interventi di efficienza energetica, anche in assenza di opere edilizie propriamente dette. Rispetto al passato, quando la realizzazione di impianti fotovoltaici suscitava ancora molti dubbi, al giorno d'oggi i tempi burocratici di attesa si sono notevolmente accelerati se non dimezzati, permettendo a molti di intraprendere la strada dell'energia alternativa. Per richiedere tali agevolazioni bisogna inviare all'Asl la documentazione riguardante la realizzazione dei lavori, pagare le spese sostenute tramite bonifico bancario o postale e introdurre nella propria dichiarazione dei redditi i dati catastali e tutta la documentazione relativa all’immobile su cui vengono effettuati i lavori di installazione. Le spese dell'installazione devono essere versate tramite un bonifico, all'interno del quale bisogna specificare la causale del versamento, il codice fiscale di colui che intende usufruire di tale detrazione e i dati fiscali o il numero di partita IVA del ricevente. Infine bisogna inviare una specifica documentazione all'ENEA, ovvero l'agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile; nel documento è necessario inserire la certificazione energetica dell'immobile su cui viene installato l'impianto fotovoltaico, entro e non oltre 90 giorni dalla fine dei lavori.
Un aspetto da considerare è il risparmio sulla bolletta, che si assicura scegliendo un impianto fotovoltaico conforme rispetto ai consumi. Inoltre ciò che permette di ridurre i costi della bolletta di energia elettrica è l'autoconsumo, ovvero il consumo dell'energia prodotta dall'impianto fotovoltaico; in questo modo l'energia non verrà prelevata dalla rete elettrica, evitano di pagarla al fornitore. La regola fondamentale per un risparmio economico è autoprodurre e consumare il più possibile l'energia che viene prodotta dall'impianto, ad esempio utilizzando gli elettrodomestici o gli oggetti elettronici maggiormente durante la fascia diurna. Quindi più si riesce a consumare l'energia prodotta, maggiori saranno i risparmi in bolletta. Attualmente il costo d'installazione di un impianto fotovoltaico si aggira tra i 2.000 e i 3.000 euro per Kw installato, che può essere ammortizzato grazie ai bonus fiscali previsti. Nel caso in cui l'energia prodotta dall'impianto fotovoltaico non venga del tutto consumata, essa viene immessa in rete e utilizzata in un secondo momento a seconda delle necessità. Tale meccanismo è gestito dal GSE, il gestore dei servizi energetici, il quale tiene conto dell'energia prodotta e dell'energia consumata attraverso un contributo in conto scambio, relativo all'energia che viene immessa in rete. Il costo di tale contributo si aggira intorno ai 0,15 € per Kw immesso.


  • impianto fotovoltaico
  • impianto fotovoltaico bonus fiscali

Potrebbe interessarti anche

Elettricisti
I quadri elettrici e di comando

In ogni abitazione è presente un quadro elettrico di piccole o medie dimensioni, questo dispositivo svolge una specifica funzione: alimentare i circuiti per le luci, gli interruttori, ecc. In commercio sono disponibili diversi modelli di quadri elettrici e di comando che presentano differenti funzioni e caratteristiche. In generale, il quadro elettrico domestico, presenta alcuni elementi...

Elettricisti
Impianti elettrici ed elettronici: come migliorare la vivibilità della casa in sicurezza

L'impianto elettrico casalingo è un fattore molto importante, in quanto da esso dipendono l'illuminazione e il funzionamento degli elettrodomestici. Vista l'integrazione tecnologica nelle unità abitative, è fondamentale informarsi debitamente e mettersi nelle condizioni di capire se un impianto elettrico è ben eseguito e scegliere quali possono essere le soluzioni più adatte alle proprie...

Elettricisti
Impianto parafulmine per una casa protetta

I parafulmini sono dei dispositivi innovativi e tecnologici ci fondamentale importanza per rendere più sicura la propria abitazione. Durante fenomeni atmosferici di particolare entità capita di trovarsi a prendere in considerazione l'installazione di un impianto parafulmine. Numerosi sono gli effetti positivi scaturiti dall'installazione di una simile tecnologia che sarebbe capace di proteggere i...