MAGAZINE
Logo Magazine

Impianto solare termico: a circolazione naturale o forzata

Una breve guida per la scelta del miglior impianto solare termico: caratteristiche e tipologie di progettazione.

Chiedi un preventivo per
energie rinnovabili
richiedi un preventivo gratis

Un impianto solare termico può avere due tipi di circolazione, naturale oppure forzata. In questo articolo vogliamo aiutarti a capire quale sia la soluzione migliore, se hai intenzione di installare un impianto di questo tipo a casa tua. Potrai scoprire le differenze dei due tipi di impianti e i vantaggi e gli svantaggi di ognuno, in modo da poter fare la scelta più adatta alle tue esigenze e a quelle della tua abitazione.

Impianto solare termico a circolazione naturale

In un impianto solare termico a circolazione naturale la circolazione tra collettore e serbatoio di accumulo sfrutta il principio di gravità e non vengono utilizzati i circolatori. Il fluido termovettore si riscalda all’interno del collettore ed essendo caldo, è più leggero del fluido freddo all’interno del serbatoio. Da questa differenza di densità si genera una circolazione naturale. Il fluido riscaldato cede il suo calore all’acqua contenuta nel serbatoio e ricade nel punto più basso del circuito del collettore.

In un impianto solare termico a circolazione naturale il serbatoio si deve trovare quindi in un punto più alto del collettore. I sistemi solari termici a circolazione naturale possono avere l’accumulo integrato e l’acqua sanitaria viene fatta circolare direttamente all’interno del collettore. Questi impianti sono più adatti nelle regioni meridionali, dove non esistono significativi fenomeni di gelo.

Impianto solare termico a circolazione forzata

L’impianto solare termico a circolazione forzata è formato da un collettore solare a sé stante, collegato attraverso un circuito a un serbatoio localizzato nell’edificio. All’interno del circuito solare si trova acqua o un fluido termovettore antigelo. La pompa di circolazione del circuito solare viene attivata da un regolatore differenziale di temperatura quando la temperatura all’interno del collettore è superiore a quella di riferimento impostata nel serbatoio di accumulo.

Il calore viene quindi trasportato al serbatoio di accumulo e ceduto all’acqua sanitaria mediante uno scambiatore di calore. Un impianto solare termico a circolazione forzata è utile in tutti quei casi in cui non è possibile collocare il serbatoio di accumulo in una posizione sopraelevata rispetto al collettore. Un impianto di questa tipologia ha il vantaggio di offrire una maggiore libertà di progettazione e si adatta meglio a qualsiasi condizione climatica.

Solare termico a circolazione naturale o forzata?

A questo punto sorge spontanea la domanda se sia meglio il solare termico a circolazione naturale o forzata. Un impianto a circolazione forzata costa di più sia in termini di installazione che di materiali utilizzati. Un impianto a circolazione naturale, invece, costa meno e ha bisogno di poca manutenzione. A livello di produttività, poi, un pannello solare termico a circolazione naturale permette di avere più acqua calda rispetto a uno a circolazione forzata. Inoltre, un impianto a circolazione naturale è più adatto per i grandi impianti.

Qualsiasi sia l’impianto solare termico che vuoi realizzare a casa, puoi trovare l’azienda specializzata nell’installazione di questo tipo di soluzioni su PG Casa.. Richiedi subito un preventivo senza impegno.

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a energie rinnovabili
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore

POTREBBE INTERESSARTI

Lavori da fare in casa?

Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona

TUTTE LE CATEGORIE

Accedi con le tue credenziali