MAGAZINE
Logo Magazine

Come eseguire la rasatura di pareti già pitturate?

Per rendere una superficie omogenea è necessaria l'operazione di rasatura delle pareti. Scopri in questo articolo di PG Casa come eseguirla al meglio

Chiedi un preventivo per
rasatura pareti
richiedi un preventivo gratis

La rasatura delle pareti è un’operazione fondamentale da svolgere quando si vuole pitturare una parete, sia se la si deve tinteggiare per la prima volta, sia se si vuole rinnovare un ambiente.

Rasare una parete serve infatti a rendere omogenea una superficie, eliminando non solo le tracce di pittura preesistente o di altri materiali, ma anche tutte le granulosità e le imperfezioni che con il tempo si sono venute a creare o che sono il risultato di un intonaco grossolano. Avere una superficie liscia consente alla vernice di dare il meglio in quanto a tenuta, durata e brillantezza dei colori.

Ne consegue che rasare le pareti già pitturate è indispensabile per poter fare un lavoro a regola d’arte. In questi casi si consiglia di chiamare una dita specializzata o un imbianchino professionista ma, se siete esperti nel fai da te e volte cimentarvi in quest’operazione con le vostre mani, in questo articolo troverete tutte le informazioni utili.

Fase uno: eliminare la vernice

Prima di procedere a rasare le pareti già pitturate è necessario eliminare la pittura preesistente. Si può procedere in due modi:

  • con un raschietto
  • con l’uso di solventi chimici appositi

Il primo metodo è il più diffuso quando si lavora con intonachi vecchi o con pitture rovinate dalla muffa e consiste nell’utilizzare un raschietto per grattare gli strati di vernice. Se la pittura è molto vecchia o piena di crepe infatti, lo strato di intonaco sottostante verrà subito via. Per essere sicuri di aver eliminato ogni traccia di vernice, procedete poi a livellare la parete con un foglio di carta vetrata a grana fine.

Quando invece la parete è in buone condizioni si preferisce usare il secondo metodo, cioè passare una mano di solvente chimico per pittura chiamato anche sverniciatore o decapante. Questo agisce in modo da aderire alla pittura e rendere più facile il distacco con raschietto e carta vetrata. Il prodotto va steso con precisione su tutta la parete, poi è necessario attendere i tempi di asciugatura riportati sulla confezione.

Solo dopo aver eliminato la vernice sarà possibile procedere con la rasatura della parete.

Fase due: rasare la parete

Per rasare la parete è necessario che la parete sia completamente asciutta, per cui, dopo i vari interventi, è bene asciugarla con un panno: tracce di umidità potrebbero con il tempo trasformarsi in muffa. 

Per quanto riguarda i prodotti, si possono scegliere paste apposite come gli intonaci rasanti o il grassello di calce. Gli intonaci rasanti possono essere a base cementizia o a base di calce: i primi sono preferibili per la rasatura delle pareti esterne, perché contribuiscono a creare un secondo strato di spessore a protezione dell’intonaco, mentre i secondi sono perfetti per le pareti interne. In quanto al grassello di calce, si tratta di un composto legante a base di acqua e idrossido di calcio, leggermente più difficile da usare ma molto efficace. 

Procuratevi anche una spatola americana, cioè una spatola con un manico che garantisca una presa ben solida. Per la rasatura delle pareti, la pasta va poi stesa in modo uniforme, esercitando una leggera pressione, facendo attenzione a coprire anche gli angoli ed evitando di formare dei dislivelli.

Se preferite rivolgervi ad un professionista del settore, potete richiedere un preventivo direttamente sul nostro sito!

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!
Richiedi un preventivo gratis a rasatura pareti
CHIEDI ORA
invia la tua richiesta gratis
ricevi fino a 5 preventivi
scegli il preventivo migliore
Lavori da fare in casa?
Ricevi e confronta preventivi gratis dai migliori professionisti nella tua zona
TUTTE LE CATEGORIE
Accedi con le tue credenziali