Hai completato il 00% della tua richiesta
di preventivo

CONTINUA CON LA RICHIESTA CANCELLA RICHIESTA

Chiedi preventivi per

INSTALLAZIONE CANNA FUMARIA

Dove ti serve il servizio?
Non ricordi il CAP?
CHIEDI PREVENTIVO
  • Invia la tua
    richiesta gratis

    Rispondi ad alcune brevi domande sul servizio che ti serve e lascia i dati per essere contattato
  • Ricevi fino a 5
    preventivi

    I nostri professionisti ti invieranno preventivi personalizzati nel più breve tempo possibile
  • Scegli il preventivo
    migliore

    Confronta preventivi, profili e recensioni, quindi assumi il professionista adatto a te

GUIDA UTILE

Installazione di una canna fumaria: come si fa e a chi rivolgersi

Che serva per il riscaldamento del’ufficio durante l’inverno o venga utilizzata per il forno a legna sul terrazzo o in giardino, in ognuna di queste circostanze bisogna fare i conti con la canna fumaria

Se da una parte il suo impiego è regolato da precise normative specialmente nel caso in cui avvenga all’interno di condomini, dall’altra un’errata installazione rischia di provocare problemi tecnici e, nei casi più gravi, può riservare problemi alla salute a causa dei gas di scarico smaltiti in modo scorretto. 

 

Come si installa una canna fumaria

Oggi il materiale più usato per realizzazione una canna fumaria è l’acciaio inox. Questo materiale consente di costruire una canna fumaria mediamente in un giorno senza avere interventi invasivi di muratura. Sul mercato ci sono anche canne fumarie in muratura di ottima qualità che però in fase d’installazione risultano essere più complesse e costose.

 

Ecco perché nella maggior parte dei casi vengono usati tubi in inox coibentati ed esternamente rivestiti in inox, rame o verniciati.

 

Nella fase di installazione è preferibile ipotizzare un’ispezione per la pulizia e scarico condensa che dovrebbero essere posti alla base.

 

È consigliato prevedere, sotto il raccordo fumi, un ulteriore T per poter installare un riduttore di tiraggio. Questa semplice operazione può rivelarsi importante per il futuro.

 

Poi bisogna procedere con le tubazioni fino alla parte superiore del tetto superando la zona di reflusso. Uno dei punti più delicati è proprio la zona del passaggio tetto, dove si dovranno valutare i materiali con cui è stato realizzato e agire di conseguenza.



Esistono dei tubi chiamati passaggi a tetto per mettere in sicurezza, se necessario, la copertura. Lo step successivo è la posa della conversa e scossalina per scongiurare infiltrazioni per poi arrivare al terminale che dovrà contare su una una sezione di sbocco maggiore della sezione della canna fumaria. Infine, il comignolo va scelto sulla base di alcuni fattori tecnici che possono essere indicati dalla ditta che si appresta ad eseguire il lavoro.

Tipologia di canna fumaria Prezzi medi
Canna fumaria in laterizio 75 € – 300 €
Canna fumaria in materiale refrattario 175 € – 500 €
Canna fumaria in acciaio 75 € – 250 €
Canna fumaria in acciaio smaltato 90 € – 275 €

 

Canne fumarie: le tipologie. La stufa a pellet

Un sistema di riscaldamento con una stufa a pellet è il modo migliore per riscaldare la casa. A differenza dei classici termosifoni o delle stufe a gas, il pellet è certamente più sicuro ed economico.

È importante possedere una canna fumaria per la stufa a pellet che assicuri lo scarico dei fumi efficace e sicuro. Non sempre però l’abitazione ha un camino e capita spesso che questo sia vecchio e non rispetti la normativa esistente.

 

In questo caso, il primo passo consiste nel contattare un professionista del settore per verificare le condizioni di un’eventuale canna fumaria già esistente. C’è da sapere che non esistono stufe a pellet senza canna fumaria, per cui è necessario prima di tutto sistemare il camino o la canna fumaria.


Per far funzionare ogni caminetto è importante tenere a mente una serie di parametri. Solitamente vengono usati tubi in acciaio a sezione circolare, in modo da avere pareti più lisce e senza rugosità varie. Così facendo sarà meno semplice che il fumo si attacchi alle pareti a causa dell’attrito creando dei depositi.

 

È fondamentale anche la selezione del diametro della canna fumaria per la stufa a pellet. Se il diametro è ampio, allora ci saranno temperature più basse ma una velocità di tiraggio inferiore. Se si opta per ridurre il diametro, si otterranno temperature più alte ma una velocità maggiore di allontanamento dei fumi.

 

In tutto questo c’è da considerare le norme a corredo, le quali impediscono gli scarichi orizzontali (ad esempio da pareti laterali) e impone che siano tutti fatti finire sul tetto. Da evitare, secondo legge, eventuali pericoli per gli edifici limitrofi. 


Affinché non influenzi negativamente la quantità di calore prodotto dalla stufa a pellet, la canna fumaria deve essere costruita con un percorso capace di risultare breve e lineare. Infatti, osservando le canne fumarie ben funzionanti, è possibile evidenziare come le sezioni orizzontali non fanno altro che rallentare il tiraggio,  agevolando così il deposito di cenere e accumuli.

 

Tipologie di stufe a pellet Prezzi medi
Stufe a pellet idro 400 € – 600 €
Canna fumaria stufe a pellet 35 €
Manutenzione stufe a pellet 50 € – 70 €

 

Canna fumaria per stufa a legna

Nella circostanza in cui la casa dove si vuole acquistare e montare una stufa a legna non possieda una canna fumaria, sarà necessario realizzarla. In un edificio di nuova costruzione, è preferibile inserirla nel progetto. La spesa dovrebbe essere contenuta. Il problema potrebbe sorgere in una struttura già esistente: in questo caso, l’installazione potrà essere più complicata ed onerosa, ma comunque generalmente realizzabile. 


In caso di installazione di una stufa a legna, è preferibile evitare le pareti perimetrali della casa, cercando di piazzarla al centro della casa. Non solo questo renderà più efficace la distribuzione del calore prodotto da qualunque apparecchio ad essa collegato, ma renderà anche il suo funzionamento largamente indipendente dalle condizioni atmosferiche esterne, diminuendo la dispersione termica.

 

In questo caso bisogna tenere comunque presente l’imposizione di avere una presa d’aria di combustione collegata con l’esterno. E non solo, sarebbe indicato anche l’inserimento di uno sportello di ispezione e pulizia alla sua base.

 

Allo stesso modo, potendo scegliere la posizione del comignolo, è preferibile installarlo in cima al tetto, ad un’altezza che consenta al comignolo di sporgere non meno di 50 cm oltre il colmo.


Aziende consigliate da noi

S.M.M.A. Manutenzione Montaggio Ascensori

S.M.M.A. srl svolge la propria attività a Milano. La ditta si occupa dell’installazione, manutenzione o la...

Chiedi preventivo
La Nuova Idraulica 73 di Mantoan Maurizio

L'azienda si occupa di installazione impianti di riscaldamento, impianti idrotermosanitari, impianti di...

Chiedi preventivo
Milano Splendida

Milano Splendida è un’impresa di pulizia che rivolge i propri servizi a privati, esercizi commerciali, uffici,...

Chiedi preventivo
Ferrari Maurizio

Ferrari Maurizio, ditta di Milano, si occupa di tinteggiatura di interni ed esterni, verniciatura, posa carta...

Chiedi preventivo
Lattoneria Rota

La lattoneria Rota è presente sul mercato di Milano ed è specializzata nella realizzazione di lamiera zincata...

Chiedi preventivo
Spurgo Pozzi Milano

La Spurgo Pozzi Milano vanta una trentennale esperienza nel settore dell'autospurgo, spurgo fognature e pozzi...

Chiedi preventivo
Ditta Artigiana Tobar

La Ditta Artigiana Tobar è specializzata in installazione, riparazione e manutenzione infissi, montaggio,...

Chiedi preventivo
Fly Original Lavori Verticali su Fune

Fly Original è un’impresa edile di Milano che vanta una notevole esperienza. La ditta garantisce la...

Chiedi preventivo