Hai completato il 00% della tua richiesta
di preventivo

CONTINUA CON LA RICHIESTA CANCELLA RICHIESTA

Chiedi preventivi per

INSTALLAZIONE IMPIANTI ELETTRICI

Dove ti serve il servizio?
Non ricordi il CAP?
CHIEDI PREVENTIVO
  • Invia la tua
    richiesta gratis

    Rispondi ad alcune brevi domande sul servizio che ti serve e lascia i dati per essere contattato
  • Ricevi fino a 5
    preventivi

    I nostri professionisti ti invieranno preventivi personalizzati nel più breve tempo possibile
  • Scegli il preventivo
    migliore

    Confronta preventivi, profili e recensioni, quindi assumi il professionista adatto a te

GUIDA UTILE

Installazione impianti elettrici: tipologie, norme da rispettare e costi

L’impianto elettrico è una componente fondamentale, tanto negli ambienti domestici quanto in quelli aziendali e industriali, complessa e articolata, ma anche potenzialmente pericolosa.

 

L’installazione impianti elettrici domestici non prevede soltanto la soddisfazione dei bisogni, ma serve anche a garantire un certo livello di qualità, di sicurezza e di continuità. Inoltre è importante che venga effettuata da esperti del settore, in modo tale che funzioni in modo corretto.

Quali sono gli elementi che compongono un impianto elettrico

Gli elementi essenziali che compongono un impianto elettrico sono vari:

  • contatore: ha la funzione di registrare i consumi fatti per poter specificare la cifra esatta da addebitare;
  • salvavita: un meccanismo di sicurezza capace di fermare il flusso elettrico in un circuito e dotato di una funzione magnetica, termica, che protegge da un sovraccarico, e differenziale, una salvaguardia dai contatti accidentali con parti di tensione;
  • tubi: sono posti al di sotto del pavimento o all’interno delle pareti, e grazie a questi l’elettricità raggiunge qualsiasi punto della casa;
  • cavi elettrici: fili metallici che permettono all’energia elettrica di essere ovunque;
  • punto luce: consente l’accensione e lo spegnimento delle luci.

Installazione impianti elettrici: tipologie

Gli impianti elettrici vengono generalmente classificati in tre gruppi, in base al livello di prestazione e impiego:

  • Impianto elettrico essenziale: costituisce il minimo previsto e prevede un impianto che mette al primo posto l’efficienza e la sicurezza.
  • Impianto elettrico di ampio uso: è adibito per unità immobiliari con un forte uso degli impianti e, a differenza della precedente tipologia, si riscontra un aumento della dotazione e di altri servizi, come l’antintrusione.
  • Impianto elettrico domotico: è destinato ad unità immobiliari con impianti innovativi. Si riscontrano maggiori dotazioni in confronto agli altri 2 livelli.

Come fare un impianto elettrico

Installare un impianto elettrico non è un’operazione semplice, ma con specifici accorgimenti e consigli il lavoro può essere eseguito correttamente. Prima di iniziare a svolgere tale opera, occorre spegnere l’interruttore generale in modo tale da lavorare in totale sicurezza.

 

Per l’installazione impianti elettrici sono necessarie varie componenti, come le scatole di derivazione (per cui si devono segnare le zone in cui verranno collocate) e i cavi elettrici. Per quanto riguarda il quadro elettrico, invece, la struttura dell’abitazione determina l’area più adatta in cui posizionare tale componente.

 

Parlando di prese e spine, occorre fare particolare attenzione a ciò che dice la normativa, ossia che dovranno essere collocate ad una certa altezza. Tuttavia è bene considerare l’ambiente e lo stile della propria casa, in modo tale da essere sicuri sul posto in cui si vogliono porre gli elettrodomestici, come la televisione, la lavatrice, etc…

Installazione impianti elettrici normativa

Esistono norme essenziali e ben precise per quanto riguarda l’installazione di un impianto elettrico civile. Innanzitutto, è fondamentale dare la comunicazione all’ufficio del Comune di ubicazione dell’immobile e rivolgersi a professionisti certificati del settore per la progettazione, l’ampliamento e l’eventuale trasformazione.

 

La normativa CEI dell’anno 2011 comunica l’obbligo della presenza dell’interruttore differenziale salvavita e il cosiddetto collegamento entra/esci per le prese elettriche. In conclusione, per garantire la sicurezza e la qualità dell’impianto elettrico installato, occorre possedere il Certificato o la Dichiarazione di conformità, un documento essenziale nel momento in cui si costruisce un nuovo sistema elettrico, idraulico, di riscaldamento e di cottura, e la Dichiarazione di rispondenza, che sostituisce la documentazione precedente nel caso in cui quest’ultima risultasse inesistente o non reperibile. Oltre a ciò, è bene puntualizzare che per ottenere la dichiarazione di corretta installazione impianto elettrico, bisogna che sia conforme alle prescrizioni di legge.

Quanto costa installare un impianto elettrico

Un impianto elettrico ha un costo direttamente proporzionale alle dimensioni dell’abitazione, al livello di complessità dell’impianto (se semplice o domotico), ma anche e soprattutto al numero di punti luce, prese per la tv e prese internet saranno presenti. Se consideriamo le dimensioni dell’appartamento, allora i costi potrebbero essere i seguenti:

 

Tipologia impianto per appartamento Costi
Impianto elettrico per appartamento 50 mq Da 1.800 a 3.000 €
Impianto elettrico per appartamento 80 mq Da 3.000 a 5.000 €
Impianto elettrico per appartamento 100 mq Da 4.500 a 6.000 €
Impianto elettrico per appartamento 150 mq Da 6.000 a 10.000 €

 

Per quanto riguarda invece le singole componenti, all’interno di un contratto per installazione impianto elettrico saranno sicuramente presenti i seguenti costi:

 

Impianto elettrico Costi al mq
Punto luce Da 20 a 25 €
Presa TV Da 25 a 30 €
Presa telefonica Da 25 a 30 €
Alimentazione caldaia Da 35 a 40 €
Quadro elettrico Da 450 a 600 €
Manodopera Da 30 a 50 € all’ora

 

Domande frequenti:

  • Come mettere a norma un vecchio impianto elettrico?

    La messa a norma di un impianto elettrico esistente prevede che il tecnico agisca sui componenti, mantenendo nella stessa posizione interruttori e prese. Non sarà necessario ricorrere alla sostituzione dei tubi posti alle pareti, ma l’intero impianto dovrà risultare ottimale e soprattutto sicuro al fine di rilasciare una dichiarazione di conformità che ne attesti il corretto funzionamento.

    Richiedi un Preventivo su PG Casa

  • Quanto costa rifare impianto elettrico?

    Il rifacimento di un impianto elettrico comporta un investimento, che varia a seconda della tipologia dell'impianto, dimensioni, potenza, etc... La cifra da spendere per rifare l'impianto in un appartamento potrebbe aggirarsi tra i 2.500 e i 6.000 €.


Aziende consigliate da noi

Dalflex Cancelli e Porte

La ditta Dalflex, sita a Milano, è specializzata nell'ambito delle porte blindate e cancelli di sicurezza....

Chiedi preventivo

Ricerca guasti, impianti elettrici civili, installazione e progettazione illuminazione led, installazione...

Chiedi preventivo
Abc Orlando

Abc Orlando

4 recensioni clienti

ABC Orlando è presente a Milano, dove effettua produzione, installazione e manutenzione di serramenti in...

Chiedi preventivo
Ares Costruzioni Ristrutturazioni e Manutenzioni

Ares Costruzione, leader nella ristrutturazione di appartamenti- uffici ed edifici commerciali. Hai bisogno di...

Chiedi preventivo
Elettrosat impianti elettrici - Antenne - Condizionatori

Installazione di antenne singole e centralizzate. Antenne satellitari, terrestri e per digitale terreste....

Chiedi preventivo
GAM Multiservice

GAM Multiservice

3 recensioni clienti

GAM Multiservice da oltre un decennio si occupa di servizi di idraulica. fabbro, tapparelle, serrature,...

Chiedi preventivo
Trilux Impresa Multiservizi

La Trilux Multiservizi è un' azienda che opera nel settore delle pulizie e servizi per aziende ,...

Chiedi preventivo
Giametta A. S.r.l. Acqua Luce Gas

La Giametta A. è attiva sul mercato dal 1974 e si occupa di impianti e riparazioni idrauliche, elettriche e di...

Chiedi preventivo