Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

Accedi con le tue credenziali

Non ti fermare adesso

Hai completato il 00% della tua richiesta
di preventivo

CONTINUA CON LA RICHIESTA CANCELLA RICHIESTA

Lavori da fare in casa?

  • INVIA LA TUA RICHIESTA
  • ricevi fino a 5 preventivi
  • scegli il preventivo migliore
Chiedi preventivi per

CERTIFICAZIONE IMPIANTO ELETTRICO

Dove ti serve il servizio?

  • Invia la tua richiesta gratis In primo luogo, rispondi ad alcune brevi domande sul tipo di professionista che stai cercando.
  • ricevi fino a 5 preventivi Entro poche ore, riceverai preventivi personalizzati in base alle tue esigenze specifiche.
  • scegli il preventivo migliore Confronta preventivi, profili e recensioni, quindi assumi il professionista adatto a te.
GUIDA UTILE

Certificazione impianto elettrico: di cosa si tratta e a cosa serve

Quando si installa un impianto elettrico in uno stabile, la normativa obbliga a produrre un’attestazione di conformità dell’impianto.

 

La certificazione dell’impianto elettrico che attesti la qualità dell’impianto e la sicurezza deve essere redatta dalla ditta o dal professionista che ha installato o effettuato la manutenzione dell’impianto.

 

Questa certificazione è un modo per proteggere lo stabile e le cose e persone al suo interno. Viene redatta al termine dei lavori di installazione o di modifica dell’impianto elettrico e viene rilasciata in copia al committente.

 

La dichiarazione di conformità DiCo è un documento che deve essere prodotto per ogni tipo di impianto, da quello di riscaldamento a quello elettrico. Nel caso in cui il professionista o la ditta esecutrice dei lavori di installazione o manutenzione non rilasci questa certificazione, rischia un’ ammenda che può arrivare fino a 10.000 euro.

 

Scegliere con cura i professionisti che andranno ad eseguire i lavori e a redigere la successiva documentazione necessaria al fine di rendere tutto a norma di legge risulta quantomai importante sia dal punto di vista normativo che dal punto di vista della sicurezza.

 

Tipo di certificazione Prezzi medi
Certificazione nuovo impianto elettrico Da 50 a 100 euro
Certificazione impianto elettrico preesistente Da 150 a 200 euro
Certificazione impianto elettrico + adeguamento Da 200 a 500 euro

 

Cosa contiene la certificazione dell’impianto elettrico?

Nella certificazione dell’impianto elettrico bisogna esplicitare tutto ciò che riguarda il lavoro svolto sull’impianto. La certificazione dell’impianto elettrico è composta da:

  • I dati di riferimento della ditta che sta svolgendo i lavori;
  • I dati del committente, che sia un privato cittadino o un’azienda;
  • La dichiarazione della ditta appaltante che i lavori siano stati realizzati a regola d’arte ovvero rispettando tutte le normative e i protocolli dell’ambito elettrico, utilizzando materiali idonei a tenere alto il livello di sicurezza dell’impianto;
  • Un report dei test effettuati dai tecnici sul sistema;
  • Lo schema d’impianto, vale a dire una sezione in cui vengono dichiarati tutti i componenti che fanno parte dell’impianto elettrico che si sta certificando.

 

Redirigere la certificazione in mancanza di uno o più di questi componenti significherebbe invalidare tutto il processo. La conseguenza diretta di una certificazione non valida è l’impossibilità di ottenere l’agibilità dello stabile interessato.

 

Certificazione impianto elettrico preesistente

Quando c’è la necessità di certificare un impianto elettrico preesistente non conoscendo l’effettiva origine e fattura, è necessario contattare i professionisti certificatori.

 

Tutti gli impianti costruiti dopo il 2008 devono avere per legge la dichiarazione di conformità. Questa dichiarazione è indispensabile per procedere alla vendita o all’affitto di un immobile. Se l’immobile è sprovvisto di questo tipo di certificazione e ci si appresta ad eseguire delle modifiche all’impianto, si consiglia di certificare prima dell’inizio dei lavori.

 

In caso di impianto non a norma, per ottenere una certificazione di conformità è necessario investire nel rifacimento dell’impianto elettrico. Il costo per il rifacimento dell’impianto elettrico oscilla mediamente tra i 60 e gli 80 euro al mq. Questi prezzi possono variare fortemente nei casi in cui ci fosse necessità di riprogettare da zero l’intero impianto.

 

Il rifacimento dell’impianto elettrico è un investimento per il futuro dell’immobile. Oltre a garantire una maggiore sicurezza per l’abitazione e per le persone all’interno, questo tipo di intervento permette di avere un sostanzioso risparmio in bolletta.

 

Infatti installando un impianto elettrico più nuovo e performante rispetto ad un impianto vecchio e non a norma, si può ammortizzare l’investimento nel tempo grazie al risparmio sulla componente elettrica. Inoltre ammodernare l’impianto elettrico consente di scongiurare ancor di più gli interventi di manutenzione straordinaria che possono rappresentare una voce di spesa importante negli impianti datati.

Certificazione impianto elettrico online: è affidabile?

Su internet è possibile trovare opportunità per redigere completamente online una certificazione dell’impianto elettrico a basso costo. Questa modalità di certificazione è vivamente sconsigliata.

 

Per certificare un impianto elettrico è assolutamente necessario un’analisi approfondita vista la complessità dell’impianto. Senza questa indagine profonda è impossibile compilare in maniera corretta la certificazione dell’impianto elettrico dell’edificio.

 

Manutenzione impianto elettrico

Per mantenere le performance alte e un adeguato livello di sicurezza, effettuare regolarmente la manutenzione è fondamentale. Mettere in atto gli interventi di manutenzione programmata dell’impianto, permette di tenere sotto controllo tutte le componenti, scongiurando il rischio di rotture o malfunzionamenti improvvisi.

 

Per fare manutenzione occorre rivolgersi ai tecnici specializzati che al termine degli interventi programmati e non devono rilasciare la certificazione che garantisce la massima sicurezza e funzionalità dell’impianto, secondo quanto previsto dalla norma CEI 64-8.

 

Chi può redigere le certificazioni dell’impianto elettrico?

Ad avere l’autorizzazione per redigere una certificazione dell’impianto elettrico sono solo i tecnici specializzati. Questi devono esaminare ogni minima parte dell’impianto per verificare l’eventuale presenza di criticità.

 

Nel caso in cui l’azienda che effettua l’installazione o la manutenzione non abbia il personale qualificato per produrre questa documentazione, occorre rivolgersi ad aziende specializzate nella certificazione degli impianti elettrici.

 

Per semplificare le operazioni di certificazione e rendere più fluido l’iter che conduce al rilascio del documento, è consigliabile chiedere la dichiarazione di conformità direttamente all’azienda che dovrà realizzare l’impianto elettrico. 

Aziende consigliate da noi

vedi tutte le aziende