magazine

tutti gli articoli

Consigli pratici per la pulizia e manutenzione dei tendaggi

Le tende sono fondamentali per dare bellezza ed equilibrio a una stanza. Per fare in modo che il risultato sia perfetto è bene pulirle periodicamente.

Le tende sono veri e propri complementi d'arredo perché hanno il compito di abbellire le finestre e di dare carattere e stile all'ambiente. Al tempo stesso sono fondamentali per garantire il giusto livello di privacy negli ambienti, proteggendoli da sguardi indiscreti. Ciò vale in maniera particolare per le abitazioni poste in un condominio oppure che si affacciano direttamente sulla strada. Per questi motivi i tendaggi sono elementi che non possono mai mancare in una casa. In commercio si trovano tantissimi modelli, diversi per tipologia, caratteristiche tecniche, materiali e colori; inoltre la movimentazione può essere manuale oppure motorizzata. Di conseguenza i complementi possono adattarsi con ottimi risultati a ogni contesto e stile d'arredo. Qualunque sia la soluzione scelta occorre tenere a mente che la pulizia tendaggi è fondamentale per valorizzare in maniera adeguata la stanza e l'arredamento. Non solo si riesce a dare la giusta atmosfera nell'ambiente, ma si migliora anche il comfort abitativo e si protegge la propria salute. Infatti le tende non pulite accumulano polvere e possono far proliferare acari e batteri.
La manutenzione e la pulizia tendaggi può essere effettuata anche da soli, tuttavia bisogna prestare molta attenzione a quale sia il tessuto utilizzato e alla tipologia alla quale appartiene il modello. Più le tende sono delicate e pregiate e maggiori cure richiedono per non rovinarne la consistenza. Le soluzioni in cotone, lino e materiali sintetici possono essere lavate da soli senza problemi, mentre è bene rivolgersi a imprese di pulizia per gli elementi in velluto oppure seta. Lo stesso vale per i tendaggi di notevoli dimensioni, difficili da gestire. La pulizia tendaggi deve avvenire in maniera periodica, così come la manutenzione ordinaria. Ogni 10-15 giorni occorre passare le tende con un aspirapolvere con bocchettone aspirante per eliminare la polvere. I periodi tra una pulizia e l'altra vanno ridotti durante la stagione invernale perché l'accensione del riscaldamento aumenta la presenza di polvere. Per quanto riguarda il lavaggio vero e proprio, invece, la scelta se affidarsi a imprese di pulizia dipende da vari fattori perché occorre prestare attenzione a tanti piccoli dettagli di grande rilevanza per mantenere i tendaggi perfetti e farli durare a lungo.

La pulizia tendaggi avviene in lavatrice: si può procedere anche da soli se i modelli sono in materiali resistenti e se l'elettrodomestico ha una capienza superiore a 7 chili. Inoltre deve essere presente un programma specifico per tendaggi a 30°C. In alternativa si opta per imprese pulizia. Non bisogna mai centrifugare per evitare di rovinare il tessuto. Se non si è fatta una manutenzione ordinaria adeguata e le tende sono molto impolverate, è necessario immergerle prima in acqua fredda. Quindi le si lava, accuratamente piegate, in lavatrice. Quando si hanno in casa tendaggi pesanti la manutenzione ordinaria con l'aspirapolvere diventa ancora più importante perché il lavaggio non può avvenire molto spesso. Per la parte alta delle tende è possibile usare anche una spazzola morbida. Nella maggior parte dei casi si decide di fare la pulizia tendaggi all'inizio della primavera e alla fine della stagione estiva. Infatti le tende vanno rimontate quando sono ancora leggermente umide, quindi si preferisce questo periodo di tempo per evitare di diffondere umidità negli ambienti domestici.
Oltre a prestare molta attenzione a smontare l'asta che sorregge il pannello occorre fare in modo che durante la pulizia tendaggi in lavatrice non si formino pieghe. Proprio per questo motivo è necessario avvolgere su se stessa una tenda plissettata, per poi attorcigliarla e legarla con dei nastrini. Di conseguenza è bene che non sia troppo impolverata quando la si mette in lavatrice. I cordoncini vanno puliti periodicamente passandoli con uno straccio bianco imbevuto di trielina; quindi li si asciuga con un panno pulito. Un aspetto da considerare con attenzione è la presenza o meno di macchie e la loro estensione. Per quelle più grandi e resistenti (causate da olio, caffè oppure vino) si consiglia di optare per imprese di pulizie o lavanderie specializzate in quanto sono difficili da eliminare. Per altri tipi di macchie si deve passare la superficie con sapone di Marsiglia, strofinare delicatamente la zona interessata e lasciare in ammollo le tende per 20 minuti almeno. Quindi si lavano i tendaggi in lavatrice. Si consiglia di aggiungere un po' di aceto quando si lavano le tende colorate, così da fissare meglio i colori e farli durare a lungo. Invece si riesce a far risaltare i tendaggi chiari e bianchi aggiungendo cinque cucchiai di acqua ossigenata o di perborato.

Potrebbe interessarti anche