Sei già cliente?

Gestisci i tuoi servizi nell'area dedicata di Italiaonline.

accedi all'area clienti

Vuoi trovare
nuovi clienti?

Scopri come inserire la tua attività
su PagineGialle Casa!
CONTATTI: NUMERO VERDE 800-011411
info@italiaonline.it

Accedi con le tue credenziali

MAGAZINE

chiedi preventivo

Mettere il parquet sopra il pavimento: scopri come

Vuoi posare il parquet a casa tua senza rimuovere il parquet già esistente? Lo puoi fare!Scopri come

parquet sopra il pavimento
Chiedi un preventivo per posa parquet su pavimenti esistenti richiedi un preventivo gratis

I pavimenti in legno hanno da sempre caratterizzato gli interni delle abitazioni.

Il legno è un materiale intriso di tradizione, innovazione e originalità, anche grazie alle texture sempre diverse: benché, per la pavimentazione di locali, esistano in commercio diversi materiali interessanti in grado di riprodurne l’effetto, il parquet è ancora considerato il più elegante e confortevole in assoluto.

Il tradizionale pavimento in legno infatti, offre, in ogni caso, un risultato di grande impatto sia visivo che sensoriale. Oggi il parquet giunge a un’evoluzione più contemporanea con la tipologia dei prefiniti che hanno un costo inferiore e sono più a portata di mano, di facile installazione e manutenzione

Caratteristiche essenziali

Cominciamo dicendo che esistono due tipologie di pavimento in legno: il parquet in legno massello e il parquet lamellare o prefinito.

I listoni del primo si ottengono tagliando direttamente i tronchi e ricavando sezioni dello spessore e delle dimensioni desiderate, mentre il secondo è un derivato della compattazione e sovrapposizione degli scarti del legname lavorato e, proprio per questo motivo, più economico.

Tra i grandi vantaggi del parquet c’è sicuramente la possibilità di poter essere posato su pavimento preesistente. Ciò vuol dire che si può risparmiare, quanto meno, sui costi di smantellamento. Questa è senz’altro la soluzione migliore per chi vuole cambiare velocemente l’aspetto del proprio appartamento ma è da escludere in caso di ristrutturazioni dovute, ad esempio, all’usura delle precedenti mattonelle.

Per posare il parquet sul pavimento esistente è infatti necessario che la vecchia pavimentazione non risulti disconnessa o irregolare: deve essere quindi ancora ben incollata al suolo e deve essere ben livellata orizzontalmente, senza dislivelli tra una piastrella e l’altra. Assolutamente non deve: scricchiolare, avere degli sbalzi di altezza, muoversi, avere parti di pavimentazione “rigonfiata”, essere un pavimento in moquette o in gomma.

Posa in opera del parquet su piastrelle: è possibile?

Nel caso di pavimentazione preesistente con piastrelle, si potrà verificarne l’effettiva solidità battendo superficialmente le ceramiche o le pietre. Se segue un suono “vuoto”, significa che la pavimentazione si è scollata dal massetto, creando in questo modo problemi di instabilità al parquet. Se, invece, dopo le necessarie verifiche, si è potuto constare la solidità della pavimentazione esistente si procederà tramite l’utilizzo di una levigatrice a eliminare lo strato superficiale, che essendo liscio e lucido impedirebbe la perfetta adesione della colla per parquet.

E i costi?

Orientativamente, la posa in opera del parquet sopra il pavimento ha prezzi che possono variare dagli 8€ al mq per legno laminato fino ai 30€ al mq per legno massello. Il costo finale di diversifica inoltre anche per la tipologia di posa: quella a “spina di pesce” o quella a “fascia e bindello” hanno un costo maggiore rispetto alla classica diritta a tolda di nave o alla diritta accostata standard.

Posa a colla o flottante?

Le tipologie di posa per pavimentazioni in legno sono principalmente tre:

  • posa mediante chiodatura/avvitatura
  • posa a colla
  • posa flottante o galleggiante.

La prima, usata tradizionalmente con i parquet in legno massello, viene oggi impiegata in rare occasioni, ed è stata sostituita nella gran parte dei casi da quella a colla, grazie anche alla diffusione sempre maggiore dei parquet prefiniti.

In alternativa alla posa a colla, può essere utilizzata quella flottante o galleggiante, una posa essenzialmente a secco, meno invasiva e assolutamente ecocompatibile. Questo tipo di posa si differenzia dalle altre due poiché non richiede l’utilizzo di chiodi, di colle o di altri supporti per l’installazione delle liste di legno, ma consiste nell’appoggiare e agganciare i listelli l’uno all’altro tramite gli incastri maschio-femmina.

Tra i listelli di legno e la base, ovvero il pavimento preesistente, viene solitamente applicato una guaina di materiale isolante che permette l’insonorizzazione, la protezione dall’umidità e l’isolamento termico.

Quando si effettua la posa di un parquet flottante viene solitamente consigliato di posare delle liste di dimensioni più grandi rispetto magari ad un più elegante e particolare pavimento a listelli sottili, in modo tale che garantiscano, grazie al loro peso, il minor movimento possibile una volta posate.

Mettere il parquet sopra il pavimento utilizzando la posa flottante, quindi, è una miglioria pratica e veloce da apportare alla nostra casa: anche se non si avrà a disposizione l’ampia gamma di tipologie e schemi di posa che si potrebbero avere con un parquet incollato o inchiodato, potrete giovare sicuramente dell’aspetto economico dell’intervento. La posa chiodata, ad esempio, costa all’incirca un terzo in più rispetto a quella incollata, che già comunque include dei costi di smantellamento della vecchia pavimentazione che la posa flottante non prevede. Inoltre, si ha il vantaggio di poter scegliere dei listelli più sottili, così da poter ridurre anche i costi sul materiale.

Richiedi un preventivo gratuito a un professionista esperto e trova subito la soluzione più adatte alle tue esigenze!

preventivo

Scegli uno dei nostri migliori professionisti! Richiedi un preventivo gratis a posa parquet su pavimenti esistenti

invia la tua richiesta gratis ricevi fino a 5 preventivi scegli il preventivo migliore

CHIEDI ORA